Soprintendenza di Salerno e Avellino, boom di presenze nei musei con un picco di 31.104 persone a San Pietro a Corte

Un traguardo più che positivo raggiunto nel 2022, dalla Soprintendenza di Salerno e Avellino, in merito alle visite nei musei del territorio.

Il bilancio del 2022, infatti, registra oltre 70.000 visitatori (70.411 per l’esattezza) nei vari musei e siti archeologici gestiti dalla Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino diretta da Raffaella Bonaudo.

I luoghi più visitati

Tra i luoghi più visitati non possiamo che citare, a Salerno, il complesso monumentale di San Pietro a Corte, con il relativo Ipogeo e la Cappella di Sant’Anna. Solo qui, infatti, sono state rilevate ben 31.194 presenze. Nel solo mese di dicembre 2022, durante il periodo dedicato alle Luci d’Artista, appuntamento annuale che riempie di luci e colori la città, l’affluenza è stata di 5.549 persone.

Soprintendenza di Salerno e Avellino

La soprintendente Raffaella Bonaudo con il funzionario Michele Faiella

Anche la Villa Romana di Minori non è stata da meno, con 9.577 visitatori secondo i dati riferiti fino a giugno 2022. In seguito, la Villa Romana è passata sotto la gestione della Direzione Generale Musei della Campania. Inoltre, al Museo Archeologico di Buccino hanno fatto visita oltre 2.500 persone (2.619 visitatori complessivi).

I dati del territorio di Avellino

Per quanto riguarda Avellino, i dati sono positivi per il Carcere Borbonico (8.174 visite) e per le Aree Archeologiche di Mirabella Eclano (1.796 visite) e Atripalda (369 visite). Anche qui i dati sono riferiti fino a giugno 2022, perché ora i siti sono gestiti dalla Direzione Generale dei Musei della Campania. Ottimi risultati anche per il museo MIA di Avella, con 5.317 visitatori, e l’Area Archeologica, con 5.544 persone registrate.

Insomma, un saldo positivo che fa ben sperare per il 2023. Salerno e Avellino, infatti, sono territori molto ricchi di storia e centri culturali, che rendono sia la prima che la seconda delle vere e proprie province di riferimento per chi vuole espandere la conoscenza dei tesori archeologici conservati in Campania. Un’ottima notizia per chi lavora per valorizzare e ampliare il potenziale culturale di questi territori.

Fonte: comunicato stampa

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
0
Amore
0
Non saprei
0
Divertente
0
Maria Cristina Folino
Laureata in Pubblicistica e Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Salerno, specializzata in programmazione e gestione d'interventi per gli archivi e le biblioteche digitali, dal 2008 collabora con stampa locale e giornali online. Già docente di scrittura creativa ed esperta di comunicazione digitale, lavora come giornalista, social media manager e copywriter. In precedenza ha vinto numerose competizioni artistico-letterarie a livello nazionale. Dopo la raccolta di poesie "Ali di Gabbiano" (Aletti Editore, Roma 2008) e due ebook con Edizioni Il Pavone, di recente ha pubblicato "Tim Burton e il catalogo delle Meraviglie" con Edizioni Dialoghi. Su Instagram ha un account dedicato a libri e moda: seguila su @fashionreadersit

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:Campania