Home Spettacolo Libri Capalbio libri, il festival all’insegna del “piacere di leggere”

Capalbio libri, il festival all’insegna del “piacere di leggere”

Leggere è fonte di risorsa inestimabile. Significa crescere, maturare oltre che ampliare le proprie conoscenze. A maggior ragione se lo si fa con interesse, passione, desiderio di divorare pagine e pagine. E di esplorare con la mente universi immaginari eppure così reali. E’ la missione della rassegna dedicata al “piacere di leggere” che si svolge presso il borgo medioevale di Capalbio, in Toscana (Grosseto). L’iniziativa è stata ideata e organizzata da ZigZag, l’agenzia di comunicazione guidata da Andrea Zagami in cooperazione con il Comune di Capalbio. L’evento si svolgerà a Piazza Magenta, uno dei luoghi più suggestivi della Maremma dal 26 luglio al 4 agosto.

Attenzione trasversale a temi sociali ed economici

Rispetto alle precedenti edizioni saranno raddoppiati gli incontri con gli autori, segnale che la manifestazione sta crescendo. E naturalmente sta riscuotendo un grande riscontro. Un programma ricco di appuntamenti. Dalla narrativa all’economia, dal sociale al benessere, dalla musica alla cronaca. Perché la lettura di un buon libro non ha steccati e può abbracciare tanti ambiti, dai più impegnati a quelli legati alla cultura pop-mediatica. Altrettanto variegati saranno le tematiche affrontate dall’ecosostenibilità al made in Italy fino al ruolo della tecnologia oggi. Temi seri, importanti, fondamentali per l’evoluzione del pianeta, dell’umanità, della società intera. Il legame con l’attualità è dunque indispensabile.

Capalbio libri

Un programma ricco e binomio con il territorio assicurato

Un programma variegato, di qualità, che coinvolge anche le eccellenze locali, come ha evidenziato anche il Sindaco di Capalbio Settimio Biancardi. L’intenzione è quella di effettuare una operazione di marketing territoriale che passa attraverso la promozione del territorio e della cultura del territorio.

Un marketing basato sulla imprenditorialità locale che rafforza così il senso di appartenenza dei cittadini. Un rievocare le proprie radici, guardando però al futuro. Al punto da creare un vero e proprio marchio Capalbio, che passa attraverso la promozione delle eccellenze territoriali e della cultura. Leggere, essere informati, infatti, è l’essenza della conoscenza; senza la quale si rimane ignoranti e quindi incapaci di vivere. Ed è proprio su questa sete di conoscenza e, soprattutto, di comprensione e consapevolezza che si incardina il festival coordinato ed organizzato dal direttore artistico. Andrea Zagami, direttore del festival. Leggere significa dare una direzione alla propria vita, ed è proprio con questo spirito che si sviluppa il programma di quest’anno, con leggerezza e sostenibilità.

Capalbio libri

Incontri raddoppiati e attenzione ai temi “green”

Tra le novità di questa edizione il raddoppio degli incontri (il primo alle ore 19:00, il successivo alle 21,30). Ed ancora l’anticipazione di una nuova produzione teatrale firmata da Andrea Zagami, dedicata proprio ai libri (Stasera leggo, scritto e interpretato da Marta Mondelli e Giulia Nervi) insieme all’immagine simbolo del festival. Una creazione per la prima volta tutta “made in Maremma”, affidata ad un artista capalbiese, Dedò (Goffredo Valle Ademollo), la cui pittura definita “New Pop Art” trova nell’amore il suo principale leitmotiv. Quest’anno anche la moda sarà presente con il brand Aspesi. I membri dello staff vestiranno le t-shirt della collezione Primavera/Estate 2020, con la presenza dell’attrice Marta Mondelli che presenterà il festival. Un festival che si tingerà di sfumature green grazie alle biciclette elettriche messe a disposizione dall’associazione MISTA (Mobilità Intermodale Sostenibile per la Tutela dell’Ambiente). Turismo, ecostenibilità e territorio il trinomio vincente per un festival che avrà come perno centrale la lettura con diverse serate a te.

Economia e “capitalismo umanistico” vs Finanza e Banche

Il 26 luglio, durante la prima serata, ci sarà la serata dedicata ai teenagers, in cui le varie storie raccontate dall’autore L.S Larson verranno tradotte in ologrammi. Il 27 sarà la volta della serata dedicata all’economia e a temi sociali sul capitalismo umanistico con la presentazione del libro, edito Feltrinelli dal titolo “Il sogno di Tolomeo”, a cura dell’imprenditore Brunello Cucinelli. L’autore sarà presente alla serata per illustrare e dibattere la sua visione di un nuovo capitalismo che non è solo economico ma a misura d’uomo. E a seguire, si discuterà del crollo storico e politico che si riversa inevitabilmente negli equilibri socio-economici.

La storia de’Europa racchiusa in due saggi

Verrà dunque presentato il libro, a cura di LUISS University press “Declino. Una storia italiana”, con la presenza dell’autore, nonché economista internazionale, Andrea Capussela. Infine, il tema delle banche e del loro corretto funzionamento sarà oggetto di dibattito grazie alla presentazione del libro Vigilare le banche in Europa. Chi controlla il controllore? (Passigli editori), a cura di Stefano Lucchini e Andrea Zoppini. Aseguire, Mauro Pandimiglio, istruttore di vela, racconterà la sua straordinaria esperienza pedagogica con bambini normodotati e disabili, a contatto con il mare e allievi della scuola di vela “Mal di mare” (Modus navigandi. Per una pedagogia del mare, Hoepli).

Capalbio libri

Ospiti Pier Carlo Padoan e Carlo Calenda

Il 29 luglio ci sarà il tanto atteso incontro con l’ex ministro all’Economia Pier Carlo Padoan che insieme all’editorialista del “Sole 24 ore” Dino Pesole, affronterà i problemi che investono la crescita del nostro paese ed il benessere dei cittadini attraverso l’analisi tecnica di meccanismi e dinamiche con cui ci confrontiamo direttamente (ll sentiero stretto…e oltre, Il Mulino). Un thriller ambientato a Berlino e nelle Alpi svizzere è il nuovo romanzo di Andrea Purgatori Quattro piccole ostriche (Harper Collins) che ne illustrerà le azioni accompagnandole da letture di alcuni brani interpretate dal figlio Edoardo.

Temi trasversali: dall’attualità alla musica

Passione per il delitto e la cronaca nera sono alle radici dell’ultimo lavoro del giornalista Giuseppe Di PiazzaIl movente della vittima (Harper Collins), che sviscererà le nuove avventure di Leo Solinas, alle prese con un omicidio inspiegabile, in prima serata il 30 luglio. La musica classica alla portata dell’ascolto di tutti e bene globale è l’argomento che appassiona, per diletto e professione, la direttrice d’orchestra Beatrice Venezi, protagonista in tarda serata della presentazione di Allegro con fuoco. Innamorarsi della musica classica (UTET), di cui parlerà con il direttore artistico del Teatro Franco Parenti di Milano, Andrée Ruth Shammah e con Maria Stella Gelmini.

Arte, tradizione e nuove tendenze tra i temi affrontati al Festival “Capalbio libri”

Il mese di luglio a Capalbio Libri si chiude con uno straordinario viaggio illustrato nella storia, tradizione e segreti della Toscana, scritto da Eugenio Giani (La Toscana giorno per giorno. 365 giorni tra storie, curiosità, personaggi e aneddoti, Sarnus) e ricco di particolari e aneddoti curiosi, mentre un’altra tradizione, quella culinaria ai tempi di Leonardo è l’oggetto del libro di Carlo G. Valliscritto in occasione dei 500 anni dalla sua morte e in cui conosceremo i particolari della sua attività di cerimoniere e regista di convivi (La pentola di Leonardo, Cierre edizioni).

Gialli, thriller e romanzi, al festival “Capalbio libri”

Agosto si apre sul palco di Piazza Magenta con un capalbiese tout court, Andrea Zandomeneghi, che al suo esordio letterario propone un giallo al contrario che ribalta tutti i cliché sulla provincia italiana (Il giorno della nutria, Tunué). A seguire, Alberto Simone, che affronterà un tema di profonda sensibilità universale: la resa alla potenza della vita quale unico strumento per poterla godere e vivere intimamente, aldilà di ogni sofferenza e imparando a ripartire proprio dall’amore che ogni momento ci regala (Ogni giorno è un miracolo. Imparare l’arte di amare la vita, TEA).

Capalbio libri

Politica ma anche attualità, musica e nuove tendenze

Il 2 agosto Benedetta Cibrario, sul podio del premio Strega 2019, parlerà del suo romanzo storico Il rumore del mondo (Mondadori) insieme a Stefano Petrocchi, in cui la storia di una famiglia si intreccia ai fili dello spirito del tempo, schierando menti progressiste e conservatrici che vanno oltre ogni schieramento politico. Democrazia e libertà sono invece gli argomenti illustrati nel saggio dell’ex ministro allo sviluppo economico Carlo Calenda Orizzonti selvaggi. Capire la paura e ritrovare il coraggio (Feltrinelli), nel quale si ipotizza uno Stato capace di potenziare l’uomo e la società proprio a partire dalla difesa degli sconfitti e da una corretta gestione delle trasformazioni.

E poi, il 3 agosto ci sarà la presentazione di due libri, Celebrity di Andrea Kerbaker, molto aguzzo nei confronti del tema dell’organizzazione culturale e il saggio di Stefano Zenni, dedicato a Louis Armstrong. Un mito, una leggenda dalla musica jazz nel mondo, con “lectio magistralis” a cura del trombettista più celebre a livello internazionale, Enrico Rava.

Capalbio libri
Paolo Fresu _2015 (ph © Roberto Cifarelli1905)

La chiusura della tredicesima edizione del festival di Capalbio Libri è affidata allo spettacolo teatrale Stasera leggo. Una vera e propria anteprima nazionale dedicata al piacere di leggere: una pièce inedita a 2 voci recitanti che vedrà interagire il pubblico ed altri ospiti sul palco in un viaggio serio-comico tra citazioni letterarie, che cercheranno di trasmettere l’esperienza del piacere di leggere.

Capalbio Libri è anche su FacebookTwitterInstagram e Youtube. Sarà possibile seguire la diretta streaming degli eventi anche sulla pagina facebook di Capalbio Libri.

Marianna Gianna Ferrenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.