venerdì , 23 giugno 2017
Home / Regioni / Lombardia / Louis Vuitton si racconta con oggetti nomadi

Louis Vuitton si racconta con oggetti nomadi

In occasione  del Salone del Mobile di Milano, la maison Vuitton ha presentato presso Palazzo Bocconi in Corso Venezia 48, la sua nuova capsule collection di oggetti di design appartenenti alla line “Object Nomades”.

Serie limitata e di design, connubio tra stile, disegno e creatività, dove i più celebri designer internazionali esprimono la propria arte realizzando oggetti singolari e prototipi ispirati al viaggio.

India Mahdavi e Tokujin Yoshioka sono le new entry di quest’anno: questi due designer si aggiungono alla lista dei creativi che collaborano, oggi o nel passato, con Louis Vuitton inclusi Atelier Oï, Maarten Baas, Barber and Osgerby, Fratelli Campana, Damien Langlois-Meurinne, Nendo, Gwenaël Nicolas, Raw Edges, Patricia Urquiola, Marcel Wanders.

Le nuove creazioni che completano la collezione composta di 25 esemplari, ricordiamo il morbido divano dei fratelli Campana, ispirato alle nuvole e alla conchiglia di Botticelli che si schiude per la Venere; la seduta di Atelier Oï, con cinghie in pelle che ricordano quelle tradizionalmente usate per le tracolle delle borse Louis Vuitton; la moderna sedia a dondolo di Marcel Wanders, il tavolo di India Mahdavi, con un intarsio ispirato ai talismani nomadi e lo sgabello di Tokujin Yoshioka.

Ogni oggetto ad interpretazione di un viaggio secondo un personale punto di vista diverso e singolare. Non solo. Ogni oggetto incarna alcuni dei valori che ogni designer condivide con la maison.: l’amore per la bellezza dei materiali, l’equilibrio nelle forme e proporzioni, la complessa artigianalità e l’accurata attenzione dei dettagli.

Una collezione quindi dedicati ai viaggiatori, sognatori e coloro che hanno spirito d’avventura.

Laura Savini

Banner New season gennaio 2017 468 x 60

Di Laura Savini

Laura Savini, nasce a Roma 31 anni fa, il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

Leggi anche

Ciao Carla…

Si spegne a Roma all’età di 80 anni la celebre stilista Carla Fendi, la quarta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.