Nelle Marche si inizia a pensare alla fase di progettazione della ricostruzione post terremoto. Se ne parlerà dal 9 al 12 marzo in un’agorà convegnistica dal titolo “Marche Creative”, il secondo appuntamento di un programma triennale, organizzato con il patrocinio del Comune di Ascoli Piceno. L’iniziativa rientra in un percorso di idee innovative che confluisce nello “Spazio Bergognone 26”, una esposizione di artigianato ed industria, dove confluiranno alcuni progettisti per discutere dello sviluppo di attività che vanno dal commercio al turismo, dal comparto agricolo alle infrastrutture, che cercano uno sprono per andare avanti o addirittura per ripartire da zero, cercando incentivi alle imprese e ai professionisti.  Si tratta d veri e propri tavoli di discussione e di lavoro che metteranno a confronto tecniche, esperienze e proposte tra consorzi marchigiani, passando attraverso spazi degustativi legati al mondo delle produzioni locali.

Dopo l’inaugurazione e la presentazione del progetto che avverrà il  prossimo 9 marzo, seguiranno nei giorni successivi tre workshop dedicati alle Pratiche e ai saperi del mondo produttivo, ai Processi di riqualificazione urbana e delle infrastrutture come motore di sviluppo. Agli incontri parteciperanno delegati istituzionali di Regione Marche, Provincia di Ascoli Piceno ei Comuni coinvolti dal terremoto e che hanno i maggiori danni: Arquata, Ascoli Piceno, Folignano, Force, Maltignano, Montegallo, Montemonaco, Palmiano, Roccafluvione, Smerillo, Venarotta.

Con i rappresentanti di Confindustria, Confesercenti, Confartigianato, Coldiretti si discuterà di come si potrà rilanciare i quattro grandi comparti dell’economia produttiva (industria, artigianato, commercio, ed agricoltura) e i maggiori danni subiti. Il contributo della classe dirigente, del mondo delle professioni e degli Ordini professionali, sarà utile a capire con quali criteri e competenze si potrà, a monte, riprogettare il futuro delle aree martoriate da una catena sismica senza fine. Dopo il successo grande evento realizzato ad Ottobre, “Marche Creative, le Fertili Virtù” organizzato in occasione della prima edizione del Design City di Milano, gli attori pubblici e privati si stanno riorganizzando per costruire ponti di relazione per un futuro che non sia miseria e devastazione, facendo tesoro delle potenzialità endogene ai territori.

Marianna Gianna Ferrenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.