Home / Interviste / Intervista a Moreno Salvatore di Italians.Online
moreno salvatore

Intervista a Moreno Salvatore di Italians.Online

È stato un piacere aver potuto intervistare il fondatore di ITALIANS.online e diffusore della Cultura Italiana Moreno Salvatore; che ringrazio vivamente per questa cordiale intervista.

Come ti definiresti personalmente e professionalmente?

Innanzitutto Alejandro, sono io che ringrazio te e Alpi Fashion Magazine. Sono onorato per la cortese attenzione nel propormi l’intervista. Per rispondere: mi definirei poliedrico e resiliente, curioso e volenteroso. Non mi tiro indietro e mi adatto alle situazioni con spirito pratico e concretezza. Professionalmente, nelle iniziative portate avanti,  ho sempre ottenuto degli ottimi risultati.

Quando e come è nata la tua passione per diventare marinaio prima, viaggiatore dopo ed attualmente diffusore della cultura italiana?

Viaggiatore lo sono da sempre. A 16 anni già ero on the road per l’europa con uno zaino in spalla, a 18 in nord Africa con uno vecchio ‘Maggiolino’, tra oasi e polverose piste sino all’ex Sahara Spagnolo. Poi l’ex Unione Sovietica prima e dopo la Perestrojka, in Indonesia tra culture islamiche e minoranze induiste, nella sensuale India con i suoi ghat e sadu, in Madagascar camminando fino al versante delle foreste pluviali, nella Cuba di Fidel e così via. Riguardo il divenire marinaio, precedentemente sono stato attratto dal mare “sotto”: complici i documentari di Jacques Cousteau e Folco Quilici passati alla RAI. Così ho cominciato ad avventurarmi nell’universo liquido, spesso vagabondando nel blu affascinato da relitti o da storici manufatti. Invece l’approccio con la navigazione a vela non è avvenuto in giovane età, ma è stato folgorante! Presi coscienza che un veliero, seppur piccolo, mi consentiva di viaggiare portando con me il mio universo: una casa i cui orizzonti potevano cambiare a piacimento. E in effetti in barca a vela ho cambiato moltissimi orizzonti, sino ad approdare nella Terra del Fuoco. Quello invece del comunicare la cultura italiana online, è un progetto nato nel 2017; prima timidamente, poi, negli ultimi sei mesi,  intrapreso con notevole impegno.

moreno salvatore maggiolino

Potresti darci una introduzione sul tuo ITALIANS.online?

La comunicazione proposta da ITALIANS.online nasce ed è indirizzata principalmente agli italiani residenti all’estero e agli italo-discendenti, ma anche agli  amanti dell’Italian Way of Life.

Gli argomenti proposti, con la rassegna stampa e post, sono la cultura in generale espressa attraverso l’arte italiana storica e contemporanea, la musica, la gastronomia, le eccellenze italiane, il Made in Italy e Made by Italians. Ho iniziato timidamente, inserendo tre/quattro articoli alla settimana, eventi e notizie della nostra Italia nel mondo, usando eticamente la tecnica del deep linking riportando la fonte e i link.  I primi mesi avevo pochissimi lettori. Poi negli ultimi sei mesi ho iniziato destinare molto tempo alla ricerca degli argomenti da comunicare, a redigere gli articoli lavorando sulla notizia, a coinvolgere follower ringraziando ogni singolo lettore, e il risultato è stata una rapida crescita.

Che cosa ti colpisce di più nella tua esclusiva Sezione News?

Nella sezione News viene inserita settimanalmente la rassegna stampa. La mission è comunicare, informare, diffondere la cultura italiana e anche promuovere la lingua italiana nel mondo. Quello che più mi colpisce è il buon esito, nonostante la pagina si presenti con un layout non molto accattivante; purtroppo in questo ho le mie lacune, non sono un web designer.

Dove è letto il tuo WebBlog precisamente ed in quante lingue viene tradotto?

ITALIANS.online condivide i propri contenuti con utenti residenti principalmente in Argentina, negli Stati Uniti, Canada e Australia, ed in misura minore in Italia. Per i lettori italiani in patria, il proposito è quello di far capire che c’è un’altra Italia fuori dai confini geografici del paese, che merita attenzione e rispetto. Mentre per gli italiani all’estero e italo-discendenti, l’obiettivo è comunicare gli eventi culturali dell’Italia nel mondo e diffondere la cultura italiana.  Allo stato attuale (settembre 2018), tra il WebBlog e il social Linkedin, ITALIANS.online ha oltre 13.000 connessioni.  Gli articoli sono prevalentemente in italiano, poi in spagnolo e inglese; questo a favore delle nuove generazioni di italo-discendenti affinché, anche se hanno smesso di parlare italiano, possano rimanere legate o riscoprano un comune sistema di valori e costumi.

Potresti raccontarci brevemente il contenuto del tuo stupendo libro “Terra Australis Incognita, un viaggio dall’Italia sino all’Antartide”?

Oddio Alejandro! Non so se sia stupendo, però alcuni lettori lo hanno giudicato un buon inno alla vita. In buona sostanza, ciò che cerco di trasmettere nel libro – EAN: 9788865371046 – è che bisogna dar vita al proprio sogno. Poi racconto della mia esperienza di navigazione e di quanto il viaggiare fisicamente si sia rivelato il miglior viaggio interiore. Riguardo il “dar vita al proprio sogno”, c’è una bellissima poesia di Omar Khayyàm che recita: Sognando mentre la mano sinistra dell’alba era nel cielo, udii gridare una voce nella taverna: “Svegliatevi miei piccoli, e riempite la coppa prima che nella coppa il liquore della vita si prosciughi”.

Com’è stato farsi intervistare dal famoso  giornalista italiano Michele Pilla di Patrimonio Italiano Tv?

Ci siamo conosciuti su LinkedIn e abbiamo subito simpatizzato. Michele è un professionista che stimo molto e la sua trasmissione  Italian Heritage è una bellissima realtà. Nonostante l’amabilità di Michele, essere stato intervistato dal vivo mi ha dato un pò di apprensione.  Il miglior complimento che Michele mi ha fatto e definirmi un “vulcano”.

Perché hai scelto la cittá di Ushuaia in Argentina, la piú australe del mondo, per stabilirti e lavorare ?

Sai, avendo un trascorso nel mondo delle vendite, ho compreso che spesso è il prodotto che scegli te, e non l’inverso. Bene, è ciò che mi è accaduto a Ushuaia. La possibilità di poter praticare sia sport invernali che navigazione, i vicini fiordi e ghiacciai e la maestosità del panorama ne sono stati fortemente complici. Ma il fattore determinante,  è che qui ho conosciuto una splendida ragazza, quella che oggi è mia moglie. Pensa te! Ho trovato il mio amore a oltre 13.000 kilometri dalla patria.

Che cos’è per te la Comunitá Italiana in Argentina?

E’ indubbio che la Comunità Italiana in Argentina sia una delle maggiori al mondo. Gli italo-argentini rappresentano il primo gruppo etnico del paese, si stima che più del 50% della popolazione argentina si riconosca in una qualche discendenza da avi italiani. E’ palpabile nell’aria mentre percorri una avenida di Buenos Aires, o di Rosario o Bahia Blanca, Ushuaia e così via. Nelle comunità italiane in Argentina, ci sono moltissime  persone che hanno trasmesso le nostre tradizioni a figli  e nipoti, che si sentono italiane, che non hanno dimenticato la Patria (intesa come terra dei Padri).

Quale sarebbe la tua opinione sulla cultura italiana odierna in Sudamerica?

Francamente, credo che in termini di cultura italiana ci sia molto  da fare in Sudamerica. Nonostante debba riconoscere che in Argentina gli Istituti Italiani di Cultura, l’Ambasciata d’Italia – con una particolare attenzione dell’ambasciatore Giuseppe Manzo – e i Consolati propongono molti eventi culturali e fomentano l’aperture di scuole di lingua italiana. Con ITALIANS.online cerco di fare del mio meglio, ma sono solo, svolgendo un lavoro di volontariato a cui destino molto tempo, senza sponsor e, perdona la ignobile dichiarazione, mettendoci soldi di tasca propria.

Nei tuoi viaggi ricchi di esperienze meravigliose dal Mediterraneo alla Patagonia Argentina, dall’Irlanda alla Norvegia, cosa ti ha colpito di piú?

Sia che si tratti di esperienze in Patagonia, o qualsiasi altro luogo del globo, ti rispondo parafrasando Fernando Pessoa. Forse “l’essere altro costantemente perché l’anima non abbia radici”. Parlo di anima, di una visione ampia e integrale della vita, non di origini.

Qual è stato il più grande successo della tua vita?

A livello personale, l’aver potuto comprare una casa ai miei genitori e condividere la mia vita con una moglie straordinaria.

Professionalmente, più che di un singolo unico successo posso affermare di essere stato gratificato in egual misura dai risultati del mio lavoro: cronologicamente, prima di agente di commercio arrivando a rappresentare alcuni famosi brand italiani (Braccialini, Missoni, Emporio e Giorgio Armani, etc.), poi per i notevoli  feedback ricevuti come skipper, e ultimamente dagli apprezzamenti del progetto ITALIANS.online, che si possono leggere nella sezione “Commenti” del WebBlog.

Hai qualche progetto per il futuro?

Certo!! Mi piacerebbe che ITALIANS.online possa trasformarsi in qualcosa di più rilevante, un WebBlog o un WebMagazine con un piano editoriale, che si evolva come aggregatore dell’altra Italia, quella al di fuori del paese: una community che si stima essere composta da quasi 80 milioni di italo-discendenti nel mondo.

Quante lingue straniere parli?

Oltre la lingua di Dante, fluentemente lo spagnolo, abbastanza l’inglese, un pò di francese e portoghese.

Per concludere: Ringrazio vivamente la tua gentilezza e disponibilità per questa stupenda ed interessante intervista per Alpi Fashion Magazine e ti auguro tutto il meglio.

Grazie a te, Alejandro, e alla redazione di Alpi Fashion Magazine.

Un enorme Ad Maiora! per entrambi.

Un saluto a tutti i lettori in Italia e all’estero!

Posted and Interviewed by Avv.Mg.Alejandro Di  Noto.(Argentina).

About Alejandro Di Noto

Nato in Argentina nel 1975 di origine italiana. Si è laureato in Giurisprudenza presso l'Università Argentina de la Empresa. Di professione avvocato indipendente. Master conseguito in Ingegneria dell'Innovazione presso l'Università di Bologna ed anche esperto ICT per Marketing ed Innovazione Industriale con alta formazione presso l'Università di Bologna, con progetto aziendale di stage sul settore marketing dell'industria del beachwear italobrasiliano. Poliglota. Libero Docente di Lingue Straniere. E' stato speaker e produttore di programma radio culturale per la comunità italiana in Argentina. Diplomato ed appassionato di ufologia, metafisica, parapsicologia ed ontosofía. Libero scrittore di articoli culturali, fashion, glamour, turismo e misteri della vita e dell'Universo. email: alnot20@yahoo.com.ar

Check Also

Parchi da Amare

Parchi da Amare Il primo salone dedicato alle Aree Naturalistiche italiane

Dal 23 al 25 novembre il Lingotto Fiere di Torino ospiterà Parchi da Amare, la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.