Home / Spettacolo / Cinema / “Dolor y Gloria”, a volte un desiderio può dare senso a tutta una vita

“Dolor y Gloria”, a volte un desiderio può dare senso a tutta una vita

Dolor y Gloria” è la storia di una serie di incontri, alcuni fisici e altri ricordati dopo decenni da un regista nel suo declino”

Un breve video tratto dal film “Dolor y Gloria”, Fonte Instagram @ dolorygloriait

Dolor y Gloria, il nuovo film autobiografico diretto da Pedro Almodovar, con Antonio Banderas e Penélope Cruz, uscirà nei nostri cinema il 17 maggio. La pellicola, che sicuramente suscita grande curiosità e attenzione, è un viaggio toccante del regista nei ricordi e negli amori perduti. Ma anche il percorso emozionale, vibrante e meraviglioso che si compie nella vita di ognuno di noi. Il ventunesimo lungometraggio di Almodóvar, come ha dichiarato lo stesso regista, è “la storia di una serie di incontri, alcuni fisici e altri ricordati dopo decenni, da un regista nel suo declino”.  Verrà presentato in concorso alla settantaduesima edizione del Festival di Cannes.

Un film autobiografico che racconta  primi e secondi amori,madre, mortalità, gli anni ’60 e ’80, il presente. E il vuoto prima dell’impossibilità di continuare a fare film”

Un frame del film, Fonte Instagram @dolorygloriait

Nel nuovo lavoro del regista più popolare del cinema spagnolo, e rinomato anche a livello internazionale, Salvador Mallo (Antonio Banderas) è un filmmaker in declino che ricorda con nostalgia tutta la sua vita passata. L’infanzia negli anni ‘60, quando emigrò con i suoi genitori a Paterna, un comune situato nella provincia di Valencia, in cerca di fortuna e di una vita migliore. Il primo grande amore a Madrid durante gli anni ottanta e il successivo dolore della rottura di questo amore quando era ancora vivo e palpitante. Infine, la consolazione nella scoperta della scrittura
come unica terapia per dimenticare l’indimenticabile, la precoce scoperta del cinema ed il senso del vuoto, l’incommensurabile vuoto, causato dall’impossibilità di continuare a girare film.

Dolor y Gloria parla dell’arte e della creazione artistica che dà significato, dell’impossibilità di separare questa dalla vita reale

Il nuovo film del regista di La mala educación ha per oggetto quindi la creazione artistica che dà significato e speranza alla vita stessa. Esemplificativo della relativa difficoltà di separare quest’ultima dalla propria vita. Infatti, il protagonista sente l’urgente necessità di narrare alcuni episodi più significativi della sua esistenza. E in questa necessità trova la sua salvezza.

About Valeria Gennaro

Giornalista, redattore di moda e beauty, cinema editor. Cultrice della materia in storia del cinema con la passione per la moda, i bijoux e la social communication. Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche.

Check Also

Château de Saran

Nel maestoso Château de Saran Moët Impérial celebra il 150° anniversario

Nel suo magnifico “Château de Famille” (Château de Saran) Moët & Chandon ha ospitato una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.