Home / Eventi / Vino: il caso Conte Ottavio Piccolomini e la vendita a domicilio
Conte Ottavio Piccolomini

Vino: il caso Conte Ottavio Piccolomini e la vendita a domicilio

In occasione di Vinitaly che si terrà a Verona dal 7 al 10 aprile, Univendita fa il punto sulla tendenza che premia il porta a porta come formula perfetta per proporre etichette prestigiose. Ed ecco che si presenta il caso Conte Ottavio Piccolomini d’Aragona: 70 consulenti in tutta Italia consigliano e propongono degustazioni guidate.

“La vendita a domicilio – afferma il presidente di Univendita Ciro Sinatra si rivela particolarmente adatta proprio per trasmettere la complessità e le caratteristiche peculiari dei grandi vini. I venditori infatti offrono un’esperienza sensoriale, interpretano i gusti della clientela e indirizzano verso le giuste scelte, dialogando con i clienti più esperti ma anche mettendo a proprio agio chi, magari, è solo all’inizio del proprio percorso di accostamento al mondo del vino. Un servizio personalizzato, che nel tempo diventa fattore di fidelizzazione”.

Di cosa si tratta?

Personalizzazione, servizio, consulenza. Sono i punti di forza della vendita a domicilio, formula che oggi si afferma anche in un ambito di nicchia come quello del vino: a rivelarlo, in occasione di Vinitaly 2019 è Univendita, la maggiore associazione di categoria del settore della vendita a domicilio, che fra le proprie associate annovera anche Conte Ottavio Piccolomini d’Aragona. Questa realtà, che commercializza con il metodo della vendita diretta vini italiani di eccellente qualità – la cui gamma spazia da prodotti di pronta beva a pregiate rarità per le occasioni speciali – parteciperà anche quest’anno alla grande vetrina veronese del vino (area D, stand E1) con i propri migliori consulenti.

“La missione di Conte Ottavio Piccolomini è quella di proporre alla propria clientela, attraverso il vino, non soltanto un prodotto della natura e del lavoro dell’uomo – eccelso nella propria oggettiva e riconoscibile qualità – ma una vera e propria esperienza sensoriale, capace di unire cultura e tradizione, storia ed innovazione” spiega Ivan Moreno Gibin, direttore commerciale dell’azienda. “Nel nostro settore sempre più si evidenzia la necessità che tradizione e innovazione sinergicamente contribuiscano alla realizzazione di prodotti non più finalizzati unicamente a soddisfare un bisogno quantitativo. Ecco perché Conte Ottavio Piccolomini punta fortemente sul consiglio e sulla proposta personalizzata ed esclusiva alla propria clientela”. Che, come in ogni ambito del settore enogastronomico, è sempre più esigente e richiede di essere guidata, secondo le proprie preferenze, curiosità ed esigenze verso una scelta consapevole dei prodotti.

L’attività di consulenza di Conte Ottavio Piccolomini è resa possibile, spiega ancora Gibin, “dalla professionalità di oltre settanta consulenti vinicolisu tutto il territorio nazionale, cresciuti numericamente del 10% nell’ultimo anno: dato che ben evidenzia lo stato di ottima salute del settore e le sue molteplici potenzialità di sviluppo”. Conte Ottavio Piccolomini organizza inoltre manifestazioni di degustazione guidata e personalizzata in varie città e trova una ulteriore possibilità di contatto con gli appassionati di vino su FacebookInstagram.

A Vinitaly l’azienda presenterà in anteprima, dopo il lungo periodo di “preparazione” e di affinamento in cantina e in grandi botti di rovere,  il vino “Imprendibile, Castel Del Monte, Rosso Riserva D.O.C.G. 2014”: Ivan Gibin lo definisce “deciso e possente figlio di Murgia”, come l’imperatore Federico II che fece costruire Castel Del Monte, al quale l’etichetta fa omaggio. L’uvaggio è al 100% il locale Nero di Troia, varietà recentemente riscoperta e rivalutata dall’enologia pugliese grazie alle ottime caratteristiche organolettiche che trovano nella ricchezza di note fruttate e bevibilità il loro maggior pregio.

Tradizione, passione e amore per la scoperta rappresentano per Conte Ottavio Piccolomini D’Aragonatemi di centrale importanza, attraverso i quali i produttori, gli enologi ed i consulenti selezionano la migliore qualità possibile.

About Marina Greggio

Innamorata delle lingue, che studio presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Colleziono instancabilmente vestiti e viaggi. Milano e Londra sono le mie due case, i due posti in cui il mio cuore si divide.

Check Also

La multigenerazione di Paul Andrew debutta a Firenze

Debutta in grande stile Paul Andrew in Piazza della Signoria a Firenze, presentando un casting …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.