Home / Spettacolo / Cinema / The Lodgers, critiche e curiosità sull’horror di Brian O’Malley
The Lodgers

The Lodgers, critiche e curiosità sull’horror di Brian O’Malley

Si sono spesi confronti con i film Crimson Peak (2015) di Guillermo del Toro e con The Woman in Black (2012) diretto da James Watkins. In The Lodgers, si è scritto, ci sarebbero anche rimandi alle più vecchie pellicole di genere quali The Skeleton Key (2005) di Iain Softley The Others (2001) diretto da Alejandro Amenábar. Quest’ultimo film – si ricorda – è interpretato da una straordinaria Nicole Kidman.

L’interpretazione di Charlotte Vega (nel ruolo di Rachel nell’horror di O’Malley) non può essere comparata alla recitazione di Kidman (che interpreta una mamma molto protettiva) in The Others. Sebbene, ammettiamo, sia difficile replicare quel senso di terrore che la Kidman riesce a trasmettere “with a glance”, o semplicemente chiudendo le camere.  E quel voluto “effetto di spiazzamento”, nel finale, per lo spettatore.

Fonte Instagram @thelodgersmovie

MondoFox: “La Logtus Hall è più sinistra della sciapa versione cinematografica”

Sembra proprio che il luogo in cui sia stato girato The Lodgers – Non infrangere le regole, film nei nostri cinema dalla scorsa settimana,  sia più sinistro della sua versione “da brivido” cinematografica. Perché in Rete non si trovano recensioni entusiastiche del lavoro di O’Malley. Anche se il trailer appare convincente. Con The Lodgers il regista non riesce infatti a coinvolgere “l’abitué del genere” in un oscuro e angosciante clima. Carlotta Deiana di Movieplayer è tranchant: «Un film che né spaventa né cattura l’attenzione dello spettatore». Così anche Elisa Giudici su MondoFox: «La vera Logtus Hall è decisamente più sinistra della sua sciapa versione cinematografica».

La magione irlandese “Loftus Hall”, di Wexford, è la vera protagonista del film. Ancora oggi considerata la casa più infestata” dell’Irlanda.

Loftus Hall, la casa più infestata di Irlanda, Vibrant Ireland

Quando si dice che si muore per amore

Dimora nella quale si muovono i due gemelli diciottenni, Edward e Rachel,protagonisti di The Lodgers, che ogni notte devono fare i conti con le presenze sinistre che infestano la tenuta. Questi “demoni” impongono loto tre regole fondamentali: mai andare a letto dopo la mezzanotte, mai far entrare estranei in casa e mai separarsi. Ma Rachel, dopo aver incontrato ‘l’affascinante Sean, vuole evadere dalla magione, e finisce per provocare il confronto mortale con il fratello e con la maledizione che li tormenta ( punizione per i peccati commessi dai loro antenati). La tragedia finale si consuma perché Rachel infrange una delle tre regole invitando a casa Sean (Eugene Simon da Il trono di spade). Quando-si-dice-che-si-muore-per-amore.

Valeria Gennaro

About Valeria Gennaro

Giornalista, redattore di moda e beauty, cinema editor. Cultrice della materia in storia del cinema con la passione per la moda, i bijoux e la social communication. Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche.

Check Also

giorgio armani

Giorgio Armani successo a Parigi per la linea Privé

Ricerca e selezione, alta moda dettata da un tocco eccentrico ma pur sempre di spiccata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.