Home / Fotografia / Mostre / L’erotismo di Araki in mostra alla galleria Sozzani

L’erotismo di Araki in mostra alla galleria Sozzani

Dopo la mia reincarnazione a nuova vita, fotografia sarà la prima parola che pronuncerò. E’ stata un’intesa lunga quasi sessant’anni. Fotografia è amore e morte sarà il mio epitaffio”.

Questa affermazione di Nobuyoshi Araki (Tokyo, 1940) gravita attorno all’eros e alla morte, temi che ricorrono frequentemente nelle immagini di uno dei più straordinari e controversi fotografi giapponesi contemporanei.

Milano non ha mai organizzato una mostra dedicata a questo grande artista, ma quest’anno corre ai ripari. Ci pensa la galleria Carla Sozzani di Milano ad ospitare nei propri spazi, fino al 12 febbraio, un’antologica di circa ottanta opere dal titolo esaustivo “Araki Amore”.

L’esposizione, a cura di Filippo Maggia, è il frutto del lavoro degli ultimi due anni e in parte inedito con oltre settantacinque magnifici scatti realizzati appositamente per questa personale.

Immancabili i suoi celebri scatti di nudi di donne, bambole, fiori, vedute di città e cieli rielaborati recuperando i negativi dei decenni passati. Araki è sempre stato innamorato della figura femminile e tuttavia cambia profondamente negli ultimi lavori la sua sensibilità che diventa meno ostentata e più evocativa. Bambole e pupazzi, che da sempre hanno ispirato il mondo onirico del fotografo nell’esaltazione della bellezza, con il passare del tempo sfioriranno. Le immagini, caratterizzate dall’uso sapiente delle luci contrastate, appaiono più teatrali e maestose anche nel gioco dei colori. L’erotismo, sempre predominante per la gioia degli ammiratori a luci rosse, si manifesta in maniera malinconica e a volte tragica.

Araki ama unire il lavoro alla vita privata. Spesso è la moglie la sua musa ispiratrice. Si vedano le oltre trecento polaroid a colori e in bianco e nero: alcune arricchite con interventi di pittura, altre ritagliate in collage e inoltre una video-intervista realizzata lo scorso luglio durante una seduta di nudo con la seconda moglie-modella e danzatrice Kaori (la prima, Yoko è scomparsa nel 1990). La carriera dell’autore inizia negli anni Sessanta quando il Giappone stava avviando uno sviluppo economico importante e un’urbanizzazione imponente. Questi cambiamenti socio-culturali hanno contribuito a influenzare la sua creatività. Molte sue fotografie ricordano i mostri mitologici che attaccano le città nipponiche.

Uno sguardo all’eros e alla bellezza. Da non perdere.

Francesca Bellola

Araki Amore

18 novembre 2016 – 12 febbraio 2017

Galleria Carla Sozzani

Corso Como 10 – Milano

Tel. 02.653531

press@galleriacarlasozzani.org

About Francesca Bellola

Vive a Milano. Giornalista e direttore del portale OkArte.it, scrive per varie testate tra le quali: Il Giorno (quotidiano), Alpi Fashion Magazine, Ok Arte di cui ha diretto per sette anni il freepress cartaceo. E' curatore di mostre d'arte in sedi Istituzionali, private e gallerie in Italia. E' Art-Promoter di artisti affermati ed emergenti, organizzatrice ed ideatrice di eventi culturali. L'esperienza, acquisita nel corso degli anni per l'arte in tutte le sue forme, l'ha portata a coltivare ottime relazioni esterne con il suo staff. Adora i felini nella fattispecie i gatti perché hanno delle caratteristiche simili al suo carattere. Infatti è istintiva, indipendente, tenace e non ama le persone opportuniste e calcolatrici. Nel tempo libero gioca a tennis, nuota e fa shopping.

Check Also

Underwater

Underwater, un’inedita Stewart nel trailer del thriller sottomarino

Un’inedita Kristen Stewart nel nuovo thriller sottomarino del 2019 diretto da William Eubank. La si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.