Negli anni ’50 erano metafora indiscussa di eleganza e seduzione!

Il collant velato con la righina dietro che percorreva la linea della gamba, regalava sinuosità e ricercatezza.

collantUn accessorio imprescindibile, di giorno e di notte, capace di regalare al look quel tocco chic che mancava.

Col passare degli anni il collant si è evoluto, in spessore e fantasia.

Se i primi sfoggiati lasciavano intravedere il colorito dell’incarnato, nel tempo si sono inspessiti, divenendo del tutto coprenti e dando vita alla sua evoluizone, ovvero il leggings.

Olivia Palermo

Oggi, negli outfit più comodi, vengono associati a dei maxipull; il collant da 100 denari è il più usato tra le freddolose che, in inverno, lo preferiscono molto volentieri al freddo tessuto dei jeans.

Un passe-partout protagonista di svariati outfit.

Di giorno semplici ed essenziali, velate per le mise più eleganti o super coprenti per situazioni più comode; di notte assumono mille diverse sfaccettature: dalla trama scintillante, con dettagli in pietra o in pelucchi, dai colori romantici e dalle fantasie eccentriche, mat, a rete o supervelate.

Instagram Post by Jacqueline Mikuta (@mikutas)

Proprio nell’ultimo periodo è il collant il protagonista del look.

Se prima rappresentava un accessorio secondario, oggi l’outfit si costruisce proprio a partire dalla fantasia della calza.

Un simbolo indiscusso di eleganza, sensualità e femminilità; uno di quegli accessori intramontabili, presenza costante nel guardaroba di ogni donna.

Il collant, ancora una volta, si conferma protagonista di ogni look!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.