Home / Spettacolo / Cinema / X-men – Apocalisse: il risveglio di una divinità millenaria

X-men – Apocalisse: il risveglio di una divinità millenaria

Alcuni pensano che il primo mutante sia nato migliaia di anni fa, era una specie di Dio e risorgerà di nuovo”.

X-Men – Apocalisse (Apocalypse) si presenta come un roboante e spettacolare disaster movie, intriso di numerosi effetti speciali, riguardanti le nuove tecnologie in digitale all’avanguardia e al passo con l’evoluzione del cinema contemporaneo. Il nuovo film in multi produzione dedicata agli X-Men gode della direzione di Bryan Singer, ad oggi divenuto un chiaro punto di riferimento ed una garanzia per tutto ciò concernente la cinematografia di genere fantasy/azione basata sull’universo immaginario generato dalla Marvel Comics. Singer dopo aver diretto i precedenti X-Men, “X-Men – First Class”, (“L’inizio”, ambientato negli anni ‘60) del 2011 e “X–Men – Days of Future Past” (“Giorni di un futuro passato”, immerso negli anni ‘70) 2014, mette in scena il suo terzo e attesissimo capitolo della trilogia scritta a più mani con Michael Dougherty, Dan Harris, Simon Kinberg, (il sesto film negli annali degli X-Men), che vede come protagonisti vecchi e nuovi attori ricoprire i ruoli dei leggendari personaggi di fumetti, generati ed ideati nel lontano settembre del ’63 dalla geniale accoppiata formata da Stan Lee (tra i produttori esecutivi) e Jack Kirby.

apocalypse-1

Siete tutti miei figli e vi siete perduti perché seguite dei leader ciechi. Ma sono qui io ora per voi” (è ciò che afferma Apocalisse).

La trama:

La storia affonda le sue radici nel lontano 1983, anno in cui avvengono fatti sconvolgenti per la sopravvivenza dell’intera umanità. Tutto ha inizio in Egitto presso un sito archeologico, luogo in cui En Sabah Nur / Apocalisse (Oscar Isaac), un’antichissima e nefasta divinità assopita da appena cinquemila anni, si risveglia per scatenare il giudizio universale. Si tratta di un essere primordiale, il primo tra tutti i mutanti conosciuti, ed immortale ed invincibile per i suoi straordinari poteri. L’entità divina, ridestatasi decide di risvegliare i 4 cavalieri dell’apocalisse (in parte umanizzati) e servirsene per generare scompiglio sul pianeta e creare un nuovo ordine mondiale di mutanti. I quattro mutanti sono: Magneto (Guerra – interpretato da Michael Fassbender) , Tempesta (CarestiaAlexandra Shipp), Psylocke (PestilenzaOlivia Munn) e Arcangelo (L’angelo nero della morteBen Hardy (interpretato da Ben Foster in “X-Men 3 – Conflitto Finale”). Ma gli X-Men appartenenti alla Xavier’s School (una scuola per mutanti), capitanati da Mystica (Jennifer Lawrence), e il Professor X (James McAvoy), non restano a guardare, e organizzano una controffensiva titanica per salvare il genere umano minacciato dalle malefiche intenzioni di Apocalisse pronto a scatenare sui quattro angoli del pianeta i mutanti da lui assoggettati, per distruggere e rifondare il pianeta secondo le sue regole. Tra gli X-Men alle prese con il controllo delle loro capacità mutanti annoveriamo: Jubilee (Lana Condor), Jean Grey (Sophie Turner), due new entry, Ciclope (Tye Sheridan) e Nightcrewler (Kodi SmitMcPhee), Bestia (Nicholas Hoult), Havok (Lucas Till fratello di Ciclope). Altri personaggi prenderanno parte in questo atavico scontro come il militare William Stryker (Josh Helman) eternamente in guerra con i mutanti, Quicksilver (Evan Peters), Moira Mac Taggert (Rose Byrne), nel ruolo di un’agente della CIA e Wolverine (Hugh Jackman).

apocalypse-3

Il punto di vista:

X-Men – Apocalisse nell’insieme sembra un sequel poco coinvolgente e girato in tempi rapidi rispetto ai due precedenti e lodevoli capitoli della trilogia, difficili da superare sia nelle sceneggiature basate su generi narrativi alterati da paradossi storici che per i personaggi nei ruoli degli X-Men. Questi ultimi non emergono appieno nella loro realtà mutante, rimanendo appena abbozzati e bidimensionali per l’intera durata del film. Fortunatamente ad offrire nuova linfa vitale all’intera storia, ci pensa Apocalisse, personaggio presente in epoche diverse e con diversi nomi, ispirati ad antiche nemesi bibliche nate dalle intuizioni del regista nell’evidenziare l’atavica e intramontabile sfida tra il bene e il male. Il primordiale semideo non sembrerebbe comunque intimorire più di tanto il team di apprendisti X-Men ancora alle prese con il controllo delle loro reali potenzialità mutanti, i personaggi sono numerosi e variegati per genere e tipologia, tra cui Wolverine (presenza fuori luogo e difficile da contestualizzare) e i 4 fedelissimi mutanti alla corte di Apocalisse, almeno loro bene in evidenza. X-Men – Apocalisse in conclusione appare abbastanza scontato nella trama, e anche se i livelli narrativi nella sostanza si presentano variegati, ma non sembrano coinvolgere pianamente lo spettatore per l’intera durata del film, restano i numerosi e costosissimi effetti speciali e l’idea vincente del personaggio Apocalypse a garantire la visione e divertire il pubblico.

apocalypse-4

 Le riprese per X-Men – Apocalisse distribuito dalla “20th Century Fox” hanno avuto luogo a Montreal. Il film inoltre si avvale di un ricco budget pari a 234 milioni di $, il quinto film più costoso della storia del cinema, ed è ipotizzabile una nuova produzione per il 2018, buon cinema a tutti. ”Il mondo ha ancora bisogno degli X-Men”.

Antonio Gentile

About Antonio Gentile

Nato a Napoli e di origini irpine, Antonio dopo una formazione universitaria presso la facoltà di Lettere e Filosofia “Federico II di Napoli” consegue il titolo accademico delle Belle Arti di Napoli, specializzandosi inoltre nel marketing, nel turismo e nell'informatica e lavorando come grafico e scenografo presso teatri e strutture turistiche ma coltivando da sempre l’interesse per il cinema e la scrittura (sceneggiature, racconti ed articoli). Antonio è, inoltre, autore di numerosi soggetti e sceneggiature per film, recensioni cinematografiche, interviste e conferenze stampa a registi ed attori e approfondimenti per film in uscita pubblicati sui Magazine e testate giornalistiche on-line. Da sempre scrivo soprattutto per informare, coinvolgere ed incuriosire tutti su tutto ciò che ci accade intorno!

Check Also

Grande Impero

Grande Impero: pane, basta con i luoghi comuni sulle diete

Non è il pane che fa ingrassare, anzi! Il produttore artigianale Grande Impero spiega cosa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.