Il regista di “A Bigger Splash” e dell’acclamato “Chiamami col tuo nome” porta nella “città galleggiante” la storia dello stilista Salvatore Ferragamo con il docufilm titolato “Salvatore, shoemaker of dreams”.

Salvatore Ferragamo sarà omaggiato alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia

Fonte Instagram @Ferragamo

La pellicola di Guadagnino sarà presentata fuori concorso alla 77ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia che avrà luogo dal 2 al 12 settembre 2020. Per l’occasione, il regista e la screenwriter, nonché scrittrice di best seller del New York Times Dana Thomas, ricorderanno il fondatore della casa di moda italiana che, talvolta, è stato definito ” visionario” per il suo design: creazioni bizzarre (spesso veri oggetti d’arte di altissimo design) o linee di stile più tradizionali che inspirarono altri maestri della calzatura del suo tempo.

“Salvatore, shoemaker of dreams”, il docufilm è il frutto di una lunga collaborazione di Guadagnino con la famiglia Ferragamo

Il progetto filmico – si ricorda – è nato tre anni fa, quando Luca Guadagnino rimase colpito dalla lettura dell’autobiografia dello stilista e imprenditore italiano. Da quel momento è iniziata una collaborazione del regista insieme alla famiglia Ferragamo, e con la Fondazione e il Museo Salvatore Ferragamo che hanno permesso l’accesso agli archivi della maison come a tutta la documentazione disponibile, compresi i supporti audio e le nodali testimonianze della moglie dello stilista Wanda Miletti scomparsa nel 2018.

Il racconto di una vita fiabesca che spazia fra la vicenda personale e il percorso artistico del designer

Salvatore Ferragamo torna da protagonista sul grande schermo. La macchina da presa guidata da Guadagnino permette una riscoperta anche di luoghi e contatti con “due mondi” amati anche dal regista: America e Italia. E ripercorre sia la vicenda umana sia quella artistica di Ferragamo, fra mondi-mode-tradizioni a confronto,e senza lasciarsi sfuggire le linee di massima della storia dello stilista che parte dalla Campania da apprendista ciabattino, approda “da proprietario” dell’Hollywood boot shop in California, e finisce per scegliere di tornare in Italia, nella sua bellissima Firenze.

valeriagennaro@alpifashionmagazine.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.