Home / Moda / Hadid, Jenner, Aboah e persino Victoria Beckham: il sorriso che torna nella moda

Hadid, Jenner, Aboah e persino Victoria Beckham: il sorriso che torna nella moda

Seguendo lo scrittore canadese Mordecai Richler: «Ci vogliono settantadue muscoli per fare il broncio, ma solo dodici per sorridere». Se da un lato il sorriso è il modo più economico di spendere energie, dall’altro lato è la curva semplice che «raddrizza tutto», per citare Phyllis Diller.

Forse qualche cosa fa anche nella moda, perché la limpidezza di una bella bocca sorridente, sembra ripagare più del “muso lungo” alla Bella Hadid.

Il sorriso è primariamente apertura, il broncio è chiusura. Il sorriso è allegria, sincerità ed empatia, il cipiglio è tristezza, difficile intelligibilità, indifferenza.

Dopo le  top model sorridenti di Issey Miyake e Stella McCartney , Gigi Hadid e Kendall Jenner, Adwoa Aboah e persino Victoria Beckham tornano a sfoggiare i loro migliori sorrisi.

La modella più pagata al mondo Kendall Jenner, In Touch WeeklyIl messaggio della moda è chiaro: be happy! È ciò che ci fa notare Morwenna Ferrier del Guardian; la giornalista scrive che il modo più sicuro di distinguere le sorelle Hadid, entrambe modelle di successo, è il loro sorriso!

Sembra infatti che quando le due modelle, sempre una a fianco all’altra, siano insieme, la bionda Gigi lo faccia quasi sempre, mentre Bella, la bruna, non sorrida mai.

Perfino al Victoria’s Secret show ,«nel quale il sorriso maniacale è quasi legge», aggiunge Ferrier:«Bella non ha sorriso».

La cantante, stilista e modella britannica Victoria Beckham, poco incline al sorriso

A dire il vero in passerella le modelle di solito non sorridono perché in quel momento sono “persone senza personalità”, semplicemente veicoli impiegati per mostrare il lavoro dello stilista.

Pochi sanno che questa tradizione risale alle cartes de visite, il biglietto da visita dell’Ottocento, in poche parole erano i selfie del tempo in un’epoca in cui la nonchalance (il non sorridere) era interpretato come un’aspirazione, e non farlo peraltro mentre si indossavano gli abiti giusti era una via per entrare nella società. In poche parole sorridere o meno era una questione di classe.

E non sorprende, come rileva Morwenna Ferrier, che questo ribaltamento di prospettiva accada ora che non c’è cosa più apprezzata dell’autenticità. Ora che anche Meghan Markle e il principe Harry hanno annunciato le loro nozze con due bei sorrisi di fronte alle telecamere.

Ferrier è provocatoria: «All we need now is for Markle to be on the cover of British Vogue – the right calls are probably being patched through now – and smiling will be back in fashion. Or Vogue».

Basta poco, au fond, per dettare moda, anche un sorriso…

https://www.theguardian.com/fashion/2017/nov/28/smile-fashion-issey-miyake-stella-mccartney-gigi-hadid-kendall-jenner-adwoa-aboah-victoria-beckham

Valeria Gennaro

Karlie Kloss al Victoria’s Secrets show2012, Business Insider

 

About Valeria Gennaro

Giornalista, fashion and cinema editor, cultrice della
materia in storia del cinema con la passione per la moda, i bijoux e la social communication.

Check Also

bravo ragazzo

Bravo ragazzo, esserlo oggi è anticonformismo puro

Qualche considerazione sul concetto di “bravo ragazzo”, tralasciando i cliché del femminismo becero e del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.