Home Notizie Federalberghi: Tra Natale e Capodanno il turismo made in Italy è in...

Federalberghi: Tra Natale e Capodanno il turismo made in Italy è in crescita

Secondo gli ultimi dati elaborati da Federalberghi, il turismo a Natale e a Capodanno produrrà un indotto economico pari a 8,7 milioni di euro, con un incremento del 9,5% rispetto al 2015. L’Italia viaggerà ad alta velocità con ben 14, 2 milioni di persone che andranno in vacanza, con un’impennata dell’11,6%.

Le mete predilette sia a Natale (con il 91% dei turisti) che a Capodanno (con l’83%)  saranno quelle italiane. Soltanto l’8% degli italiani scegliere mete estere. Un’ottima notizia per hotel ed esercenti delle località turistiche, anche se gli alloggi privilegiati per chi rimarrà sul territorio nazionale sono le case di parenti ed amici 42% rispetto al 41% del 2015), seguito dall’albergo (27% come nel 2015), dalla casa di proprietà (12% rispetto all’11%), dai B&B (8% rispetto al 6%) e dai rifugi alpini (3,5% rispetto al 5%). Per chi a Natale sceglierà l’albergo non si prevedono permanenze più lunghe di cinque o sei pernottamenti, mentre a Capodanno le tempistiche di residenza alloggi alberghieri non supereranno la soglia che oscilla fra le tre e nove notti, con una spesa media pro-capite di 629 Euro a Natale (compresi vitto, alloggio, trasporto e divertimenti) e di 596 euro a Capodanno.

Restano molto quotate, con un lievissimo calo le città d’arte (con il 21% rispetto al 22% del 2015), la montagna, dove la discesa è più percettibile (27% rispetto al 31% dello scorso anno) ed infine le località di mare tengono all’11% (rispetto al 12% della precedente stagione).

C’è però l’altra faccia della medaglia: quella degli italiani che non approfitteranno del lunghissimo ponte di fine anno per motivi legati alle ristrettezze economiche che, nonostante la ripresa, continuano a persistere. Rimarranno a casa ben 46 milioni di italiani, con un lieve calo rispetto al 2015, e di questi 23 milioni dichiarano di non potersi allontanare per motivi economici. Il ché dimostra che lo spettro della crisi non è stato del tutto esorcizzato.

Marianna Gianna Ferrenti

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.