Home / Attualità / Un’estate da dimenticare per la Campania, secondo Legambiente
legambiente,incendi,vesuvio,campania

Un’estate da dimenticare per la Campania, secondo Legambiente

Bruciata dalle fiamme, assetata per mancanza di acqua, deturpata da cemento selvaggio, la Campania soffre ancora. E Legambiente lo conferma

I dati raccolti da Legambiente nel dossier pubblicato pochi giorni fa sono eloquenti, e fotografano una regione che, in merito alle politiche ambientali, è penalizzata da decenni di malgoverno, assenza di controlli, mancanza di una politica di prevenzione e monitoraggio del territorio, devastazione e cementificazione. Sembra quasi che ci si sia limitati a inseguire, di volta in volta, le emergenze senza una pianificazione territoriale ordinaria fuori da logiche di consenso elettorale.

Numerosi incendi hanno mandato in fumo, tra maggio e luglio, 13.037 ettari di superfici boschive, quattro volte la superficie bruciata in tutto il 2016 (dai Parchi nazionali, a partire da quello del Vesuvio, a quelli regionali). In totale, sono stati coinvolti 24 Siti di Importanza Comunitaria, 6 Zone di Protezione Speciale e 13 Parchi e Aree protette. Oltre alla Campania, la regione che ha perso il patrimonio maggiore è la Sicilia. Ogni ettaro di bosco distrutto dal fuoco costa alla collettività circa 20.000 euro tra attività di spegnimento e rinverdimento, smaltimento dei residui e legna perduta nell’incendio. Un danno economico e turistico incalcolabile.

legambiente,vesuvio,fiamme,campania
Fiamme vive nel Parco del Vesuvio

Per quanto riguarda il cemento costiero, la Campania è in testa della classifica dell’illegalità, con 764 infrazioni accertate dalle Capitanerie di porto e dalle altre forze dell’ordine, e inoltre detiene sul suo territorio il 20,3% del totale dei reati, con 855 persone denunciate e 234 sequestri. In soli 10 anni, sono state realizzate circa 60.000 case abusive (quasi 9 milioni di mq di superficie abusiva). Tra il 2000 e il 2011, nei cinque capoluoghi di provincia sono state eseguite solo 828 ordinanze di demolizione su 18.111 emesse.

E non basta. L’81% dei casi di scioglimento dei Comuni in Campania, dal 1991 a oggi, vede tra le motivazioni del decreto un diffuso abusivismo edilizio, ripetute speculazioni immobiliari, demolizioni inevase.

Inoltre, secondo il dossier Mare Monstrum di Legambiente, la regione Campania è prima assoluta in Italia per i reati a danno del mare con 2594 illeciti (il 16,5% del totale) e ben 5,5 infrazioni per chilometro di costa. Solo nello scorso anno sono state 2912 le persone denunciate e arrestate e 839 i sequestri effettuati.

Canali, foci di fiumi e torrenti continuano a riversare in mare scarichi non adeguatamente depurati. La Campania raggiunge record assoluti: da ben 8 anni consecutivi Legambiente assegna il giudizio di “fortemente inquinato” alla foce del fiume Irno a Salerno, del Torrente Savone a Mondragone, del fiume Sarno e dello sbocco del canale di Licola a Pozzuoli.

Notizie ugualmente preoccupanti vengono riportate dai dati Arpac relativi ai controlli analitici, svolti nel 2016, sulle acque in uscita dagli impianti di depurazione. Il 38% dei controlli è risultato “non conforme”, con punte di non conformità del 70% per gli impianti della provincia di Avellino.

Il presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo, ha così commentato i dati del dossier: “Un’estate critica, quella che ha colpito la nostra regione. A due anni dall’insediamento della giunta regionale, se non è tempo di bilanci è almeno il momento delle verifiche. Alle polemiche e alle critiche di sciacallaggio rispondiamo nell’unico modo che conosciamo: quello di promuovere le buone pratiche che contribuiscono alla salvaguardia e alla valorizzazione del nostro ecosistema marino, attraverso il turismo responsabile, tutela biodiversità, la promozione dei parchi e delle riserve marine. Un viaggio ed un impegno che Legambiente intraprende con i tanti volontari, turisti e cittadini che hanno a cuore la bellezza e il futuro economico, culturale e sostenibile della nostra regione”.

Buone pratiche, dunque, la cui pianificazione non va assolutamente rimandata, poiché già a partire da ora potrebbe essere troppo tardi.

Fonte: Comunicato Stampa – Legambiente 28 agosto 2017
Immagini: Credits to Legambiente Campania link

About Maria Cristina Folino

Laureata in Pubblicistica e Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Salerno, specializzata in programmazione e gestione d'interventi per gli archivi e le biblioteche digitali, dal 2008 Maria Cristina Folino collabora con stampa e giornali online. Già docente di scrittura creativa ed esperta di comunicazione digitale, lavora come content creator e web editor. Impegnata con le associazioni Felix Cultura e Donation Italia, ha vinto numerose competizioni artistico-letterarie a livello nazionale. In passato ha pubblicato una raccolta di poesie ("Ali di Gabbiano", Aletti Editore, Roma 2008) e due ebook, una fiaba e un saggio, con Edizioni Il Pavone ("Liberami da questo libro!", 2010 e "Tim Burton e il Catalogo delle Meraviglie", 2013). Su Instagram ha un account dedicato a libri e moda. Seguila su @fashionreaders_lookbook

Check Also

Eles Cocktail Party e Musica Lirica Live

Prosegue l’estate “scintillante” di Eles Italia, Brand delle giovanissime sorelle Silvia e Stefania Loriga, a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.