Chiamala coincidenza o destino, eppure a volte quei progetti che ci sembravano solo dei pazzi sogni ricevono una scossa e a quel punto cominciano a diventare realtà. È successo così per la giovane designer Isabella Zanconato, che ha da poco lanciato il suo brand sostenibile Zancobel. Isabella ha anche lanciato la campagna di raccolta fondi al seguente link https://www.indiegogo.com/projects/high-performance-sportswear-from-oceans-plastic#/ che permette a chiunque di donare una somma per aiutarla nel suo progetto. Nel donare una certa somma, nella sezione “Select a perk” si può ricevere uno dei capi in cambio.

ZancobelSembrava un’impresa difficile da realizzare, in piena pandemia e con un lavoro a tempo pieno, ma appena si è avvicinata e ha iniziato a praticare, quasi in modo fortuito, padel Isabella ha capito che il suo brand sportswear poteva diventare realtà. Il padel è uno sport sempre più popolare e in crescita, così come altri sport di racchetta, vedi tennis e ping-pong.

I capi tecnici utilizzati in questi sport devono avere tessuti con caratteristiche particolari e prestazioni molto specifiche come traspirazione, elasticità e durevolezza. Questi requisiti hanno spinto i produttori a usare tessuti sintetici che derivano da materiali termoplastici come poliestere e poliammide. Zancobel sceglie invece un percorso di consapevolezza creando capi con un tessuto tecnico resistente agli urti e agli sfregamenti che derivano da una filiera del Made in Italy completamente sostenibile e a basso impatto ambientale.

Zancobel I suoi capi infatti non sono solo prodotti, ma storie da cui prendere ispirazione. Zancobel si basa sulla salvaguardia del territorio e l’artigianalità. La designer ha aggiunto un alto contenuto creativo ed il design del prodotto è ideato per il minimo scarto di tessuto. Una collezione etica e unisex, dove i capi possono essere mixati tra loro i cui requisiti produttivi sono a basso impatto: i filati provengono dalle reti da pesca, un materiale al 100% rigenerato e riciclato ed infine i capi sono tinti al vegetale.

Il progetto si basa su criteri di responsabilità sociale e ambientale, ridisegnando una filiera in cui i rifiuti hanno un valore per creare una soluzione sostenibile e scalabile che riduca l’inquinamento da plastica marina – raccogliendo i rifiuti, trasformandoli in un filo riciclato e contribuendo a ripulire i mari.

ZancobelLa designer collabora con Healthy Seas per supportare un progetto ampio e ambizioso in cui i volontari Scuba Diver sono coinvolti nel recupero dei rifiuti di plastica negli oceani – comprese bottiglie e reti da pesca – e poi nella loro trasformazione in un capo ad alte prestazioni.

Uno sguardo al mare e alla sua salvaguardia. Isabella ci insegna che tutto si trasforma, tutto si rigenera. Negli anni la tecnologia e la voglia di contribuire in modo positivo sulla Terra hanno creato soluzioni alternative e di qualità, non solo nel settore moda, ma ovunque ci si volga. Zancobel è il risultato di passione, ricerca, sogni e tanto sudore. Isabella è una designer giovane e sorridente con la voglia e la grinta di realizzare qualcosa di letteralmente utile e buono per il mondo.

https://www.instagram.com/zancobel/

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
0
Amore
0
Non saprei
0
Divertente
0
Marina Greggio
Innamorata delle lingue e colleziono instancabilmente viaggi. Nel tempo libero scrivo, leggo, corro e mangio. Milano e Londra sono le mie due case, i due posti in cui il mio cuore si divide.

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:Notizie