Home / Notizie / Belém e le ultime meraviglie di Lisbona
Belém

Belém e le ultime meraviglie di Lisbona

Gli ultimi due giorni sono stati intensi. Le cose da vedere erano ancora molte ed il tempo cominciava a mancare. Dopo la rilassante giornata al mare siamo andate nella frazione di Belém, perché nonostante faccia parte di Lisbona, non è raggiungibile in metro, ma in treno.

Uscite dalla stazione ci siamo dirette verso il centro, abbiamo visto il Mosteiro dos Jerónimos, luogo strettamente collegato ai primi esploratori, come Vasco da Gama. Il monastero è semplicemente mozzafiato, con le sue bellissime pietre intagliate in tutto l’ampio edificio religioso, per entrare a visitare il chiostro la fila è infinita; ma non c’è mai coda per visitare soltanto la chiesa, e inoltre non è nemmeno necessario pagare!

Dopo la visita al Monastero ci siamo spostate per visitare il Palácio Nacional de Belém, situato in alto, era molto consigliato nella guida, ma a parte il cortile interno, che presenta una struttura architettonica ad archi la cui vista incornicia il mare non l’ho trovato così speciale. Prese quindi dalla disperazione e dal caldo siamo andate alla famosa e antica pasticceria Pastéis de Belém, dove sfornano di continuo squisiti dolci omonimi – anche detti Pastéis de nata -, ma anche tanti altri. Nonostante il caldo, mangiarli appena sfornati è una cosa favolosa. Per chi ama i dolci sicuramente lo è.

Palacio Nacional

Dopo questa pausa pranzo alquanto insolita ci siamo diretti sul lungofiume del Tago, abbiamo goduto dell’aria fresca, all’ombra del Padrão dos Descobrimentos – il monumento delle scoperte – e osservato l’imponente Ponte 25 di Aprile ed il Cristo Rei in lontananza per poi dirigerci vari chilometri più in sù, verso la Torre di Belém. La torre è stupenda, si trova sulla riva, per raggiungerla bisogna percorrere un piccolo ponticello. Sembra un disegno che creano nelle fiabe per poter far sognare meglio i bimbi. Un tempo, si ergeva al centro dell’estuario del Tago e proteggeva la città dagli attacchi provenienti dal mare, e oggi si trova sull’estremità delle rive dell’estuario. Assieme al Monastero è uno dei simboli più importanti della città, nonchè facenti parte dell’UNESCO.

Torre de Belém

Nel tornare in hotel, prese dalla fame, ho convinto la mia amica a fermarci in un carinissimo posto che avevo trovato su internet: Nicolau Lisboa. Ve lo consiglio assolutamente! Il menù è ampio, dolci, salato, bowl e avocado toast, ce n’è per tutti i gusti. Io più che una semplice merenda ho scelto uno di quei brunch adorabili dove per una persona portano otto diversi piatti.

Il giorno dopo era il nostro ultimo giorno, alla sera avevamo il volo quindi ovviamente durante il giorno abbiamo preferito restare in centro esplorando le ultime cose ancora da vedere. Siamo passate per la famosa Casa do Alentejo, creata 85 anni fa ora ospita un rinomatissimo e particolare ristorante. Poi ci siamo dirette verso Praça Marquês de Pombal dove c’è il parco Edoardo VII, da cui si gode di un’ottima vista di Lisbona, percorrendo la famosa Avenida de Liberdade, costruita sullo stampo dei Champs-Élysées, ma per chi è stato a Parigi capirà che non è minimamente paragonabile.

Prima di dirigerci verso l’hotel sconsolate abbiamo pranzato con un buonissimo hamburger con patatine da The B Temple. Ve lo consiglio assolutamenete! Il posto è bello, il cibo ottimo e il servizio impeccabile. Era ormai il momento di prendere le valigie e tornare a casa. Su mia richiesta, ovviamente, ci siamo fermate a prendere gli ultimi dolci per portarli a casa: lì vicino c’è infatti l’antica pasticceria Alcôa, con una grandissima scelta di dolci tipici oltre che i pasteis de nata.

Giunge così al termine anche questa piccola guida viaggio a Lisbona, spero di esservi stata d’aiuto o semplicemente di avervi fatto sognare! Alla prossima!

The B Temple

Marina Greggio

About Marina Greggio

Innamorata delle lingue, che studio presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Colleziono instancabilmente vestiti e viaggi. Milano e Londra sono le mie due case, i due posti in cui il mio cuore si divide.

Check Also

Cattolica

Vacanza in Romagna? Cattolica è una delle mete più gettonate

Qualcuno si chiederà il perché. Per rispondere basta visitare il sito di Cattolica e si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.