È una nuova idea di Urban Couture quella proposta da Aurora De Matteis, fashion designer emergente che si affaccia per la prima volta nel panorama del Made in Italy con il suo brand di moda sostenibile e dal carattere giovane, audace, concettuale e sartoriale allo stesso tempo.

Attratta dalla velocità delle città metropolitane e dai silenzi della natura più incontaminata, dai viaggi interiori e reali così come dal polimorfismo culturale e fisico che si comprende solo dal contatto aperto con la gente, la moda pensata dalla giovane designer torinese è alla continua ricerca di un equilibrio tra anime contrapposte, gioca con elementi apparentemente inconciliabili provenienti da mondi diversi come lo sportswear e la più tradizionale eredità della sartoria italiana.

Focus fondamentale e imprescindibile è la qualità, concepita in ogni sua sfaccettatura, dall’uso di materiali rigorosamente 100% Made in Italy alla progettazione rispettosa del lavoro seguito attentamente dalla designer in ogni fase, fino alla lavorazione dei capi che inneggia al ritorno della artigianalità come unica garanzia di una creatività senza tempo e per questo ancora più preziosa. Un classicismo nel metodo sartoriale che si modernizza nelle linee e nell’estetica, ma che non perde mai di vista l’importanza del “bello e ben fatto” tipico della nostra tradizione e della nostra cultura.

Una nuova filosofia Slow Fashion che concilia armoniosamente i mille contrasti che la vita contemporanea ci pone davanti, che ripensa la quotidianità in accordo con la natura e con il benessere interiore dell’individuo, ma anche con una immagine forte e decisa, pensata per donne indipendenti e determinate, consapevoli e pragmatiche, rispettose del proprio corpo e dell’ambiente che le circonda.

La sua prima Collezione Main, ravvivata da piccole capsule stagionali, propone 38 differenti outfit ed è pensata per essere un guardaroba senza tempo e senza stagione.

I capi, che puntano tutto sulla grande qualità dei tessuti naturali ed eco-friendly, sono versatili negli abbinamenti e nelle sovrapposizioni, trasformabili attraverso la customizzazione delle coulisse e degli elementi removibili, ricchi di dettagli pratici mediati dal mondo dello sport anche estremo, come le grandi tasche patch che richiamano al mondo del fishing, i nastri in gros grain che si ispirano alle cinture degli zaini sportivi o i cordoni che avvolgono le silhouette e che sono presi in prestito dal climbing.

Le forme tipiche e i dettagli sporty della moda urban e dello street style, dai pantaloni cargo ai volumi oversize dei gilet antivento fino ai leggings e ai capi in lycra, si abbinano per contrasto tematico ai blazer minimali rivisitati in nylon ecologico, alle gonne con coulisse e alle morbide bluse in raso di seta, ai pantaloni palazzo in chiffon, ai cappotti in misto cashmere e organza.

In un continuo mash-up di materiali pregiati e sostenibili come la pura seta, la lana e il cashmere ma anche il nylon e la lycra ottenuti da fibre riciclate, di asimmetrie che movimentano le silhouette e di inaspettati ed anticonvenzionali particolari, di blocchi di colori audaci e brillanti alternati e mischiati al più eterno duo di bianco e nero, di morbidezze seriche e di aspetti più croccanti, la collezione seasonless di Aurora De Matteis entra nell’immaginario della donna moderna perché ne rappresenta le molteplici nature, i mille cambi d’umore e le tante sfaccettature di carattere.

Chi è Aurora de Matteis?

Aurora De Matteis, designer ventisettenne nata a Torino, è una di quelle persone che capiscono immediatamente chi sono e quello che vogliono. Determinata fin da bambina a realizzare il proprio sogno di entrare nel mondo della moda, ma anche ad avere un ricco bagaglio culturale, frequenta dapprima nella sua città natale il liceo linguistico, per poi trasferirsi a Milano, dove si iscrive al corso triennale di “Fashion Design e Modellistica” presso la prestigiosa scuola di moda Istituto Secoli.

aurora de Matteis

È qui che apprende le tecniche sartoriali tradizionali e anche le più avanzate metodologie progettuali, impara a seguire passo dopo passo le sue collezioni, a costruire i capi secondo una precisa modellistica e a porre attenzione ad ogni singolo dettaglio. Impara a lavorare sodo e a non porsi mai limiti, in un continuo desiderio di miglioramento per raggiungere l’eccellenza.

Tra il 2015 e il 2016 ha avuto modo di partecipare con le sue creazioni ad importanti eventi come il “Secoli Fashion Show”, “Milano Moda Graduate” e “Lineapelle”. Nel 2018 partecipa al “Barolo Fashion Show”, evento nel Piemontese dedicato ai designer emergenti e dà vita alla vera e propria creazione del brand. Ma la svolta arriva nel 2020, quando partecipa dapprima a Londra alla fiera “Scoop”, entra a far parte della Talent Community della piattaforma TFP TALENTS e viene poi selezionata come finalista per il fashion contest “Italian Fashion Talent Awards”.

Il brand ha sede in un atelier sito in uno dei palazzi più prestigiosi del centro storico di Torino, nei pressi della Mole Antonelliana, e la designer riceve su appuntamento la propria clientela per mostrare la propria collezione e per realizzare su ordinazione i capi più sartoriali. La collezione è disponibile anche nell’e-shop sul sito ufficiale.

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
1
Amore
2
Non saprei
2
Divertente
2
Marina Greggio
Innamorata delle lingue e colleziono instancabilmente viaggi. Nel tempo libero scrivo, leggo, corro e mangio. Milano e Londra sono le mie due case, i due posti in cui il mio cuore si divide.

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:New Style