La collezione Rossella Jardini per l’inverno 2017/2018 è la continuazione in parte dei temi della prefall presentata in precedenza. Questa volta, una grossa presenza di tessuti maschili inglesi, dai gessati ai panni usati dall’aereonautica militare inglese e alle flanelle, conferisce a questa collezione un aspetto forse più maschile. Come spesso presente nelle sue proposte, il trench, classico indumento inglese, viene reinventato e riproposto sotto forma di mantella, cappotto oversize, giubbotto e camicia. I volumi sono spesso ampi, ma mai esagerati, in modo da poter rendere i capi portabili pur avendo silhouettes diverse.

I colori sono i classici invernali: blu, nero, cammello, grigio scuro, ma c’è anche una presenza di bianco lana e di altri colori più tenui che alleggeriscono il gusto della collezione. Continuano ad esserci abiti di flanella leggera che danno la percezione tattile di abiti caldi da giorno. I contrasti, chiave dell’estetica della designer, vanno dal bianco e nero classici ai nuovi patchwork, che mescolano sugli abiti righe e grandi bouquet di fiori, questi ultimi realizzati in colori pastello, in camaieu con lo jacquard a righe.

Un elemento di gioco è inserito inaspettatamente: i suoi cari Cavalier King Charles, Charlie e Jolie, realizzati sia in uno jacquard di maglia sia in toppe ricamate che appaiono su alcuni capi. La parte in maglieria ha un lato più soffice e delicato rispetto ai capispalla, ma si lega alla collezione rispecchiando i giochi di contrasti, tra colori e giustapposizioni di maglia e tessuto.

Forme, semplicità e rigore dei capi si ripropongono in continue reinterpretazioni. La donna a cui Rossella Jardini si rivolge è come lei, vuole sempre sentirsi vestita in ogni occasione e conosce i classici: li indossa con leggerezza, tra tessuti e capi del guardaroba maschile, a referenze sportive, tessuti da sera e sempre un tocco di ironia.

Marina Greggio

Galleria completa:

Rossella Jardini F/W 2017/18www.alpifashionmagazine.com

Pubblicato da Alpi Fashion Magazine su Domenica 12 marzo 2017

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.