Home Regioni Basilicata Oscar 2018, il film “A Ciambra” di Carpignano è il candidato...

Oscar 2018, il film “A Ciambra” di Carpignano è il candidato italiano

Un fotogramma tratto dal film A Ciambra

 A Ciambra, il viaggio nel mondo rom del regista e sceneggiatore italoamericano Jonas Carpignano, classe 1984, è stato scelto per rappresentare l’Italia agli Oscar. Infatti, dopo la presentazione alla Quinzaine des Réalisateurs, a Cannes, il film dell’autore di Mediterranea (2005) sostenuto dal progetto LuCa (intesa tra Fondazione Calabria Film Commission e Lucana Film Commission) e coprodotto da Martin Scorsese, come comunica la Lucana Film Commission: «È pronto per tentare la sua carta per arrivare nella notte degli Oscar».

Il regista e sceneggiatore Jonas Carpignano

L’annuncio delle nominations è previsto per il 23 gennaio 2018, mentre la cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles domenica 4 marzo 2018. La designazione di A Ciambra è stata decisa dalla Commissione di Selezione per il film italiano da candidare all’Oscar istituita dall’Anica lo scorso 4 agosto, su invito dell‘Academy of Motion Picture Arts and Sciences, riunita davanti a un notaio e composta da Nicola Borrelli, Cristina Comencini, Carlo Cresto-Dina, Felice Laudadio, Federica Lucisano, Nicola Maccanico, Malcom Pagani, Francesco Piccolo.

A Ciambra è il nome della comunità rom che occupa una bidonville alle porte di Gioia Tauro, in Calabria, che Carpignano racconta in questo film usando un dialetto stretto e il volto di Pio Amato, un ragazzino di 14 anni. Il regista insegue da vicino il desiderio di Pio di entrare nel mondo degli adulti; e infatti il ragazzino beve, fuma, prende come modello suo fratello maggiore Cosimo che gli insegna anche l’abc del furto d’auto. Pio è anche l’unico nella sua famiglia capace di creare un rapporto con le altre fazioni che vivono accanto: il gruppo degli italiani e quello degli africani. Quando però il padre e il fratello vengono arrestati,  si sente pronto a sostituirli, ma deve dimostrare di essere un uomo…Jonas Carpignano  aveva incrociato la propria strada con Pio e la sua famiglia nel 2011, mentre girava a Gioia Tauro il corto A Chjàna, Pio aveva solo undici anni e «la prima cosa che mi chiese – ricorda il regista – fu una sigaretta», ma subito tra i due si creò «un feeling speciale».

Dal trailer del film “A Ciambra”

«Aver creduto in questo piccolo capolavoro del cinema della modernità riempie di soddisfazione per i risultati raggiunti dal giovane autore e dalla cosmopolita componente produttiva – così il Presidente della Calabria Film Commission Giuseppe Citrigno e il Direttore della Lucana Film Commission, Paride Leporace risultati significativi che rilanciano il nostro protocollo d’intesa che potrà continuare ad essere strumento di sostegno per altri giovani emergenti registi lucani e calabresi» .

Il Direttore Leporace condivide la sua soddisfazione anche su Facebook: «Il mio nome nei ringraziamenti dei titoli di coda del film italiano candidato agli Oscar – scrive Leporace –  m’inorgoglisce non per questioni narcisistiche ma collettive. Abbiamo fatto parte dall’inizio di una squadra produttiva cosmopolita e di altissimo valore (Martin Scorsese su tutti) che guarda al cinema non per i profitti ma per valori ed estetiche tesi ad adeguarsi alle istanze del nuovo secolo. Per questa ulteriore affermazione di “A Ciambra” (incrociamo le dita per il resto) l’ennesimo bravo a Jonas Carpignano e grazie ai presidenti Marcello Pittella e Mario Oliverio che hanno creduto nel progetto Lu.Ca. che con le film commission di Basilicata e Calabria hanno sostenuto questo indimenticabile film».

Basilicata e Calabria protagoniste a Cannes

«Sono ben lieto che il film di Jonas Carpignano rappresenti l’Italia agli Oscar – ha dichiarato invece il governatore lucano Marcello Pittella –  l’intesa  LuCa che ha sostenuto il regista e la produzione da poco rinnovato con il collega Mario Oliverio, governatore della Calabria, dimostra che la cooperazione virtuosa tesa alle economie di scala e alla qualità dei progetti è uno strumento molto utile per l’industria culturale del Paese. Con la sobrietà che ci contraddistingue – ha aggiunto Pittella –  riteniamo di dover sostenere il lavoro congiunto delle due film commission di Basilicata e Calabria teso ad allargare collaborazioni con le altre regioni del Sud in una vincente ottica di federalismo solidale».

Valeria Gennaro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.