È risaputo che, quando interagiamo con altre persone, circa il 90% della nostra comunicazione è non verbale. L’uomo è talmente sviluppato da cogliere (quasi) tutto il messaggio, verbale e non. Da un lato questo ci permette di percepire lo stato d’animo e le intenzioni altrui, dall’altro ci permette di capire i concetti non espliciti, delle “regole non dette” se vogliamo. È per una regola non detta, per esempio, che i ragazzi iscritti in sala pesi assumono proteine in polvere e si allenano indossando “mini-canottiere” per mostrare i pettorali. Riguardo alle mini-canottiere la scienza non si esprime, ma riguardo alle integrazioni proteiche c’è molto da dire. Sicuramente chi svolge attività fisica ha bisogno di maggiore energia rispetto ad un sedentario, ma non sempre è necessario aumentare anche l’apporto proteico. Può essere rilevante farlo quando ci si allena con continuità (circa 10 mesi l’anno) e regolarità (almeno 1 allenamento al giorno). Ma in pratica quante proteine dovrebbe introdurre ciascuno di noi? Scopriamolo!

Muscoli tonici, allenamento, integratore alimentare

Muscoli e proteine

Dopo un allenamento intenso, i muscoli sono provati e hanno bisogno di essere “riparati”. Per la riparazione è necessario il riposo e una dieta bilanciata. Una persona che lavora e trova il tempo di allenarsi una volta a settimana, non ha bisogno di impazzire contando grammo per grammo le proteine che introduce. Gli basta avere una corretta alimentazione e i muscoli saranno tutt’altro che trascurati. Questo è assolutamente valido anche per chi si allena in sala pesi 2-3 volte a settimana. Per gli agonisti che si allenano tutti i giorni, il discorso cambia. Partiamo da 1,4 g di proteine per kilogrammo di peso per gli sport aerobici come la corsa e il nuoto. Per gli sport più incentrati sullo sviluppo della forza, invece, arriviamo a 1,7g per kg di peso. Raggiungiamo il massimo introito proteico nei body-builder, i quali si allenano specificamente per l’accrescimento muscolare e dovrebbero assumere 2g per kg di peso. Per una dieta particolare e personalizzata, comunque, è sempre meglio evitare il “fai da te” ed affidarsi a medici o dietisti!

Proteine in polvere, barretta proteica

Proteine in polvere: necessità o tendenza?

Ci sono due buone notizie: la prima è che tutti questi apporti proteici si possono raggiungere con la dieta (in una persona sana). L’American College of Sports Medicine, infatti, afferma che non solo è possibile, ma anche preferibile. La seconda è che non siamo obbligati a mangiare tonnellate di petto di pollo ogni giorno per raggiungere l’obiettivo. Dobbiamo solo concentrarci sugli alimenti più ricchi di proteine e preferirli nella dieta: i legumi (lenticchie, ceci, fagioli, soia) ne sono un’ottima fonte, così come il pesce (tonno, salmone, merluzzo) e i latticini a basso contenuto di grassi. Molto proteica anche la carne (manzo, pollo, tacchino), stiamo attenti però alle proteine di orgine animale, un consumo elevato di carne a lungo termine può aumentare la probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari e tumore. In conclusione, la scelta migliore è sempre preservare se stessi: se siamo sani, perché assumere integratori di qualunque genere e farne pagare il prezzo a reni e fegato?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.