Home / Spettacolo / Arte / ITALIANA, L’Italia vista dalla moda 1971-2001 a Palazzo Reale
italiana

ITALIANA, L’Italia vista dalla moda 1971-2001 a Palazzo Reale

ITALIANA, L’Italia vista dalla moda 1971-2001 è una mostra ideata e curata da Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi che sarà esposta a Palazzo Reale (Milano) fino al 6 maggio, quindi vi rimane poco tempo!

ITALIANA celebra il nostro sistema della moda proprio nel trentennio in cui si cimentano relazioni e scambi tra gli esponenti della generazione di stilisti, industriali, designer, artisti, architetti ed intellettuali che definisce l’immagine dell’Italia nel mondo e la inserisce nelle rotte della cultura internazionale.

Italiana è un aggettivo che diventa sostantivo per evidenziare l’insieme di tratti, stili e atmosfere che definiscono la cultura italiana nelle sue forme e nelle sue espressioni. Il sottotitolo l’Italia vista dalla moda afferma la moda quale punto di vista privilegiato della narrazione e la necessità di definire una direzione critica.

1971-2001 è il lungo periodo in cui si manifestano i processi di messa in discussione degli equilibri conquistati nel secondo dopoguerra. La data di inizio marca simbolicamente la cesura dall’alta moda e l’inizio della stagione dello stilismo: in cui Walter Albini sceglie Milano per la prima sfilata della linea che porta la sua firma, ed è l’anno in cui in Italia nasce il movimento di liberazione della donna. La data di fine è emblematica e segna il passaggio tra due secoli: la moda italiana cambia pelle e si trasforma definitivamente in un fenomeno globale; è l’anno degli attentati dell’11 settembre, segno doloroso della radicale e definitiva crisi del sistema internazionale già sconquassato dalle mutazioni geopolitiche degli anni ’90.

IDENTITÀ

L’immagine della mostra, realizzata da Oliviero Toscani pubblicato nel numero di “L’uomo Vogue” del dicembre 1971-gennaio 1972, racconta di una moda italiana che fa dialogare in modo paritario l’uomo e la donna. La moda italiana progetta l’immagine e la silhouette femminile in anni cruciali, che vedono l’affermarsi del femminismo e in cui le si riconosce un ruolo centrale nella società con l’invenzione del power suit.

Power suit – Gucci

DEMOCRAZIA

La moda italiana è “vestire bene” alla portata di tutti. L’esempio lampante è il celebre cappotto 101801 di Max Mara in cui la confezione industriale permette la diffusione di oggetti vestimentari di altissima qualità, realizzati per essere distribuiti a un pubblico sempre più vasto. Così il vestire italiano diventa internazionalmente sinonimo di saper vestire con stile. Con Zegna si consolida il rapporto fra tessile e confezione, introducendo e accogliendo la tradizione sartoriale. La democratizzazione è alimentata dalla fotografia di moda, con autori quali Gian Paolo Barbieri, Aldo Fallai e Paolo Roversi, e che circola vorticosamente nelle riviste, potentissima nell’alimentare il nostro immaginario e nel definire un linguaggio visuale condiviso.

Valentino

IN FORMA DI LOGO

Le iniziali diventano logo e le immagini si trasformano in stemmi. Così la moda italiana non solo si democratizza ma si rende riconoscibile immediatamente. Nascono le firme autografe di Pucci e di Ferragamo, la Medusa di Versace e l’iconico segno rosso di Prada. Niente di nuovo quello che ci sta raccontando quindi la moda in questi ultimi anni.

Gucci

DIORAMA

Tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 si rafforza in Italia il rapporto istituito dal sistema del design industriale con la moda di ricerca. Un diorama – insieme di vedute dipinte che, per effetto di prospettiva e giochi di luce, danno allo spettatore l’illusione di un panorama naturale nelle varie ore del giorno –  che ricostruisce una stanza delle meraviglie, esaltando e celebrando le relazioni virtuose e pericolose fra oggetti della moda e oggetti del design ed evocando i paesaggi eclettici e metafisici che hanno abitato le copertine e le pagine di “Domus”.

Diorama – Cinzia Ruggeri

BAZAR

Nel corso degli anni si sviluppa l’idea del viaggio che si esprime in abiti, accessori e gioielli cercanti atmosfere di un altro esotico spesso solamente desiderato, immaginato. È un altrove per tutti, assolutamente non elitario. Negli anni ’70 Walter Albini fa entrare in cortocircuito l’Oriente con le forme di un abbigliamento da guerriglia urbana. Negli anni ’80 e ’90 arrivano suggestioni dalla Cina, dal Giappone, dall’India, dal Marocco e da altri paesi del Nord Africa che tornano più volte nel lavoro degli stilisti italiani come Gianfranco Ferrè, Krizia e Giorgio Armani.

GLOCAL

Fra gli anni ’70 e gli anni ’90 gli autori italiani progettano a più riprese abiti e oggetti che giocano in modo esplicito con gli stereotipi dell’italianità nazionalpopolare. Un modo per affermare e simultaneamente preservare i molti idiomi regionali che attraverso e definisco il saper fare italiano sempre sospeso fra artigianato e industria.

Dolce & Gabbana

È chiaro come la mostra si configura come un viaggio della moda italiana capace di rapportarsi con vari saperi e intelligenze. L’itinerario intreccia una pluralità di oggetti e visioni e dispiega una narrativa della moda in tre decenni che l’hanno vista definirsi in rapporto simbiotico con la storia sociale, politica e culturale del nostro paese, una sfida a chi afferma che la moda non è un’arte e non rispecchia la storia.

Marina Greggio

About Marina Greggio

Innamorata delle lingue, che studio presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Colleziono instancabilmente vestiti e viaggi. Milano e Londra sono le mie due case, i due posti in cui il mio cuore si divide.

Check Also

Dal Royal Wedding

Dal Royal Wedding, sei regole per un perfetto look estivo

Sembra proprio che l’abito attillato sia morto per questa stagione. Dunque niente forme sexy e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.