Home / Fotografia / Mostre / HASHTAG #1.0 – La “iPhonography” di Matteo Belli in Mostra per LILT

HASHTAG #1.0 – La “iPhonography” di Matteo Belli in Mostra per LILT

La iPhonography, ovvero la moda di scattare fotografie con il proprio smartphone, è oramai entrata a pie pari nel nostro quotidiano. Negli ultimi anni, come tutti sanno, la telefonia mobile ha infatti subito una vera e propria mutazione riuscendo a trasformare i cari e vecchi “cellulari” in veri e propri sistemi informatici ai quali per varie motivazioni non riusciamo più a fare a meno.

foto Matteo Belli

Matteo Belli, in collaborazione con LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) e con il patrocinio del comune di Castel San Giovanni, è riuscito ad accorpare in un’unica mostra una serie di scatti dal grande valore sociale ed umano. Tutti realizzati volutamente ed esclusivamente con il proprio smartphone.

Matteo Belli: “L’idea di Hashtag #1.0 è nata per un coinvolgimento in un’operazione benefica. L’anno scorso è venuto a mancare un mio caro amico e compagno d’infanzia, Daniele Tosca, per un tumore… Al gruppo di amici è venuta l’idea, per commemorare e mantenere viva la sua memoria, di una mostra fotografica a scopo benefico, per raccolta fondi in collaborazione con la Lega Italiana Lotta ai Tumori (LILT)… ed hanno pensato a me…”.

foto Matteo Belli

Questa vasta serie di scatti serve a Matteo Belli per interrogarsi e interrogarci su quello che per molti è destinato a diventare il metodo espressivo del prossimo futuro.

Non è più solamente la pura e semplice estetica o il trend del momento ad attrarre il consumatore, bensì dettagli tecnici come la risoluzione della fotocamera, la messa a fuoco o tanto altro ancora. Ovviamente, tutto questo ha portato alcuni tra i maggiori produttori di macchine fotografiche al mondo (per esempio Leica) ad investire tempo e denaro per creare nuovi sistemi combinati capaci di scattare foto con qualità sempre superiore, creando così un vero e proprio trend di mercato parallelo.

foto Matteo Belli

Dal ritratto alla street-photography, dal paesaggio allo still life, questo interessante artista ci conferma quanto spesso l’immaginazione sia l’unico vero limite alla nostra creatività. Ci dimostra quanto una foto realizzata con un semplice smartphone possa sapientemente trasformarsi in un vero e proprio scatto d’autore.

Per questo e per molti altri motivi vi invitiamo a visitare la mostra fotografica di Matteo Belli intitolata Hashtag #1.0, in memoria del caro amico Daniele Tosca.

Simone Zeffiro

HASHTAG #1.0
Mostra Fotografica A Scopo Benefico

25 dicembre 2016 – 11 gennaio 2017

Sala Esposizioni – Teatro G. Verdi
Piazza Card. Agostino Casaroli
29015 Castel San Giovanni (PC)

Vernissage: Martedì 27 dicembre – Ore 18.00

Matteo Belli – www.tremezzi.wordpress.com

About Simone Zeffiro

Simone Zeffiro è un fotografo Fine Art che vive in una piccola cittadina in provincia di Pavia, a pochi passi da Milano. La sua capacità interpretativa lo porta a seguire un percorso segnato da lunghi periodi di sperimentazione nonché ad operare in vari campi della fotografia: dal ritratto alla fotografia paesaggistica, dallo still life alla fotografia notturna e al fashion, sino ad arrivare alle più recenti e articolate tecniche fotografiche quali l'HDR e l’infrarosso a lunga esposizione. Sempre con una particolare attenzione al bianco e nero artistico. Per sapere di più Clicca qui www.alpifashionmagazine.com/journal/simone-zeffiro

Check Also

“Bomba”, il nuovo videoclip antimafia di Carlo di Vita

Quando la musica non è solo una semplice manifestazione di emozioni. Ma un vero e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.