Un film documentario sulla vita della famosa direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani, diretto dal figlio fotografo e regista Francesco Corazzini.

Quest’anno uno dei personaggi più affascinanti e temuti del fashion system ha aperto le porte del suo mondo e ha mostrato a tutti una parte importante della sua vita sia lavorativa che privata.

Il 2 settembre 2016, in occasione della 73esima edizione del Festival del Cinema di Venezia, avremo la possibilità di scoprire i lati più intimi e nascosti della direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani, nel film documentario “Franca. Chaos and Creation” diretto dal figlio Francesco Corazzini e in gara nella categoria Cinema nel Giardino.

Francesco Corazzini e Franca Sozzani

Direttore responsabile di Vogue Italia dal 1988, dal 1994 direttore editoriale di Condé Nast Italia e dal 2006 de L’Uomo Vogue, Franca Sozzani nel corso della sua incredibile carriera all’interno del fashion system ha infranto le regole, ha fissato uno status nella moda, si è dedicata al design, all’arte e ai progetti umanitari organizzando eventi e iniziative di beneficienza e curato mostre per fotografi dal calibro di Mario Testino e Bruce Weber. Indimenticabili le copertine che hanno fatto scalpore tra le quali la famosa “Black issue” e la “Plastic Surgery issue”.

Attraverso interviste esclusive a personaggi come Karl Lagerfeld, Courtney Love, Baz Luhrman, Marina Abramovic, Naomi Campbell e molti altri stilisti, fotografi, modelle, attori e registi, avremo il piacere di scoprire i segreti di uno dei magazine di moda più famoso al mondo e al tempo stesso i lati più intimi e privati del rapporto amorevole e controverso tra una madre, che ha saputo gestire al meglio il ruolo di genitore e quello di donna in carriera, e un figlio che ha affrontato una vita diversa dagli altri suoi coetanei, fatta di rinunce e difficoltà, nonostante molti avrebbero voluto essere al suo posto. Il regista è riuscito a “perdonare” sua madre esplorando più da vicino il mondo della moda visto dagli occhi di una delle donne più influenti del mondo, come racconta lo stesso Corazzini, oggi importante fotografo e regista: “Quando mio padre è morto, mi sono reso conto che mia madre era tutto quello che mi restava. Volendo instaurare una connessione più profonda, ho girato la telecamera su di lei e l’ho usata come mezzo per esplorare il nostro rapporto, in un modo nuovo, e per dare voce alle domande che non avevo mai fatto prima. Volevo capire le sue scelte personali, avere un accesso privilegiato al mondo della moda attraverso la sua esperienza e condividere i momenti più importanti della sua rivoluzionaria carriera. Questo film, che ho completato in quattro anni, è tanto un testamento alla sua storia, quanto un atto d’amore”.

Claudia Brizzi

Articolo precedenteAlexa Chung da modella a It girl
Articolo successivoNel cuore di Roma, un Club di Gentiluomini per valorizzare le eccellenze italiane
Determinata, creativa e sognatrice, nata a Roma nel 1994, è iscritta all’Università La Sapienza di Roma dove attualmente frequenta il terzo anno del corso di laurea in Scienze della Moda e del Costume con l’obiettivo di accrescere le sue competenze professionali e trasformare la passione nei confronti del Fashion System da sogno a realtà, da hobby a professione. Insieme ai viaggi, la moda e la comunicazione sono da sempre le sue più grandi passioni. Il profondo interesse per la scrittura e la comunicazione le ha permesso di collaborare con diverse testate giornalistiche come freelance fashion editor stylist, tra le quali www.fashionnewsmagazine.com, www.snapitaly.it, www.modasapienza.com, www.modadivas.com e il semestrale WRPD Magazine. Curiosa, determinata e intraprendente, ha frequentato un corso di Sartoria Base presso il LabCostume, un corso di fotografia presso l’associazione OfficineDada, un corso online di Personal Shopper e Consulente d’immagine e preso parte anche a numerosi workshop organizzati dall’Istituto di alta formazione “Eidos” in Giornalismo radiotelevisivo e Comunicazione e giornalismo di moda e dall’Istituto Europeo di Design “Ied” in Moda trasversale imparando nozioni utitli per l’accrescimento delle sue esperienze in ambito giornalistico. La collaborazione con l'ufficio stampa della maison di moda romana Gattinoni le ha dato la possibilità di allestire la mostra "In Acqua: H2O molecole di creatività" sita alle Terme di Diocleziano a Roma, a cura di Stefano Dominella e Bonizza Giordani Aragno e di partecipare come ospite alla rubrica “Moda di moda” all’interno del programma “Fatti Vostri” e al programma “Tg2 Insieme” in onda su Rai 2. Da perfetta “addicted traveller”, a soli 22 anni ha avuto la possibilità di girare il mondo entrando in contatto con culture molto diverse tra loro e paesaggi suggestivi da togliere il fiato. Alla costante ricerca di nuove ispirazioni per dar vita a trend originali e mai banali, ha preso parte alla manifestazione Pitti Uomo 89 e Pitti Uomo 90 a Firenze e all’edizione di luglio 2015, gennaio e luglio 2016 di AltaRoma Altamoda a Roma perché come affermò Bill Blass, “lo stile è soprattutto una questione d’istinto”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.