I film in costume continuano ad appassionare e le attrici a confermarsi quali indovinate icone di stile. Il successo di serie come The Great, con la meravigliosa Elle Fanning nel ruolo della sovrana illuminata Caterina la Grande, e di Bridgerton – con la graziosa duchessa Daphne interpretata da Phoebe Dynevor – ne è una dimostrazione attualissima.

Daphne Bridgerton indossa negli otto episodi della serie ben 104 abiti diversi

fonte Instagram @phoebedynevor

Non solo sceneggiatura e attori. In The Great e in Bridgerton, come in ogni period drama che si rispetti, l’attenzione si sposta, a ragione, anche sui sontuosi e, spesso, eccentrici costumi. Sono migliaia gli abiti sfoggiati dai personaggi. Nessun accessorio manca all’appello:  fiori e ghirlande fra i capelli, fasce-nastri-fiocchi-cappelli.  Ogni personaggio ha un suo stile e il décolleté delle donne è puntualmente in vista.

“Effetto Bridgerton”, cresce la vendita di corsetti e di capi in stile Impero

Il lavoro di progettazione dei costumisti è durato mesi. Tutti gli outfit  sono stati creati e scelti con minuzia: dalla biancheria intima agli abiti, agli accessori. La sola Daphne indossa negli otto episodi della serie ben 104 abiti diversi. E così l’effetto Bridgerton è già bell’e assicurato e cresce la vendita di corsetti e di capi in stile Impero. “Un certo livello di décolleté era considerato di moda alla fine del XVIII e XIX secolo”, spiega la storica della moda Susanna Cordner.

La moda nel periodo 1800-1815 e lo stile Impero

Quella “silhouette Impero” che continua ad affascinare le fashioniste

Fonte Instagram @ellefanning

Lo stile di abbigliamento del periodo invitava le donne alla moda del tempo a mostrarsi al pubblico in una “silhouette Impero”, cioè in abiti con una vita molto alta (appena sotto il seno), che scendevano verso il basso con una gonna lunga e dritta, spesso disegnati con maniche a palloncino, con scollatura profonda e con un nastro o una cintura legati sotto il seno. Una silhouette che a quanto pare continua ad affascinare le fashioniste e non solo.

valeriagennaro@alpifashionmagazine.com/val.gennaro@virgilio.it

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
0
Amore
2
Non saprei
0
Divertente
0
Valeria Gennaro
Giornalista, insegnante, fashionista e cultrice della materia in storia del cinema con la passione per la moda, i bijoux e la social communication. Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche. Neuro Linguistic Programming Master Practitioner. Collabora con "La Gazzetta del Mezzogiorno" ed è caporedattore del giornale "Alpi Fashion Magazine"

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:Moda