Home Moda Donna Borse Donna Valextra goes Toothpaste con Bethan Laura Wood!

Valextra goes Toothpaste con Bethan Laura Wood!

valextra
valextra

Quest’anno Valextra brinda al suo 80esimo anniversario, attraverso una nuova collaborazione con la designer inglese Bethan Laura Wood. Questo mese, per la Primavera/Estate 2018, Valextra presenta Toothpaste, una collezione caratterizzata da un uso eclettico del colore, approccio tecnico alle forme e ossessione per la perfezione. Il lavoro di Wood è l’ingrediente perfetto per completare le borse Valextra, e offrire un nuovo punto di vista sull’iconica Iside top handle e sulla Passepartout, l’ultima arrivata in casa Valextra.

 

Valextra
valextra

C’è una duplice ispirazione dietro alla collezione Toothpaste: da una parte, Bethan si è concentrata sulla lavorazione a Costa, un tratto distintivo di Valextra che accentua il ritmo architettonico delle borse, elemento essenziale dell’identità del marchio. Dall’altra, Bethan ha esplorato i lavori dell’artista inglese Eduardo Paolozzi, le cui opere hanno ispirato la designer da un punto di vista concettuale. Bethan ha creato un linguaggio sofisticato che traduce le strutture surreali create da Paolozzi, e le sue palatte di colori saturi, elementi precursori del movimento Pop ispirati all’era industriale.

Valextra
valextra

Il processo creativo di Bethan attraversa una serie di diverse ispirazioni e riferimenti stilistici, che la designer incorpora alla perfezione nel suo progetto per Valextra: gli alfabeti curvilinei dei graphic designer Francesi M/M Paris, un tessuto fotografato durante un viaggio in Olanda, il logo delle Olimpiadi del Messico 1968, e la sua collezione Playtime tables. Questi diversi riferimenti estetici contribuiscono allo stile eclettico della collezione, in parallelo con i molteplici e diversi riferimenti culturali ed artistici da sempre alla base di Valextra. L’estetica della collezione, secondo Bethan, è

“da qualche parte tra un gelato color pastello e una cravatta anni ’70, mescolato con un po’ di dentifricio alla menta”.

Per la collezione Toothpaste, Bethan ha inventato un sistema modulare che ha usato per designare manici, fibbie e dettagli, applicate alle borse Iside e Passepartout. Per Bethan, questi dettagli sono un’occasione giocosa per sperimentare il suo linguaggio modulare, offrendo tridimensionalità alle borse. Sebbene siano caratterizzate da un’estetica estremamente eclettica, con un cenno a forme industriali e movimenti artistici, questi manici scultorei risultano puri e grafici, un incontro perfetto tra l’universo estetico della designer e il rigore sofisticato di Valextra.

Valextra
valextra

Bethan ha creato 7 diversi manici 4 fibbie per la Iside, oltre a 3 accessori per decorare le tasche della Passepartout. Gli oggetti sono caratterizzati da dettagli in bronzo e inserti in acetato colorato, una versione tridimensionale degli schizzi curvilinei di Bethan. I manici rigidi della Iside formano un divertente percorso da un cardine all’altro, attraversando infinite possibilità di disegno. La palette della collezione, basata su toni un po’ torbidi tipici degli anni ‘70, è ravvivata da bagliori di tonalità più vivaci, con pellame verde oliva o pergamena abbinati a fucsia, zafferano e acqua marina.

La collezione è stata presentata nella storica flagship boutique di via Manzoni, a Milano, immersa in un’installazione ispirata anch’essa ai lavori di Paolozzi: ulteriore cenno allo stravagante progetto di Bethan. L’allestimento proponeva una versione su larga scala delle sculture meccaniche dell’artista, che trasformavano nuovamente lo spazio per mettere in risalto i nuovi pezzi. Un voluminoso tubo modulare si snodava attraverso il negozio, dall’ingresso fino alla parete di fondo, trasformando la boutique in un ambiente post-industriale. Il metallo dell’installazione è in contrasto con le forme delicate dei colori della collezione Toothpaste, creando uno scenario di contrasti eclettici.

Come tutte le collaborazioni creative del brand, questa collezione introduce nuove ispirazioni dell’anima eclettica nel mondo di Valextra, allo stesso tempo amplificandone lo stile moderno e ampliando il suo raggio creativo. A completamento di otto decenni sperimentazione ed innovazione, Valextra ancora una volta dimostra la sua passione per design e creatività, inserite nel contesto di una solida visione contemporanea.

bethan laura wood, valextra

Bethan Laura Wood si è diplomata con un Master of Arts dal Royal College of Art, sotto la guida di Jurgen Bey e Martino Gamper. Dopo il diploma, nel 2009, il lavoro di Bethan è focalizzato su ricerca di materiali, collaborazioni con artigiani e una forte passione per dettaglio e colore. Attraverso il suo lavoro, Bethan esplora le relazioni delle persone con gli oggetti quotidiani, e come essi possono diventare veicoli culturali. Il suo è un approccio critico, il cui obiettivo è un consumismo sostenibile in un contesto di produzione. Negli ultimi anni, Bethan è stata ospite di diversi progetti formativi offerti da istituzioni illustri, dal Design Museum di Londra al W Hotel di Città del Messico, e lavora regolarmente con artigiani nelle zone di Venezia e Vicenza.

Bethan tiene regolarmente lezioni e workshop; al momento, fa parte del corpo insegnanti del Master of Arts in Luxury all’ECAL, Svizzera. Bethan è stata premiata con molteplici riconoscimenti, tra cui un invito ai festeggiamenti per il Diamond Jubilee del 2011, in supporto alla Royal Academy of Arts, in presenza della Regina Elisabetta II, come rappresentante del miglior talento britannico.

www.valextra.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.