In Pomandère i giardini verticali sono il verde protagonista di una natura rigogliosa, fiorente e presente anche in contesti urbani. L’elemento naturale diventa elemento architettonico che crea spazi nuovi, ampi, accoglienti e diversi dall’atteso.

Case, grattacieli, aree urbane, stazioni che si vestono di natura, non solo nell’arredo outdoor ma soprattutto nella loro modalità costruttiva: legno e materiali sempre più naturali costituiscono la struttura delle stesse.

L’architettura si “veste” di natura, creando una contaminazione tra lo spazio urbano e la natura. È su questa contaminazione che la nuova collezione P/E di Pomandère si ispira: tutto ciò che è leggero, fluido, femminile, si fonde con aspetti ed elementi più maschili, in modelli dal taglio definito e netto.

Le geometrie si aprono ad una nuova interpretazione e si fondono con elementi inaspettati, creando dualismi che appaiono comunque bilanciati e coerenti. La protagonista in questa collezione è la naturalità, elemento che accorda e unisce il tutto.

Tre macchie cromatiche vanno a delineare la collezione primavera-estate 2022: i colori accesi, i toni naturali e il brio dell’estate.

I tessuti che compongono la collezione sono selezionati ispirandosi al tema della contaminazione. Tessuti materici e naturali come il madras e il quadro in lino caratterizzano il primo gruppo cromatico dei colori accesi che insieme ai tessuti goffrati leggeri tono su tono, micro gessati e jersey di lino a righe compongono abiti femminili e romantici con spacchi profondi, dettagli di ricamo punto smock sulle maniche e completi più rigorosi.

Il popeline rigato e il nuovo tessuto tecnico nei capospalla di trench e caban si abbinano al lurex della camiceria e dell’intimo che si declina in completi di culotte e fasce nel secondo gruppo cromatico dei toni naturali.

Infine, protagonista dell’ultimo gruppo brio dell’estate è il denim per un aspetto contemporaneo e versatile, che si adatta alle varie situazioni della giornata. Il pizzo viene utilizzato in un abito allover e come entrodure nel top e nella camicia. A materiali classici e maschili come il lino, vengono abbinate nuove nuances colore come il peonia per un tocco fresco.

I colori sono accesi: l’anice ed il rosso ciliegia si uniscono alle tonalità più neutre del latte, meringa, ghiaccio e caramello.

I toni caldi e naturali, che spaziano dalla sabbia al khaki e nocciola, si mescolano con i toni freddi e scuri dell’antracite e del nero. La camiceria accorpa il colore indaco mentre nel jersey viene introdotta una base fluida di viscosa per una vestibilità più femminile. Nel terzo gruppo cromatico, brio dell’estate, predominano i toni chiari del latte, limone e azzurro bleach, applicati alla camiceria, che si mescolano con declinazioni di rosa nei toni lampone, peonia e mirtillo che su un fondo nero rivestono un total look di kimono e pantalone fluido in habotai di seta.

A completare i look ci sono gli accessori scamosciati nelle tonalità vive.

I modelli realizzati su geometrie rigorose si ammorbidiscono grazie agli elementi naturali: la fluidità, il vigore della natura, la sua forza prorompente conquistano nuovo spazio nelle geometrie urbane.

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
0
Amore
0
Non saprei
0
Divertente
0
Marina Greggio
Innamorata delle lingue e colleziono instancabilmente viaggi. Nel tempo libero scrivo, leggo, corro e mangio. Milano e Londra sono le mie due case, i due posti in cui il mio cuore si divide.

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.