Home / Moda / Pitti 91: Cappellificio Tesi, dalle trecce dell’800…

Pitti 91: Cappellificio Tesi, dalle trecce dell’800…

Le tendenze della moda internazionale al salone fiorentino: le griffe puntano sugli accessori, in particolare sui cappelli e sul classico impermeabile ma con materiali innovativi, dal dandy all’uomo che veste all’avanguardia, è il cappello, super personalizzato ed eccentrico, il capo immancabile nel guardaroba maschile secondo le griffe internazionali in scena in questi giorni a Pitti Uomo a Firenze.

cappellificio tesi,pitti immagine 91,pitti uomo 2017

Grande attenzione dei buyers per il cappellificio toscano Tesi, che dalla metà dell’800 insegna a fare cappelli partendo dalle trecce e dai cappelli di paglia, dall’eccellenza dei maestri artigiani di una volta alla classica forma Borsalino di oggi in feltro di lapin rasato, reinterpretata nei colori del nero, grigio, oceano, naturale, cammello e bruciato.

Piccoli borghi e paesi toscani, le trecciaiole sull’uscio di casa, mani che si muovono, rapide, svelte, a capo chino, una storia di artigianato che parte da metà dell’800 e continua oggi, nella produzione artigianale che tutto il mondo ci invidia e porta a dei fatturati importanti, portando il comparto del cappello, in Toscana, a fatturare oltre i cento milioni annui.

cappellificio tesi,pitti firenze,cappelli pitti

Le origini della Ditta Tesi risalgono alla metà del 1800, quando fu fondata a Signa una piccola compagnia specializzata nella produzione e nel commercio di trecce e cappelli di paglia.

La fine del XIX secolo vide un periodo di grande prosperità del settore e la Ditta Tesi conquistò una posizione preminente sui mercati europei e americani.

All’inizio del XX secolo furono fatti significativi investimenti per ingrandire e modernizzare la fabbrica e le sue attrezzature. Questo era il periodo d’oro dei cappelli “a canotto” e dei cappelli di paglia in generale, con grande attenzione all’uso di paglie Italiane ed orientali. Il mercato era in grande crescita e la Ditta Tesi anticipava la domanda dei clienti innovando e introducendo nuovi modelli. In questo clima di novità la Ditta Tesi introdusse sul mercato un nuovo materiale: il panama. Durante quegli anni, consolidò ulteriormente il suo prestigio internazionale e stabilì contatti con il Centro e Nord America per il commercio dei materiali grezzi e lavorati. Dopo la seconda guerra mondiale lo sviluppo continuò, nonostante il cappello avesse perduto lo status di elemento indispensabile nell’abbigliamento. Il boom economico post bellico provocò un cambio radicale nello stile di vita; i ritmi e le abitudini divennero frenetici. Il cappello continuò ad essere percepito come un importante accessorio, ma la moda del cappello di paglia cominciò a declinare, raggiungendo il suo periodo peggiore alla fine degli anni ’60. La solida reputazione dell’Azienda e la sua capacità di rinnovamento consentirono di superare i momenti di crisi dell’epoca, introducendo nuove linee in feltro e tessuto per uomo e donna.

cappello tesi,cappellificio toscana,made in italy

L’esperienza e la capacità di innovazione sono la chiave del successo attuale della Ditta Tesi e la quinta generazione della famiglia è oggi alla guida della Società.

La Ditta Tesi ha contribuito alla fondazione del “Museo della Paglia Domenico Michelacci“, a Signa, la capitale del cappello nei pressi di Firenze.

Cristina Vannuzzi Landini

PITTI UOMO Ed ‘91

January 10th-13th, 2017
Pad. Centrale- Piano Attico Central Pavill.- First Floor Hall 3 – STAND- BOOT G11 FIRENZE

www.tesihats.com

About Cristina Vannuzzi Landini

Nata a Firenze, residente a Firenze e New York, é esperta in comunicazione, ufficio stampa e merchandising. Già capo ufficio stampa per REL, la finanziaria per l'informatizzazione della PA sotto Enea e Ministero del Lavoro, già associata FERPI e all’Associazione Donne del Vino, ha svolto numerosi incarichi. Collaborazioni giornalistiche cartaceo e web: settori food and beverage, lifestyle, locali, eventi, fashion, cosmetica, interviste chef e vip. email: cristina.vannuzzi@gmail.com

Check Also

Matera, fino al 31 luglio sarà visitabile “La secretissima camera de lo Core”

“La secretissima camera de lo Core”, nel weekend l’apertura di un nuovo labirinto interattivo che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.