Home Moda Moda Uomo Milan Men Fashion Week – SS15 – First day

Milan Men Fashion Week – SS15 – First day

Per la moda maschile giugno è un mese importantissimo, tra Londra, Milano e Parigi, abbiamo la possibilità di vedere ciò che le varie case di moda hanno in serbo per la prossima stagione estiva.

Di giorno in giorno Alpi Fashion Magazine vi terrà aggiornati sulla Milano Fashion Week commentando i brands che più di tutti hanno attirato la nostra attenzione.

Corneliani :

La passerella di Corneliani racconta freschezza, dinamicità e vitalità. Colorazioni neutre, pochi fronzoli e tagli maschili (come d’obbligo per la maison), sono il trinomio perfetto assieme ai tre aggettivi iniziali, per la prossima stagione firmata Corneliani.

Zegna :

Ermenigildo Zegna anima la passerella di modelli vestiti con abiti veramente coerenti con il passato della casa di moda. L’idea di inserire elementi di carattere prettamente sportivo e perfettamente contrastante (in modo positivo), con un pantalone elegante, personalmente, di mio gradimento.

Colorazioni molto autunnali che abbinate con una giusta tintarella donano un fantastico imprinting al tutto.

Dolce & Gabbana :

Le sfilate di Dolce & Gabbana ormai non sono semplici sfilate, ma grandissimi eventi, anzi “Spettacoli”. Quest’anno la tematica rispetto alla “solita” Sicilia, ha come tema la dominazione Spagnola, avvenuta proprio in Sicilia tra il 1516-1713. Una collezione davvero forte ricca di emozioni, a partire dalla colorazione rossa, e dalla scenografia onnipresente quasi in ogni creazione. Una fortissima presenza barocca contorna ogni singolo pezzo ricollegandosi fortemente alle collezioni passate, assieme ai rosari gioiello che rendono il tutto ancora più “sacro e profano”.

Costume National :

L’uomo di Costume National invece è abbastanza essenziale. Non esagera, ma gioca solo con i colori e con le forme. I tagli dei capi sono rigidi e minimali, mentre i colori sono forti e accesi, spezzati dalle fantasie a righe verticali. Le scarpe quasi tutte “ Vaqueros”.

Molto usata la pelle, sia scamosciata che liscia.. non farà un po’ caldo l’estate prossima?

Il color block risulta vincente. Futuristica.

MSGM :

Massimo Giorgietti di anno in anno ci coccola con le sue fantastiche e suggestive sfilate. L’uomo che ha deciso di mostrare è un attento precursore della moda; infatti nemmeno uno dei capi presenti in passerella va contro gli standard dettati dalla primavera. C’è colore, il pantalone corto, le fantasie estrose (immancabili per MSGM), e la ciabatta maschile (che io, ahimè boccio).

Delinea alla perfezione ciò che per me dovrebbe essere la moda estiva.

Andrea Pompilio :

Andrea Pompilio porta in passerella dei capi minimalistici accompagnati da caratteristici dettagli ed applicazioni. Come sempre non lascia niente al caso, e la sua collezione come la precedente invernale è ricca di colori e di “vita”. Mi fa pensare.. a giovani imprenditori nel settore della moda, e perché no, anche altri ambiti. Le forme ampie quasi over-size sono ampiamente adatte alla stagione estive.

Neil Barrett :

Neil non si discosta molto nelle proprie creazioni. Una sorta di filo – continuativo collega le sue collezioni. I colori primari, il nero e il bianco la fanno da padrone.

La collezione vanta capi molto ampi e “informi”, in quanto il neoprene, materiale molto utilizzato da Neil, dona “poco movimento” ai capi.  La fantasia comuflage va a sostituire i classici colori bianco/nero/grigio delle felpe viste nelle passate collezioni, affermandosi come sempre uno dei più in voga riguardo lo street-style.

Versace :

Donatella delinea un uomo avventuroso; ad aprire la sfilata modelli vestiti di total pink, rievocano in me, la visione degli uomini vestiti in vacanza a capri; dopo qualche minuto invece, approdano in passerelle abiti dall’animo forte, dove è ben visibile l’influenza sahariana di determinati capi. Il traforato trend di questa stagione per le donne si farà vedere anche nell’uomo con geometrie particolarissime come cerchi e righe.

Come sempre i modelli tendono a rassomigliare a divinità greche, e in passerella sfilano anche uomini con tuniche di ispirazione proprio greco-romana, ed elegantissime jumpsuit.

Immancabili le stampe baroque che contraddistinguono la maison, accompagnate da stampe che personificano figure nere avvolte da palme.

I pantaloni rimangono confermati quelli a ¾ che danno la possibilità di mettere in mostra la calzatura (che ovviamente Versace vuole palesemente super vistosa).

Philipp Plein :

Philipp Plein taglia la linea “rock”, che da qualche collezione a questa parte non faceva altro che sottolineare l’animo alternativo e rude del brand, e del creatore stesso.

In passerella vediamo uno stile “navy” sia per gli abiti, sia per la location, una mega piscina e tantissime riproduzioni di squali.

Quello che viene proposto è un navy aggresive, tra maglioni completamente ricoperti di stemmi marini e di ancore, fino  alle fantomatiche righe. Anche qui visibili le stampe nelle t-shirt, che si rifanno ai disegni degli squali della scenografia. Devo amettere che questo mi ha particolarmente impressionato.

Articolo precedenteRassoda le braccia con gli esercizi da fare a casa tua e i rimedi naturali
Articolo successivoIl twist dell’estate
Gianmarco nasce a Cagliari il 5 di Giugno del 1992. Fin da piccolo nutre una forte passione rispetto ad attività creative, come il disegno, il design e l’arte. Diplomato all’istituto per Geometri, non sapendo che strada prendere tra studio e lavoro, decide di dedicare i primi sei mesi post diploma alla ricerca del lavoro (che purtroppo si era nascosto troppo bene), e ad inizio 2012 inizia il suo percorso lavorativo e formativo più importante, che lo accompagna ancora oggi, ovvero quello del Volontariato. Tramite lo stesso, ha avuto la possibilità di lavorare in gruppo, imparare ad amministrare persone, comunicare, dialogare e stendere progetti. Ha frequentato diversi corsi per migliorare le sue competenze, allo IED per specializzarsi nella elaborazione grafica architettonica, corsi linguistici, corsi di formazione professionale come Informatica Avanzata, Editing, Linguaggio Informatico e Social Media Marketing, e i corsi, promossi dalla Fondazione con il Sud, "FQTS" nei percorsi formativi del 2015 in FQTS2020, del 2014 come formazione continua, e del 2013 nell'ambito della Progettazione Partecipata. Tutt'oggi studia Economia e Gestione Aziendale presso l’Università degli Studi di Cagliari. Spinto dalla passione per l’arte, la moda, il design e questa forte voglia di comunicare, apre un sito web improntato su queste sue passioni. Molto importante lo spazio che ha deciso di dedicare per il movimento artistico e creativo all'interno, non lasciando solo spazio all’handmade, ma anche a tantissime altre espressioni di arte e comunicazione. Gianmarco, scriveva per il web magazine giovanile “Sciradì”; è il referente del comparto Giovani dell’associazione di Volontariato “ANTEAS Sardegna”, lavora attivamente all’interno dell’associazione “ANTEAS Sardegna” come progettista, comunicatore e docente di corsi di formazione, è Socio di una ONG, “COOPI Sardegna”, è disegnatore grafico free-lance per progetti Ingegneristici e ha collaborato assiduamente con la Associazione Culturale “The Oddity Box” in tema di Marketing e Social Media. Gli piace impiegare il suo tempo in modo utile, seguendo parecchi congressi, seminari e corsi di formazione per non rimanere indietro rispetto a ogni singolo settore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.