Home / Spettacolo / Arte / “Immaginazione cattolica” al Met, l’influenza della mise liturgica nel Fashion
Immaginazione cattolica
Bibbia del 1607 e abito da sera Valentino Haute Couture by Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli P-E , Amica

“Immaginazione cattolica” al Met, l’influenza della mise liturgica nel Fashion

I significati simbolici del colore rosso sono iscritti nelle tradizioni religiose, e non è un caso che il rosso, il colore reale, la nuance del lusso nel mondo del Fashion, adorato da quasi tutti gli stilisti, arrivi direttamente dal mondo sacro.

L’abito da sposa, ad esempio, nasce rosso pressoché in tutte le culture, sia occidentali sia orientali, con significati di potere, di buona fortuna, di passione e di ricchezza.

Sin dai tempi lontanissimi infatti il mondo ecclesiastico, anche in virtù del suo potere e autorità, ha “dettato” stili e tradizioni, e non solo nella sfera politica, nell’economia e nell’ambito sociale, ma anche nel mondo del moda.

Immaginazione cattolica
Mosaico “La personificazione di Ktisis” (frammento, 500-550 DC) e abito Dolce & Gabbana A-I 2013-14, Amica

A trovare i punti di intersezione tra questi due mondi, arte sacra e fashion, e a mescolare, di conseguenza, sacro e profano, sarà la mostra organizzata da Andrew Bolton “Heavenly Bodies: Immaginazione Cattolica”, in collaborazione con i responsabili delle sezioni medievali e bizantina del Met, che sarà allestita dal 10 maggio all’8 ottobre del 2018 nel quartier generale del museo, sulla Quinta Strada di New York, e negli ambienti “monastici” dei Cloisters. L’esposizione riuscirà sicuramente a convogliare la giusta attenzione degli esponenti dei due settori comunicanti.

Croce bizantina (1000-1050 DC) e abito da sera Gianni Versace A-I 1997-98, Amica

La mission è di descrivere un ponte fra i capolavori dell’arte sacra/cristiana (prima che cattolica) e gli abiti e gli accessori delle case di moda e dimostrare quindi il funzionamento dei binomi  «fede-fashion, “material-Christianity” e “Catholic-immagination».  L’intento di Bolton è quello di sottolineare la duratura influenza dell’abbigliamento liturgico su stilisti con diversi credo: «dal Dolce & Gabbana di Monreale ai paramenti papali della Cappella Sistina, passando per un Jean Paul Gaultier col calice della Messa ricamato sul seno, un saio “francescano” da sera di Madame Gres e il Gianni Versace del 1997-98 ispirato da una croce processionale bizantina». La mise degli esponenti della Chiesa cattolica da sempre pullula di oggetti e “gadget” preziosissimi, in oro, pietre preziose, e realizzate in tessuti favolosi.

La mostra si svilupperà su tre livelli: al centro, alcuni tesori della Cappella Sistina mai visti fuori dal Vaticano. Altri oggetti artistici vengono dal dipartimento medioevale del Metropolitan Museum. Questi tesori dialogheranno con le forme di Cristobal Balenciaga, con i tessuti di Donatella Versace, con la modernità di Coco Chanel che imparò a cucire dalle suore, fino ad arrivare ai barocchismi “mai così papali” di John Galliano e la sua collezione A/I 2000.

Natività attribuita a Zanobi Strozzi (1433-34) e abito da sera Jeanne Lanvin per Lanvin, 1939, Amica

ll cattolico curatore del Metropolitan Museum of Art’s Costume Institute  Andrew Bolton è riuscito ad ottenere dal Vaticano un gruppo di paramenti e accessori papali che saranno la “pietra d’angolo” dell’esposizione, che dischiuderanno la strada a una serie di corrispondenze, di prestiti e a un gioco di rimandi che si sposta su diversi livelli temporali (passato e presente), perché, in fondo, il passato è ancora presente: torna, con solo qualche “laccatura”, senza mai cancellarsi.

http://www.amica.it/gallery/met-gala-2018-la-mostra/

Valeria Gennaro

Di Valeria Gennaro

Giornalista lucana, consulente di comunicazione, web designer e cultrice della
materia in storia del cinema, con la passione per la moda, per i bijoux e per la social communication.
Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche.

Leggi anche

fall festival

Fall Festival #stayindipendent, al via domani a Salerno

Fall Festival 2017 – #stayindipendent è il motto della kermesse targata Mumble Rumble, che riunisce …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.