Abbiamo avuto il piacere di intervistare la famosa Zsofia Bata Jakab CEO dell’Hungarian Fashion & Design Agency; che ringraziamo vivamente per questa cordiale intervista.

Come ti definiresti personalmente e professionalmente?

Vorrei sottolineare che sono una pensatrice strategica. Ciò che mi motiva principalmente è la determinazione di obiettivi a lungo termine, e si applica anche al mio lavoro e alla mia vita privata. In qualità di CEO dell’Hungarian Fashion & Design Agency, considero la promozione della creatività ungherese e il supporto dei designer emergenti come il mio obiettivo principale. Ogni giorno, con l’HFDA, lavoro per collegare l’industria della moda e del design ungherese al flusso internazionale e trasformare Budapest in uno dei centri determinanti della regione. Durante il mio lavoro come leader dell’Agenzia, metto particolare attenzione a sottolineare sempre più la sostenibilità e il rapporto tra moda e tecnologia nei programmi dell’HFDA. Credo che la creatività e le soluzioni innovative dei marchi ungheresi possano portare loro fama mondiale.

Quando e Com’è nata la tua passione per il mondo della moda ed il design?

Il mio rapporto con il design è decennale; la specialità del settore mi ha attratto già da giovane età. Ero principalmente interessata al  background ed al lato commerciale. Sono laureata in economia, ma già durante l’università ho avuto la possibilità di approfondire la quotidianità di un rinomato marchio di moda ungherese. Successivamente, ho sfruttato le mie capacità di leadership in un marchio di moda internazionale, dove ho appreso le ultime tendenze e ho osservato da vicino i cambiamenti in corso nel settore. Tuttavia, la sfida più grande nella mia carriera finora è arrivata dopo quando, in qualità di direttore della divisione Fashion Marketing dell’Agenzia ungherese per il turismo, ho assunto il ruolo di CEO dell’Hungarian Fashion & Design Agency fondata nel 2018.

Potresti darci una breve introduzione sulla tua Agenzia?

L’Hungarian Fashion & Design Agency è stata fondata nel 2018 per supportare ogni attore nel settore della moda e del design in modo efficiente e strutturato, seguendo pilastri strategici predeterminati: coordinamento professionale, miglioramento della disponibilità e delle opportunità commerciali dei marchi ungheresi, sviluppo educativo e sviluppo produttivo . Per raggiungere i nostri obiettivi, organizziamo ogni anno eventi nazionali, come il principale evento di moda della regione, la Budapest Central European Fashion Week o la mostra 360 Design Budapest, che ha ricevuto premi internazionali. Inoltre, offriamo ai creatori ungheresi opportunità di partecipazione e debutto a eventi di moda internazionali come la Milano Fashion Week e la fiera del design Maison&Objet. Inoltre, la cooperazione strategica con le organizzazioni professionali, l’aumento delle esportazioni e il sostegno allo sviluppo professionale dei marchi ungheresi con i nostri programmi di mentoring sono tra i nostri obiettivi principali.Qual è il tuo ruolo principale in Agenzia e com’è l’atmosfera della tua squadra?

Nel mio lavoro quotidiano, collaboro con professionisti del settore moda e design, esperti e designer noti e rinomati; inoltre, lavoro per collegare l’industria creativa ungherese al flusso professionale globale poiché uno dei nostri obiettivi importanti è trasformare Budapest in un centro regionale dell’industria. Credo che l’Agenzia stia lavorando molto bene ed è merito dell’ottimo team che lavora qui. Sono orgogliosa che ai nostri dipendenti piaccia lavorare all’HFDA. Niente lo dimostra meglio del nostro sondaggio sulla soddisfazione dei dipendenti, che è risultato al 100%. Oltre a godersi il proprio lavoro, anche i miei colleghi sono molto bravi e vogliono migliorare continuamente. Quindi posso affermare che il team ha un ruolo vitale nel determinare obiettivi sempre più grandi ogni anno e nel lanciare sempre più programmi per supportare l’industria. L’anno scorso abbiamo completato con successo quasi 22 progetti di questo tipo. Spero che chiuderemo anche quest’anno nel miglior modo possibile.

Hungarian Fashion & Design Agency

Cosa ti piace mostrare nelle tue divisioni di design e fashion?

La divisione dell’industria della moda della nostra agenzia aspira a creare una possibilità per i marchi più eccellenti e promettenti dell’industria della moda di costruire una carriera e un’impresa di successo in Ungheria. Supportiamo i talenti ungheresi contemporanei e i “grandi designer del futuro” nell’acquisizione delle conoscenze professionali necessarie, nello sfruttamento delle opportunità commerciali nazionali e internazionali. Il nostro obiettivo è rafforzare l’industria della moda ungherese e lo sviluppo del produttore, per elevare la moda nell’immagine del paese. Inoltre, il nostro obiettivo essenziale è lo sviluppo dell’istruzione professionale; quindi, forniamo programmi per i giovani per incoraggiare i futuri attori dell’industria della moda a pensare in modo innovativo e creativo il prima possibile. La divisione dell’industria del design di HFDA è stata creata per supportare il potere creativo, fornendo una rete di sicurezza professionale e un trampolino di lancio per l’industria. Per noi il design non è solo forma e funzione ma curiosità, modo di pensare e comunità. Crediamo che il design porti la forza modellante che può esercitare effetti benefici nella vita di tutti i giorni e fornisca una nuova prospettiva su come funzionano le cose, che contiene anche il potenziale per uno stile di vita più felice e più sicuro. Pertanto, è per noi un grande piacere poter partecipare e supportare la prospettiva progettuale sempre più intensa di oggi, e possiamo collaborare con la nuova, fertile e innovativa generazione di designer che continuiamo a incoraggiare a collaborare con la fortissima mano d´opera ungheresi che fanno un lavoro di qualità.

So che sei  diventata famosa per la Budapest Fashion week. Vuoi dirci il perché?

La nostra agenzia organizza due volte all’anno la Budapest Central European Fashion Week (BCEFW), che è l’evento di moda più importante della regione dell’Europa centrale. Dopo un anno, questo ottobre, realizziamo l’evento nella sua forma fisica, dove designer e talenti ungheresi e regionali possono mostrare dal vivo le loro ultime collezioni primavera-estate 2022. Oltre agli stilisti più affermati, i mentori del programma Young Talents della nostra agenzia hanno anche la possibilità di presentare le loro collezioni di lavori di laurea alle fiere. Per gli attori dell’industria della moda ungherese, il BCEFW costituisce il punto d’incontro numero uno con la professione e il vasto pubblico interessato alla moda, dal momento che quasi 100 professionisti internazionali vengono in Ungheria durante questa settimana per incontrare i talenti dell’Ungheria e dei paesi vicini. I marchi esposti sulle passerelle mostrano ogni stagione la loro creatività a buyer, professionisti e potenziali clienti, cogliendo così opportunità di vendita essenziali. Negli ultimi anni, la Budapest Central European Fashion Week si è concentrata fortemente su una caratteristica regionale; ogni anno era importante dare la possibilità di debuttare non solo ai talenti ungheresi ma regionali. Questo ottobre, integreremo ancora di più la presentazione dei designer V4 nel programma e la sostenibilità avrà un ruolo accentuato.

Quale consiglio daresti ai lettori per apprezzare il design ungherese?

L’Ungheria è fortunata per quanto riguarda la sua posizione geografica, e anche il nostro patrimonio spirituale e la creatività ungherese sono famosi in tutto il mondo. Oltre ai classici Hungaricum, le persone che vivono all’estero incontrano da decenni le opere di noti ungheresi come la penna a sfera di Lajos Bíró, il gioco di logica tridimensionale di Ernő Rubik, i mobili di Marcell Breuer, l’opera di László Moholy-Nagy, che anche ha una grande influenza sugli stilisti contemporanei e Áron Losonczi, l’inventore del cemento traslucido, un’innovazione rivoluzionaria. Klára Rotschild è considerata una delle influenti leggende della moda ungheresi che hanno avuto l’ingresso gratuito a saloni come Christian Dior, Chanel, Givenchy e Balmain. Ma il lavoro di Tamás Király, che ha creato un genere completamente nuovo, è anche una pietra miliare nella storia della moda ungherese. Oltre alla ricca storia del nostro settore, possiamo vantare designer contemporanei di talento che hanno successo non solo alla Milano Fashion Week ma anche in altri paesi, e celebrità come Halle Berry, Katy Perry e Margot Robbie indossano i loro pezzi. La storia più che millenaria dell’Ungheria ha creato un ricco patrimonio culturale e l’obiettivo principale dell’Agenzia ungherese di moda e design è quello di preservarlo, renderlo noto e visibile.

Cosa puoi dirci della moda contemporanea Ungherese?

Tra i designer ungheresi contemporanei, alcuni incorporano nelle loro collezioni la cupola di vetro di Gresham Palace, un capolavoro dell’architettura Art Nouveau, ma ci sono anche talenti eccezionali che mostrano caratteristiche del movimento Bauhaus nel loro lavoro o costruiscono su motivi rom. Alla Budapest Central European Fashion Week, possiamo incontrare designer che sono eccezionali nel combinare moda tradizionale e contemporanea e trovare un equilibrio unico e delicato tra eleganza e streetwear. Sono orgogliosa di affermare che i nostri designer, quasi senza eccezioni, prestano molta attenzione alla sostenibilità e preferiscono utilizzare metodi a zero rifiuti, patchwork e altri metodi rispettosi dell’ambiente per un’operazione etica. I designer contemporanei prestano attenzione ai materiali che usano, a quanti rifiuti creano, a come sensibilizzano i loro clienti e sono aperti all’uso di materiali alternativi. Un eccellente esempio di creatività contemporanea è la squadra vincitrice della nostra gara organizzata durante l’HFDA Startup Program, che ha realizzato cappotti con ombrelli usati.

Qual è stata la migliore esperienza professionale di successo nella tua vita?

Considero uno dei nostri risultati più importanti il ​​fatto che il lavoro preparatorio professionale della nostra agenzia abbia consentito all’industria ungherese della moda e del design di ricevere il sussidio più significativo degli ultimi decenni. Sulla base delle nostre raccomandazioni professionali, il Ministero per l’Innovazione e la Tecnologia ha annunciato una gara d’appalto con un importo totale di 15 miliardi di fiorini ungheresi per sostenere l’industria ungherese della moda e del design. A mio avviso, senza la fondazione dell’Agenzia Ungherese di Moda e Design, questo non sarebbe successo, o solo molto più tardi. Inoltre, per me, anche questo autunno è un grande successo, poiché, dopo tre anni di attività, siamo stati in grado di offrire una serie di programmi tematici durante l’autunno Fashion & Design, che richiama l’attenzione sul talento dei marchi ungheresi in diversi principali città europee.

Per maggiori informazioni, come i lettori possono contattarti?

Possono scrivere all’indirizzo email principale dell’Agenzia ungherese di moda e design – info@hfda.hu o press@hfda.hu – oppure possono contattarmi sui miei profili personali LinkedIn e Instagram per ulteriori informazioni. https://hfda.hu/

Quante lingue straniere parli?

Parlo Ungherese, Inglese e Tedesco.

Hai qualche progetto per il futuro?

Quest’anno abbiamo celebrato il terzo anniversario della fondazione di HFDA. Sono orgogliosa di ciò che l’agenzia ha realizzato in questi tre anni, dei numerosi designer che abbiamo potuto sostenere in qualche modo, dei nostri successi condivisi. Credo che siamo sulla strada giusta per ottenere sviluppi globali e un rinnovamento assoluto nell’industria ungherese della moda e del design. Per quanto riguarda i nostri obiettivi, in futuro continueremo a lavorare per trasformare Budapest nel centro determinante dell’industria della moda e del design dell’Europa centrale entro il 2030, che è caratterizzato da eccezionali caratteristiche uniche, aziende di successo, marchi esportabili riconosciuti a livello internazionale, eventi di livello mondiale, mostre, produzione di qualità, istruzione e ampie relazioni internazionali. Voglio ottenere che i marchi, i produttori, i designer, gli studenti dell’industria creativa ungheresi ricevano ancora più supporto aziendale e possibilità di apparire; e che un ecosistema fiorente, fertile e completo dell’industria del design si sviluppino in Ungheria e nella regione.

Per concludere: ringrazio la tua gentilezza e disponibilità per questa stupenda intervista su Alpi Fashion Magazine augurandoti tutto il meglio?

Grazie Alejandro, é stato un piacere. Cordiali saluti ai Vostri lettori.

Posted, Interviewed and Translated to Italian by Avv.Mg.Alejandro Di Noto.(Argentina).

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
0
Amore
0
Non saprei
0
Divertente
0
Alejandro Di Noto
Nato in Argentina nel 1975 di origine italiana. Si è laureato in Giurisprudenza presso l'Università Argentina de la Empresa. Di professione avvocato indipendente. Master conseguito in Ingegneria dell'Innovazione presso l'Università di Bologna ed anche esperto ICT per Marketing ed Innovazione Industriale con alta formazione presso l'Università di Bologna, con progetto aziendale di stage sul settore marketing dell'industria del beachwear italobrasiliano. Poliglota. Libero Docente di Lingue Straniere. E' stato speaker e produttore di programma radio culturale per la comunità italiana in Argentina. Diplomato ed appassionato di ufologia, metafisica, parapsicologia ed ontosofía. Libero scrittore di articoli culturali, fashion, glamour, turismo e misteri della vita e dell'Universo. email: alnot20@yahoo.com.ar

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:Interviste