È stata la mano di Dio, il film biografico diretto da Paolo Sorrentino ha già conquistato il Festival di Venezia, infiammato la critica americana al Telluride Film Festival, e sta catturando l’attenzione del pubblico internazionale. Il nuovo lungometraggio del regista de La grande bellezza arriverà nelle sale italiane dal prossimo 24 novembre per poi approdare su Netflix il 15 dicembre 2021. È stato presentato in anteprima il 2 settembre in concorso alla 78ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

È stata la mano di Dio, un film biografico commovente

Toni Servillo È l’alter ego del regista

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da paolo sorrentino (@paolosorrentino_real)

È stata la mano di Dio è ambientato negli anni Ottanta. La vita del diciassettenne napoletano Fabietto Schisa (Filippo Scotti)  viene profondamente trasformata da due avvenimenti: l’arrivo di Maradona al Napoli e un grave incidente che rompe la serenità familiare del giovane. Nel film Toni Servillo interpreta il padre del protagonista Fabietto, che molti già considerano l’alter ego di Sorrentino, come peraltro lo stesso regista ha lasciato intendere alla stampa.

Pete Hammon su Deadline: “Un film che colpisce dritto al cuore”

Seguendo Deadline quest’opera cinematografica ha tutte le carte in regola per concorrere al prossimo Oscar per il miglior film straniero, o perfino a quello per il miglior film.  “Colpisce le persone dritto al cuore. Le reazioni emotive ai film – ha spiegato Pete Hammon – possono fare tanto agli Oscar, e questo le garantisce. A mio parere il comitato selezionatore italiano – ha aggiunto Hammonmancherebbe una scommessa quasi sicura se non scegliesse questo film come candidato ufficiale per il miglior film straniero. […] Al di là di quella categoria […] suscita quel tipo di reazione appassionata che potrebbe sul serio spingerlo fino alla corsa per il Miglior Film, anche senza la benedizione dell’Italia”.

valeriagennaro@alpifashionmagazine.com

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
0
Amore
0
Non saprei
0
Divertente
0
Valeria Gennaro
Giornalista, insegnante, fashionista e cultrice della materia in storia del cinema con la passione per la moda, i bijoux e la social communication. Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche. Neuro Linguistic Programming Master Practitioner. Collabora con "La Gazzetta del Mezzogiorno" ed è caporedattore del giornale "Alpi Fashion Magazine"

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:Cinema