Home / Eventi / DGTheGreatShow, Stefano Gabbana nei guai e flop in Cina
DGTheGreatShow

DGTheGreatShow, Stefano Gabbana nei guai e flop in Cina

Quando la social crisis viene gestita malissimo: flop clamoroso per DGTheGreatShow

L’hanno ribattezzato #DGTheShitShow: il megashow previsto da Dolce & Gabbana a Shangai (DGTheGreatShow) fallisce ancora prima di cominciare. Per l’azienda un danno potenziale di 36 milioni di euro.

Questo perché se hai un Brand enorme, che si rivolge a un pubblico ancora più immenso (quello cinese), non puoi sperare di cavartela con un “non sono stato io“, anche se sarebbe interessante verificare le prove.

DGTheGreatShow

Davvero un Great Show

Ma andiamo con ordine: il The Great Show di D&G, in programma il 21 novembre a Shangai presso l’Expo Centre nell’aerea di Pudong, avrebbe dovuto accogliere numerose celebrità e tutto il jet-set cinese.

Tuttavia, gli spot della campagna diffusa per il lancio dello show hanno offeso il pubblico orientale, con un mix di stereotipi e sessismo.

Infatti, nei video si vede una giovane donna cinese che mangia piatti tipici italiani usando le bacchette come posate, mentre una voce maschile le consiglia cosa fare e, mentre lei addenta un cannolo, le chiede: “È troppo grande da mangiare per te?”. Per questo, molti VIP avrebbero annullato la propria partecipazione in segno di protesta.

Ecco alcuni passaggi degli spot pubblicitari, ripubblicati da ARIRANG NEWS:

Come se questo non bastasse, in rete sono apparsi alcuni screen che mostrano  parole poco lusinghiere scritte da Stefano Gabbana alla collaboratrice Michaela Tranova: “D’ora in poi dirò in tutte le interviste che faccio che la Cina è un paese di mer*a e che può stare tranquilla, viviamo benissimo senza di te”.

Clicca per ingrandire gli screen:

 

Subito dopo, allo scoppiare della polemica, Stefano Gabbana si è visto costretto a ritrattare. Secondo le dichiarazioni immediatamente pubblicate, il suo account sarebbe stato “hackerato” e qualcuno avrebbe risposto con il suo nome senza il suo consenso. Tanto che ha ripubblicato lo screen con la scritta “Not me” e ha annunciato azioni legali, prendendo le distanze dal colpevole.

La Cina protesta

Non la pensano così Lindsey Schuyler e Tony Liu, gli ideatori di Diet Prada (soprannominati “polizia del fashion”), che su Instagram hanno pubblicato questo post in cui affermano (traduzione libera):

“Siamo i primi a dirlo! Alcune ore interessanti trascorse a scatenare il caos sullo sfortunato #DGTheGreatShow di @dolcegabbana, mentre lui è seduto sul nostro divano gustando e mangiando il gelato (non con le bacchette) lol. Grazie a @michaelatranova @helenatranova @anthxnyxoper per aver condiviso i loro messaggi privati, e a tutti i follower cinesi di Diet che ci hanno aggiornati tempestivamente con le traduzioni di minuto in minuto. Per chiunque creda che il loro account sia stato effettivamente violato, invitiamo a guardare la slide n. 2 di Stefano che ripete lo stesso messaggio nelle sue stories, prima che la caz*ata colpisca il fan. Ah, l’ironia di chi ama lamentare “false notizie” e distribuirle prontamente tramite il suo account IG di marca. Controlla la nostra Story in evidenza “#DGTheShitShow ” per il riepilogo completo.”

Evidenza negata o negligenza?

Tuttavia, dal 13 settembre scorso e fino al 2 novembre, l’account di Stefano Gabbana è rimasto inutilizzato. Anche Domenico Dolce, ad esempio, non ha mai usato un account social. Nel caso in cui la versione di D&G fosse vera, si tratterebbe di una pericolosa negligenza che costerà milioni di euro di danni.

Intanto, su Weibo (il “Twitter” cinese) gli stilisti parlano di un rinvio dello show, mentre altre fonti assicurano che sarebbe stato cancellato dall’Ufficio per gli Affari Culturali di Shanghai.

Photo: credits to ShangaiistDiet Prada

About Maria Cristina Folino

Laureata in Pubblicistica e Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Salerno, specializzata in programmazione e gestione d'interventi per gli archivi e le biblioteche digitali, dal 2008 Maria Cristina Folino collabora con stampa e giornali online. Già docente di scrittura creativa ed esperta di comunicazione digitale, lavora come content creator e web editor. Impegnata con le associazioni Felix Cultura e Donation Italia, ha vinto numerose competizioni artistico-letterarie a livello nazionale. In passato ha pubblicato una raccolta di poesie ("Ali di Gabbiano", Aletti Editore, Roma 2008) e due ebook, una fiaba e un saggio, con Edizioni Il Pavone ("Liberami da questo libro!", 2010 e "Tim Burton e il Catalogo delle Meraviglie", 2013). Su Instagram ha un account dedicato a libri e moda. Seguila su @fashionreaders_lookbook

Check Also

Fashion Haining

Fashion Haining torna a Milano e accresce il legame Italia-Cina

Dopo il successo dello scorso anno, Fashion Haining fa ritorno in Italia in occasione di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.