Home / Spettacolo / Cinema / Al David di Donatello 2018 trionfano le Donne
David di Donatello

Al David di Donatello 2018 trionfano le Donne

La 62 Edizione dei David di Donatello si è conclusa, Il premio cinematografico più importante d’Italia assegnato dall’Accademia del Cinema Italiano. Un’edizione importante che ha visto trionfare  la  pellicola Ammore e Malavita dei Manetti Bros, e Nico, 1988, a seguire Napoli Velata La Tenerezza e The Place. David speciali assegnati anche alla straordinaria Diane Keaton attrice dalle mille sfumature e dalle interpretazioni memorabili, una delle icone femminili più influenti nel panorama cinematografico internazionale. Un premio speciale anche ad una delle più grandi attrici italiane Stefania Sandrelli. Un David decisamente rivolto alle donne, la serata del David inizia tutto in rosa, con la Paola Cortellesi che da il via alla serata con una toccante riflessione sulle violenze sulle donne, un momento che sensibilizza il pubblico e che rende protagonista assoluto il mondo femminile. Lo stesso Donato Carrisi al momento di ritirare il premio come miglior regista esordiente per La Ragazza nella Nebbia afferma “Ringrazio tutte le donne perché senza donne non ci sono le storie“, premio alla carriera a Steven Spielgerg, consegnato dalla splendida Monica Bellucci, al momento di ricevere il premio anche Lui cita una grande donna Lina Wertmuller, ricordando che fu la prima donna candidata agli oscar come miglior regista nel 1977, Spielberg presente a Roma anche per presentare il suo nuovo film Ready Player One. A seguire non mancano le urla di Anselma Dell’Olio affermando decisa “La regia è femmina”, ritira il premio per il miglior documentario. Non meno toccanti le parole di Jasmine Trinca premiata per Fortunata come miglior attrice protagonista, che cita le altre colleghe attrici candidate menzionandole come “sorelle”, prosegue con un racconto di quando era piccola, pensando alle parole del suo maestro di recitazione che le faceva interpretare sempre il lupo e non cappuccetto rosso. E Lei gli chiese il perché. La sua risposta fu “Perché tu sei tutto” E questa cosa non l’ha mai dimenticata. Inoltre ringrazia la madre per averle trasmesso un modello di donna non stereotipata e per finire rivolge un consiglio alla figlia, come a tutte le donne “Si forte, libera , coraggiosa”. Tra gli altri attori un premio  come migliore attrice non protagonista a Claudia Gerini per Ammore e Malavita, Giuliano Montaldo come miglior attore non protagonista per Tutto quello che Vuoi e Renato Carpentieri come miglior attore protagonista per La Tenerezza, La regia è andata a Jonas Carpignano per A’ Ciambra, il miglior Produttore a Mad Entertainment per Gatta Cenerentola. Un susseguirsi di emozioni decisamente al femminile anche nella musica che vede solo donne esibirsi, Giorgia, Malika Jane e Carmen Consoli. Un David di Donatello 2018 indimenticabile e commovente che premia in primis il coraggio delle donne.

Gabriella Chiarappa

About Gabriella Chiarappa

Salve sono una manager esperta in comunicazione, che punta sull’innovazione e la ricerca, il mio settore è legato alla sfera moda anche se la mia cultura e il mio spirito di osservazione mi portano ad avere sfaccettature che sinergicamente si avvicinano all’arte, alla musica e a tutto ciò che svela la nuova tendenza. Adoro il mondo del Fashion che coltiva la cultura e le tradizioni: incantata dalla genialità di un Alexander McQueen e dall’eleganza innovativa di un Jean Paul Gaultier. Sono una sognatrice autentica che crede che le passioni sono l’alimento per concretizzare i sogni, amo viaggiare,visitare musei, conoscere e documentarmi sempre….

Check Also

Pomandère

“Nomadi orizzonti” di Pomandère ci trasporta in Mongolia

La collezione A-W 2019-20 di Pomandère ci accompagna, attraverso un viaggio itinerante e magnetico, in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.