Home / Regioni / Basilicata / 118, servizio a singhiozzo a Sant’Arcangelo
servizio 118

118, servizio a singhiozzo a Sant’Arcangelo

Il servizio sanitario di urgenza ed emergenza medica che corrisponde al numero telefonico 118 dovrebbe s-e-m-p-r-e essere celere e immediato, proprio perché risponde a richieste urgenti di soccorso; eppure a Sant’Arcangelo, da diversi mesi, fa mostra di un funzionamento a “singhiozzo”  generando, di conseguenza, disorientamento e preoccupazione tra i cittadini. «Da alcuni mesi si i verificano continue e periodiche interruzioni del servizio 118, sia notturno che diurno», scrivono i consiglieri di Opposizione, in una interrogazione all’Amministrazione Parisi, protocollata lunedì 18 settembre. Sta accadendo infatti che il servizio, almeno per un paio di volte al mese, e da diversi mesi, subisca interruzioni in orari come ore  8 -14 o «come è accaduto – riferisce un cittadino – l’altra notte per tutto il turno notturno 20 – 8, quando non si può coprire il turno con autista e infermiere». Eppure si dovrebbe continuare ad auspicare che le amministrazioni, che hanno il compito di recepire questi problemi, li risolvano lavorando in sinergia con l’Asp, perché in gioco è la salute di tutti.

«Una spiacevole situazione che, d’altro canto, – scrive il gruppo di consiglieri guidato da Silvio Toma – sta creando non pochi malumori tra la gente che da anni ha goduto, senza interruzione, e con efficienza, di questa continuità assistenziale». Il gruppo Sempre più San’Arcangelo ha interrogato quindi il Sindaco Vincenzo Parisi per sapere «quali misure ha intrapreso in merito e quali intende assumere, e se ha già formalmente interessato i Sindaci del comprensorio e della Val d’Agri»; in particolare  i primi cittadini facenti parte dell’Unione dei Comuni del Medio Agri.

servizio 118
Elisoccorso h24 per il comuni lucani

Il servizio del 118 – si ricorda – è organizzato con una centrale operativa (in cui lavorano tecnici, infermieri e medici) e attraverso mezzi di soccorso (ambulanze e automediche) che vengono attivati sul territorio in risposta alle specifiche richieste . Il 118 funziona da tantissimo tempo, e  grazie agli sforzi dell’Asp e del personale. Se anche il personale della stazione di Sant’Arcangelo è al completo, i problemi sorgono quando se ne verifica una contrazione (perché magari ci sono stazioni in sottorganico) o legata a contingenze, come malattie. Le tante postazioni locali sono dirette dalla centrale operativa. Nel caso capitasse un problema, com’è accaduto l’altra notte, e il cittadino santarcangiolese, ad esempio, componesse il 118, il servizio giungerebbe da altre postazioni vicine come quella di Tursi, Villa d’’Agri, o addirittura di Corleto; o da Senise (qui però non c’è una postazione ma l’unità alfa, cioè una macchina con medico e infermiere a bordo che raggiunge le ambulanze non medicalizzate sull’evento). Naturalmente, se una di queste ambulanze si trovasse già impegnata, se ne chiamebbe un’altra da altra postazione, che potrà essere più distante, con il rischio di dilatare ulteriormente i tempi di attesa di un servizio di emergenza!(Sic et simpliciter). Niente da dire sull’organizzazione e sulla professionalità degli operatori, ma il problema di fondo è che Sant’Arcangelo è un comune grande, che serve gran parte dei centri della Media Mal d’Agri, quindi migliaia di cittadini, e non può pagare per questo.

E se l’alternativa, quando si verifica il caso di interruzione di notte, potrebbe essere quella di avere l’elisoccorso notturno, attivo in Basilicata dal mese di maggio del 2017 sulle diverse aree ospedaliere tra cui  Potenza, Matera, Lauria e Policoro, e su oltre dieci aree di atterraggio in altrettanti comuni; è spiacevole constatare che non sia possibile praticarla nel comune di  Sant’Arcangelo.

Valeria Gennaro

Di Valeria Gennaro

Giornalista lucana, consulente di comunicazione, web designer e cultrice della materia in storia del cinema, con la passione per la moda, per i bijoux e per la social communication. Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche.

Leggi anche

pvc

PVC: il tessuto “tech” trend dell’autunno!

È il PVC il nuovo tessuto trend di questa stagione! Dopo aver incoronato il Velluto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.