Maurizio De Giovanni, Diego De Silva e altri maestri del noir e del giallo si danno appuntamento al SalerNoir Festival, dove saranno assegnati il Premio Barliario e il Premio Veraldi

S’intitola “Le notti di Barliario – SalerNoir Festival” la manifestazione che, dal 2 al 4 marzo 2017, coinvolgerà i maestri italiani del giallo e del noir in una serie di incontri culturali all’interno del territorio salernitano, tutti patrocinati dal Comune di Salerno in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana e la Fondazione Copernico. L’iniziativa, sponsorizzata dal famoso Pastificio Amato e da Floor Italia Ceramiche, è promossa e organizzata dall’associazione culturale “Porto delle nebbie” (link: http://portodellenebbienoir.blogspot.it/).

L’associazione salernitana – il cui nome s’ispira al noto romanzo di George Simenon – è presieduta dalla giornalista e scrittrice Piera Carlomagno, organizza eventi dedicati ai romanzi noir e al mistero, e negli anni è stata capace di catalizzare grandi nomi della letteratura contemporanea in Campania e non solo.

Anche questa volta, grandi protagonisti affolleranno le tre intense giornate che partiranno giovedì 2 marzo, alle ore 18.00, nel Museo Diocesano in Largo Plebiscito, con i saluti del sindaco di Salerno Vincenzo Napoli.

Da Diego De Silva a Maurizio De Giovanni, da Sara Bilotti a Brunella Caputo, passando per Massimiliano Amato, Federica Belleri, Tina Cacciaglia, Gian Luca Campagna, Piera Carlomagno, Massimo Carlotto, Roberto Centazzo, Alfonso Conte, Stefania De Caro, Romano De Marco, Corrado De Rosa, Gabriella Genisi, Antonio Lanzetta, Vincenzo Maimone, e poi Carmine Mari, Fabio Mundadori, Rocco Papa, Sabrina Prisco, Mariano Sabatini, Matteo Strukul, Katia Tenti, Stefano Tura, Valerio Valesi e Letizia Vicidomini.

SalerNoir Festival

Sempre il 2 marzo, a seguire, si svolgerà una “Cena con gli autori” presso l’Osteria Canali (via dei Canali, ore 21.30), mentre venerdì 3 ci si sposta nella Galleria Cerzosimo in via Giovanni da Procida e nella Fondazione Carisal in via Bastioni, con una seconda “Cena con gli autori”, per poi tornare, (sabato 4 marzo) presso il Museo Diocesano e la Fondazione Carisal.

Inoltre, quest’anno il Festival renderà omaggio a uno dei padri dell’hard boiled italiano con l’istituzione del “Premio Attilio Veraldi”, che affiancherà ad un altro prestigioso riconoscimento: il “Premio Barliario”, ancora per questa edizione tributo alla carriera, ma dall’anno prossimo vero e proprio concorso letterario.

L’edizione 2017 del Premio Barliario tributerà un riconoscimento alla carriera del creatore del commissario Ricciardi e dei Bastardi di Pizzofalcone, un autore le cui opere sono ormai bestseller del giallo italiano: Maurizio de Giovanni. Un’altra sezione del Premio sarà dedicata ai ragazzi delle scuole che hanno partecipato alla scorsa edizione e scritto un racconto a tema, e un ulteriore Premio sarà offerto da uno degli sponsor.

Il Premio Veraldi sarà assegnato, invece, ogni anno a uno scrittore di noir che maggiormente si sarà avvicinato allo stile e ai contenuti dell’omonimo maestro partenopeo, le cui ceneri nel 1999, dopo la morte furono disperse al largo delle acque monegasche. Quest’anno il riconoscimento andrà a uno degli epigoni più autorevoli della “scuola di duri” nata dalle opere di Veraldi, ossia Massimo Carlotto, autore di noir e polizieschi in cui tornano frequenti le tematiche predilette da Veraldi. Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’associazione all’indirizzo email portodellenebbie@tiscali.it.

Clicca e scopri il programma completo:

SalerNoir Festival

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.