Home Notizie Saldi di stagione: 10 consigli anti truffa e 8 trucchi per facili...

Saldi di stagione: 10 consigli anti truffa e 8 trucchi per facili acquisti

Il 5 Gennaio ha segnato ufficialmente l’inizio saldi di stagione in tutta Italia; per i clienti è un’occasione per fare ottimi acquisti, per i commercianti un’ulteriore opportunità di guadagno.
Tuttavia, prima di seguire la massa nella frenesia di nuove compere, è bene informarsi per evitare truffe ed organizzarsi per non cadere nel vortice dello shopping compulsivo.
Quando si tratta di offerte e promozioni, il consumatore deve sempre tenere gli occhi ben aperti e il cellulare a portata di mano, soprattutto se i ricordi sui capi e i prezzi visti durante lo shopping natalizio stanno svanendo poco a poco.

Questi 10 consigli vi aiuteranno ad evitare spiacevoli raggiri, che sono molto più comuni di quanto si possa immaginare, girano già in rete foto di cartellini con prezzi nascosti da ulteriori etichette, segno di sconti
fantasma:

  • Controllare che i capi esposti abbiamo il doppio cartellino, i quali devono indicare in modo leggibile il prezzo di partenza, il prezzo scontato e la percentuale di sconto applicata.
  • Consultare il sito delle varie marche per verificare i prezzi aggiornati direttamente dalla ditta.
  • Visitare più negozi per confrontare gli importi.
  • Scattare foto ai prezzi regolari della merce interessante con il cellulare, nei giorni che precedono l’inizio dei saldi, per verificare la correttezza dello sconto in seguito. (Vademecum in vista dei prossimi saldi).
  • Prestare attenzione ai cartelli e ai poster promozionali affissi in vetrina; questi devono essere chiari, avere un tasso di sconto realistico, ovvero tra il 40% e il 60%, e non essere d’intralcio alla vista degli articoli in esposizione.
  • Ricordare che i capi in saldo devono essere di fine stagione e obbligatoriamente, così come disposto dalla legge, delle collezioni dell’anno corrente.
  • Far valere i propri diritti in qualsiasi occasione: se il negoziante vuole applicare una percentuale di sconto diversa da quella indicata o se i prodotti in saldo risultano confusi tra quelli a prezzo regolare, bisogna far intervenire le autorità competenti.
  • Conservare gli scontrini e fotocopiare quelli stampati su carta chimica, i quali sbiadiscono nel giro di pochi mesi. In questo modo avrete la prova tangibile dei vostri acquisti, in caso vogliate far valere il vostro diritto al reso o al rimborso di un capo fallato.
  • Ricordare che la garanzia vale per due anni dall’acquisto della merce.
  • In caso di acquisti con carta o bancomat, far presente al negoziante che, a partire dal giugno 2014, tutti gli esercenti sono tenuti, a norma del decreto legge D.L. 90/2014, ad accettare tutti i pagamenti effettuati tramite carte di credito, bancomat o prepagate con POS per acquisti superiori ai 30 euro. Questa norma è stata predisposta come strumento alla lotta all’evasione fiscale nell’ambito del più ampio Decreto crescita bis.

Corollario al decalogo da non dimenticare: contattare i vigili urbani e le Associazioni per la Difesa dei Diritti dei Consumatori appena sorga il minimo dubbio sull’operato di un negoziante o venga fuori la traccia di una truffa ai vostri danni.

saldigen2016_2

Ora che sapete tecnicamente come agire e difendervi durante i saldi, potete adottare delle tecniche per migliorare i vostri acquisti, perché i saldi possono essere fonte di grandi scoperte, così come di salassi.

  • Aprite armadi e cassetti. Grazie ad una cernita completa del guardaroba, eviterete di comprare un capo che sia troppo simile, se non addirittura uguale, ad uno che già possedete.
  • Redigete una lista. Scrivete un elenco ciò di cui avete realmente bisogno e ciò che potrebbe essere utile, non dimenticando di immaginare le possibilità di accostamento con i vostri abiti, calzature e accessori. Solo in seguito potrete pensare a dei piccoli “regali” extra per voi.
  • Navigate in rete e osservate bene. Consultando i negozi online potrete conoscere meglio le collezioni esistenti e, soprattutto, i prezzi; mentre i magazine e i blog di moda possono diventare fonte d’ispirazione, purché il vostro stile non venga totalmente nascosto!
  • Fissate un budget e rispettatelo, solo così sarete in grado di non spendere troppo. Un’altra tecnica fruttuosa consiste nell’usare solo contanti ed evitare le carte di credito: è facile spendere di più se non si ha un contatto e un controllo diretto del denaro.
  • Provate e controllate i capi. Questo consiglio potrebbe rientrare facilmente nel decalogo “anti truffa” appena esposto, poiché ha molti lati positivi. Provando i capi sarete sicure che quello che state per acquistare è della vostra taglia ed è capace di esaltare le vostre forme; inoltre ispezionare i particolari degli indumenti, come cuciture, bordi e applicazioni, e leggere le etichette interne vi permetteranno di capire lo stato e la qualità dei tessuti e dei materiali.
  • Esplorate più negozi e più punti vendita, anche dello stesso brand. Dopo un giro di perlustrazione, saprete dove andare per fare acquisti sicuri.
  • Fate spesa in compagnia. Lo shopping con le amiche o la propria sorella è un modo divertente per trascorrere del tempo insieme e, allo stesso tempo, qualcuno di fidato al proprio fianco vi aiuterà in caso di indecisioni.
  • Evitate la folla. La calca crea ansia e porta urgenza, chi non vuole farsi sfilare da sotto il naso una bella borsa o un morbido maglione? Eppure lo dicono questi vecchi adagi: “la fretta è cattiva consigliera” e “raramente
    trova chi cerca in fretta”.
    Se non riuscite ad ottenere quello che volete, evitate le baraonde e cercate altrove; in fondo si tratta solo di shopping.

Troppo spesso si cade nella foga del momento, diventando maniache dello shopping; inoltre i saldi sono un periodo ghiotto per gli esercenti, quindi non è affatto raro ritrovare indumenti e accessori troppo vecchi, sconti troppo promettenti, cartellini ingannevoli o, molto peggio, manomessi!
Seguendo le regole e i consigli appena letti, potrete gioire dei vostri nuovi arrivi e non piangere su uno scontrino gettato.

Valentina Chirico

Fonte: Adusbef e Federconsumatori
Fonte foto: Kaboompics (1)
Hannah Morgan – Unsplash.com (2)

 

Articolo precedenteLo stile nuovo di Duccio Venturi
Articolo successivoPerugia Social Photo Fest (PSPF) presenta la mostra “Phone_Photography”
Nata in una cittadina in provincia di Salerno, "Si è appena laureata in Archeologia e Storia delle Arti presso l’università “Federico II” di Napoli con una tesi in storia greca e non vede già l'ora d'intraprendere nuove avventure accademiche, lavorative e di vita. Lettrice onnivora, ama trascorrere le sue giornate seguendo corsi, viaggiando su un mezzo pubblico o lasciandosi trascinare da una grande curiosità verso lidi ignoti. Storia e arte sono solo l’inizio, perché crede che le meraviglie si nascondano ovunque e che ci sia tanto da scoprire intorno a lei. Tante passioni, forse troppe, ma non può e non vuole smettere di imparare: adora le lingue e le culture straniere, le ultime tendenze in fatto di moda e bellezza, il design moderno e la creatività applicata. E’ cresciuta tra profumi e rossetti e gestisce un blog, eppure non soffre di manie di grandezza e non è una IT girl; vuole solo divertirsi ed essere utile con le sue opinioni."

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.