Real Sito di Carditello, dal Ministero delle Politiche Agricole una quota di oltre 4.000 mq di terreno da impiantare a vigneto

 

Vigne Chigi, cantina della famiglia Chillemi situata a Capua, è il nuovo sponsor tecnico della Fondazione Real Sito di Carditello.

Un accordo molto ambizioso nel segno della valorizzazione del territorio, della riscoperta e del recupero di antichi vitigni come il Pallagrello, che consentirà alla Reale Delizia di essere presente sui mercati nazionali e internazionali con una produzione a marchio Carditello.

Valorizzazione dei vitigni con Vigne Chigi

Nonostante le difficoltà ed i sacrifici imposti dalla pandemia — spiega Giuseppe Chillemi, proprietario di Vigne Chigi — la nostra azienda ha fatto due scelte che guardano al futuro con ottimismo. Abbiamo deciso di continuare nella valorizzazione di vitigni storici del territorio piantando a Pontelatone una nuova vigna di Pallagrello bianco di un ettaro e nei terreni della Fondazione una nuova vigna di Pallagrello bianco e nero, avviando una sponsorizzazione tecnica per sostenere la rinascita della Reggia di Carditello. L’amore per la nostra terra e il rispetto per la natura guidano da sempre tutte le nostre scelte”.

Real Sito di Carditello

Attualmente, Vigne Chigi vanta una produzione di 30.000 bottiglie, sempre in costante crescita ed esportate in gran parte in Stati Uniti, Australia, Regno Unito, Belgio e Germania.

Nel marzo 2021 a Carditello pianteremo una vigna di Pallagrello bianco e una di Pallagrello nero” afferma Roberto Formato, direttore della Fondazione. “Vitigni particolarmente apprezzati dai Borbone, sviluppando attività in co-branding con Vigne Chigi. Una brillante operazione resa possibile dal recente ottenimento dal Ministero delle Politiche AgricoleAlimentari e Forestali di una quota di oltre 4.000 mq di terreno da impiantare a vigneto. Si aggiunge all’accordo con Cantine Magliulo per la produzione di Asprinio, rilanciando il nuovo piano di sviluppo della Fondazione e confermando allo stesso tempo la vocazione di Fattoria Reale”.

L’impegno della famiglia Chillemi

La famiglia Chillemi, nel solco delle tradizioni e con l’intento di rinsaldare il legame col passato, ha intrapreso la coltivazione di vitigni – come il Casavecchia (ultima DOP nata in Campania) e il Pallagrello, tra i pochi al mondo ad essere sia a bacca bianca che nera – e la produzione di un antico formaggio, il Capotempo di Capua, citato nel Dizionario Geografico Ragionato del Regno di Napoli, redatto da Giustiniani nel 1797.

Dal 2017, con l’obiettivo di valorizzare un patrimonio locale assolutamente straordinario, dove arte e gastronomia si fondano mirabilmente in un abbraccio ideale, l’azienda ha inaugurato a Capua anche Vigne Chigi Bed&Wine, struttura ispirata al mondo del vino.

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
0
Amore
0
Non saprei
0
Divertente
0
Maria Cristina Folino
Laureata in Pubblicistica e Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Salerno, specializzata in programmazione e gestione d'interventi per gli archivi e le biblioteche digitali, dal 2008 collabora con stampa locale e giornali online. Già docente di scrittura creativa ed esperta di comunicazione digitale, lavora come giornalista e content creator. Impegnata con l'associazione Felix Cultura e altre no-profit, ha vinto numerose competizioni artistico-letterarie a livello nazionale. In passato ha pubblicato una raccolta di poesie con Aletti Editore ("Ali di Gabbiano", Roma 2008) e due ebook, una fiaba e un saggio, con Edizioni Il Pavone ("Liberami da questo libro!", 2010 - "Tim Burton e il Catalogo delle Meraviglie", 2013). Su Instagram ha un account dedicato a libri e moda: seguila su @fashionreaders_books

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:Campania