Home Notizie Out of the box: Maria Elena Savini Jewels

Out of the box: Maria Elena Savini Jewels

Maria Elena Savini

Scatoloni, immagini, sguardi sulla natura, il fil rouge della 95 esima edizione di Pitti Immagine con dieci enormi immagini fotografiche posizionate in dieci punti prospettici della Fortezza da Basso.

Dieci sguardi sulla natura, la ricerca all’urban culture, racconti di anni in cui l’abbigliamento ha fatto da connettore tra singoli e comunità animati dalla stesso interesse per arte, musica e moda, scatole chiuse, pronte ad aprirsi per mostrare ognuna delle immagini per portare l’attenzione sul legame profondo con la natura che l’uomo e la società devono preservare come uno dei doveri irrimandabili.

L’8 gennaio 2018, durante la 94a edizione di Pitti Immagine Uomo, si è tenuta la 10a edizione di Salon of Excellence, nell’elegantissimo Hotel Excelsior. Quest’anno la DeGorsi Luxury Consulting, ente organizzatore di Alex Djordjevic e Cris Egger, propone un Salon of excellence in versione innovativa in cui l’importanza ed il loro ruolo di «scouting» di nuovi talenti avviene anche grazie ad aziende accuratamente scelte dove il primo attore è il Made in Italy. Per cui, nell’edizione 95, come in Alice nel Paese delle Meraviglie, dai box che rappresentano il tema di Pitti Immagine, come un giocoliere, sono usciti una selezione di oggetti e capi di abbigliamento con le immagini di un’artista che per la prima volta collabora con la Maison, il Caleidoscopio di colori della Puglia che ispirano i gioielli di Maria Elena Savini Jewels, un legame indissolubile tra l’artista e le sue radici.

Maria Elena ha coltivato il suo amore per l’arte studiando scenografia all’Accademia di Belle Arti e ha scoperto la sua vera vocazione, la ceramica, quasi per gioco, e ne ha fatto oggi il suo successo: una originalissima linea di gioielli dal carattere deciso e femminile.

I suoi sono pezzi unici, artigianali, dove il primo attore è l’uso della ceramica, dove la materia inizia a danzare, lieve, allegra, affascinante, rappresentando tendenze ed espressioni nei gioielli che hanno un anima, la narrativa della storia di Maria Elena, che vuole essere espressa, di volta in volta, in oggetti nuovi, prima in un nuovo gioiello, e poi in un altro, senza fine, creatività e fantasia abbinate in storie nuove e diverse, dove il colore e la forma danno emozioni,  in una gara senza tempo, la stilista sa cogliere l’essenza stessa della natura del suo mare, il Mediterraneo, la Puglia, i suoi sottili e quasi impercettibili movimenti per tradurli in un design davvero unico e delicato, leoni, fenicotteri e sinuose bestie marine, ciliegie e olive glassate di oro e di bianco, deliziosi ricci di mare puntellati d’oro, incantevoli mezzelune che riflettono i tramonti mediterranei.

Collane, orecchini, bracciali, anelli, tutte sculture originali, proponendo l’oro e la ceramica  nei colori più ricercati ed insoliti, esaltando nei singolari giochi di luce ed ombra la raffinata originalità delle forme. l’armonia soffusa tra luci e colori e la cura certosina per i dettagli che rende ogni gioiello assolutamente unico ed inconfondibile.

Ogni gioiello è un racconto, contaminato da pietre preziose, per contemporanee testimonianze di donne senza tempo all’insegna della seduzione, è estrapolata dalla fantastica collezione di immagini che uniscono la pittura alla vita vera, la fantasia alla realtà, oltre ad grande ironia e capacità in ogni lavoro, una delicatezza che è imposta dall’arte di chi è “dietro” la macchina fotografica, capace di dare un’anima, capace di trasformare le donne meravigliose che li indossano a strumenti per parlare di noi, delle nostre sensazioni, dei ricordi, dei nostri sguardi, le nostre suggestioni fantastiche, in una location sognante come l’Excelsior Hotel con Firenze ai piedi, la design Maria Elena Savini Jewels  si trova, come Alice nel “Paese delle Meraviglie” ad essere circondata da friends… persone che le fanno sorridere il cuore, come dice il Cappellaio Matto, dirigendo con perizia un concerto fatto di suoni, tocchi leggeri e delicatezza di immagini, dunque arte vera, capace di  superare i confini tra lavoro e design, creatività, sogno e ispirazione creativa… altrimenti che cosa è un gioiello?

Cristina Vannuzzi Landini

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.