Statue, scheletri di animali, vecchie macchine da scrivere, occhiali estrosi e frigoriferi degli anni Cinquanta. Tutto questo rappresenta solo una minima parte degli oggetti custoditi nei depositi dei musei del nostro Paese, senza mai essere stati esposti. Finalmente queste opere nascoste trovano la giusta collocazione e visibilità grazie alla mostra fotografica “Depositi. Immagini dai musei italiani” di Marco Lanza ospitata al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano. L’esposizione, aperta fino al 9 ottobre 2016, è stata inaugurata lo scorso 5 luglio in occasione della Cult Night, per la 24esima conferenza generale Icom (International Council of Museum). L’evento ha consentito al pubblico di visitare gratuitamente le collezioni permanenti, la nuova area espositiva delle Cavallerizze che accoglie la XXI Esposizione Internazionale della Triennale, la mostra “Confluence” che esplora i diversi saperi sulla natura e sull’uomo e l’imperdibile Lectio Magistralis “Leonardo e l’unità del sapere” di Pietro Marani, leonardista di fama internazionale.

Scavi di Pompei,Marco-Lanza,fotografo toscano
Scavi di Pompei, 2008 @ Marco Lanza.jpg

Marco Lanza e Gli Ori di Pistoia

Le immagini di Marco Lanza, esposte all’esterno di uno dei meravigliosi chiostri del monastero del 16esimo secolo, non riproducono semplicemente i depositi museali ma riscoprono, in maniera non falsata, la loro storia così come si percepisce attraverso un gioco sapiente di luce che irradia la materia: si intravvede persino la polvere che ricopre i volumi e gli spazi testimoniando lo scorrere del tempo.

Accompagna la mostra il catalogo pubblicato da Gli Ori di Pistoia che raccoglie oltre 50 immagini del lavoro svolto su questa tematica.

Frigoriferi Coca Cola Majestic anni 50,Museo della Scienza e della Tecnologia,Marco Lanza
Frigoriferi Coca Cola Majestic anni 50, Museo della Scienza e della Tecnologia, Milano @ Marco Lanza.jpg

L’esposizione, a cura di Luca Farulli, è promossa dal Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, con il contributo di Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Uno spunto per riflettere sull’immenso patrimonio storico custodito nei depositi. Il museo, infatti, contiene oltre 16mila beni che testimoniano l’arte e la cultura tecnico scientifica italiana dell’Ottocento e del Novecento. In questo modo si rende partecipe il visitatore sul valore delle opere raccolte e custodite per non disperdere la memoria storica tramandandola ai posteri. Inoltre viene catalogato tutto quel materiale, che per ragioni di spazio o di conservazione, non può essere esibito nelle sale espositive.

Museo Storico Alfa Romeo,Arese,Marco Lanza
Museo Storico Alfa Romeo, Arese @ Marco Lanza.jpg

Il progetto sui depositi è nato nel 2006 grazie alla collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Firenze in occasione del 40° anniversario dell’alluvione di Firenze. Inizialmente l’obiettivo era quello di documentare con la macchina fotografica i locali del museo gravemente danneggiato nel 1966 dall’inondazione dell’Arno. L’idea si è estesa coinvolgendo altre sedi quali: gli scavi di Pompei, gli Uffizi, la Galleria Palatina di Firenze, il Museo Storico Alfa Romeo di Arese.

Un reportage che racconta i segreti dei depositi museali.

Francesca Bellola

NOTE CRITICHE:

Marco Lanza, fotografo, nasce a Firenze e intraprende gli studi universitari a Bologna, presso il DAMS. A partire dagli anni Ottanta svolge la sua attività in Italia e all’estero. La sua esperienza fotografica ha un forte sviluppo durante il soggiorno lavorativo in Australia, dove opera per un anno, collaborando con agenzie e redazioni internazionali. Da qui si aprono ulteriori opportunità professionali che lo portano a realizzare servizi fotografici in molti paesi.

Parallelamente coltiva l’attenzione per i linguaggi artistici ed espone le proprie opere in varie mostre fra cui Westzone Gallery-Londra 2001, Metropolitan Museum of Art-New York 2003, Galleria Zucchi-Milano 2005, Galerie im Einstein-Berlino 2007, Musèe Maillol-Parigi 2010, Macro-Roma 2013. Alcuni suoi lavori sono pubblicati su The Sunday Times, Colors, Die Zeit, Harper’s, Creative Review. Nel 2005 fonda, assieme al fratello musicista Saverio Lanza, il gruppo artistico multimediale Pastis. A partire dal 2006 avvia il progetto “Depositi”, a cui si affianca la collaborazione con Luca Farulli. Ha pubblicato due libri: “The Living Dead. Inside the Palermo Crypt” (Westzone Publishing 2000), “Velature” (Greta Edizioni 2015).

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia
Via San Vittore 21 –  Milano

Depositi. Immagini dai musei italiani

5 luglio – 9 ottobre 2016
Orario Estivo: da martedì a venerdì  10 -18; sabato e festivi 10 – 19.
Chiuso i lunedì non festivi
Biglietti d’ingresso
intero 10,00 €

www.museoscienza.org  –  info@museoscienza.it 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.