Home / Spettacolo / Libri / #ioleggoperché: 222mila nuovi volumi nelle biblioteche italiane, Lombardia e Puglia le più generose
#ioleggoperché

#ioleggoperché: 222mila nuovi volumi nelle biblioteche italiane, Lombardia e Puglia le più generose

«É il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante»; così si legge nel libricino di Saint Exupéry Il piccolo principe. E infatti, è stato proprio il tempo speso dai cittadini italiani, che hanno deciso di donare tanti volumi alle biblioteche scolastiche del Paese, ad aver decretato il grande successo della campagna #ioleggoperché.

L’iniziativa continua infatti a dare buoni risultati, perché quest’anno sono stati donati 111.203 libri  alle biblioteche scolastiche italiane, nelle nove giornate di raccolta. La campagna ha coinvolto complessivamente 5.636 scuole e 1.774 librerie aderenti, nei grandi capoluoghi, ma anche nei piccoli centri di provincia, si è davvero mobilitata tutta l’Italia.

Inoltre, rispetto all’edizione precedente, la percentuale delle donazioni è salita del 80%, e desta sorpresa e curiosità che il testo più scelto per essere regalato è stato proprio quello più conosciuto di Antoine de Saint Exupéry.

Il piccolo principe con la sua rosa, State of Mind

La Lombardia più generosa, regione nella quale i cittadini hanno donato il 15% dei volumi, seguita dall’Emilia Romagna (12%). Non manca però la parte del Sud d’Italia, con la generosa Puglia  che ha donato il 10% dei libri.

Le città meno parsimoniose sono state Roma (al primo posto), Milano (che la segue a stretto giro) e Parma, ma ottimi risultati sono stati raggiunti anche a Modena, Maglie (Lecce), Napoli, Schio (Vicenza), seguite da Piacenza, Palermo e Vicenza. Il podio di province più attive va a Milano, Napoli e Roma insieme a Bari, Lecce e Torino.

In tutta Italia circa 1.400.000 studenti hanno partecipato a presentazioni, reading, eventi e contest: molti di queste iniziative sono stati organizzate nelle librerie per un totale di 400 eventi  tra flash-mob letterari, letture itineranti, lezioni in libreria, interviste in stile “vox pop”, trasmissioni radiofoniche inventate dai ragazzi e ispirate dalle storie di un libro.

Il libraio

Inoltre, altra notizia positiva è che entro il mese di marzo arriverà, sempre tramite le librerie, anche il contributo degli editori italiani i quali, di fronte alla straordinaria partecipazione dei cittadini, hanno deciso di superare il tetto previsto di 100.000 volumi, aggiungendone altri 11.000.

Saranno in tutto oltre 222mila i nuovi volumi che andranno ad arricchire il patrimonio librario delle biblioteche scolastiche italiane. Esprime la sua soddisfazione la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli: «Dobbiamo essere soddisfatti – ha detto la ministra – dello straordinario successo di #ioleggoperché 2017: l’incremento dell’80% delle donazioni rispetto allo scorso anno dimostra che questa iniziativa è un’operazione di inclusione sociale. La lettura è un’attività che cambia la vita di chi legge, pagina dopo pagina, libro dopo libro. Stimola la capacità critica, rende cittadine e cittadini attivi e consapevoli».

http://www.ioleggoperche.it/it/home/

Valeria Gennaro

About Valeria Gennaro

Giornalista, redattore di moda e beauty, cinema editor. Cultrice della materia in storia del cinema con la passione per la moda, i bijoux e la social communication. Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche.

Check Also

Porto Vecchio

A Porto Vecchio l’evento che unisce Corsica e Sardegna

Grande successo per l’evento Forum Trasmèditerranèen che si è svolto a Porto Vecchio, dove lo sguardo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.