Home / Spettacolo / Arte / Il “Novecento di carta” in mostra al Castello Sforzesco di Milano
Castello Sforzesco
Dudovich, Il corredo del bambino, 1915-1918 pastello e tempera su carta, 491x688 mm Civico Gabinetto dei Disegni, Milano Foto Saporetti Immagini d’Arte, Milano © M. Dudovich by SIAE 2018

Il “Novecento di carta” in mostra al Castello Sforzesco di Milano

Il nostro patrimonio culturale è immenso e unico al mondo. Purtroppo per ragioni conservative e di spazio spesso non è visibile al pubblico.

La mostra “Novecento di carta”, ospitata al Castello Sforzesco di Milano, rappresenta una bella occasione per ammirare i capolavori della grafica italiana conservati nelle raccolte civiche.

L’esposizione, a cura di Claudio Salsi con la collaborazione del comitato scientifico delle collezioni grafiche, vanta una ricca selezione di oltre 200 esemplari tra disegni, incisioni, stampe, libri d’artista e carte dipinte dei più celebri maestri del secolo scorso.

Le raccolte del Castello, nate grazie ad acquisti e lasciti fin dall’inizio del Novecento, hanno arricchito Milano favorendo lo sviluppo di varie sedi museali quali la Galleria d’Arte Moderna, il Museo del Risorgimento, il Museo del Novecento e il MUDEC – Museo delle Culture.

Alberto Burri, Trittico A, 1973-1976 serigrafia a colori Collezione Intesa Sanpaolo
Foto Luca Postini © Fondazione Palazzo AlbizziniCollezione Burri, Città di Castello, by SIAE 2018

La mostra, prodotta e organizzata con Electa, è allestita in ordine cronologico e presenta i lavori dei più grandi artisti italiani del calibro di Carlo Carrà, Umberto Boccioni, Amedeo Modigliani, Mario Sironi, Giorgio de Chirico, Lucio Fontana, Giuseppe Capogrossi, Fausto Melotti, Renato Guttuso, Alberto Burri, Enrico Baj e tanti altri.

Giorgio de Chirico, Gli Archeologi II, 1927 acquaforte, 336×247 mm (impronta) 646×496 mm (foglio) Civica Raccolta delle Stampe “A. Bertarelli”, Milano
Foto Saporetti Immagini d’Arte, Milano © G.de Chirico by SIAE 2018

Le opere provengono dalle collezioni del Civico Gabinetto dei Disegni, della Civica Raccolta delle Stampe “Achille Bertarelli”, della Civica Biblioteca d’Arte, della Galleria d’Arte Moderna, delle Civiche Raccolte Storiche, del Museo del Novecento, del Centro di Alti Studi sulle Arti Visive arricchite da oltre 40 opere prestate da Intesa Sanpaolo.

La prima parte della mostra presenta l’apertura al nuovo secolo attraverso le ricerche del nord Europa rappresentate da tavole di Rodin, Ensor, Munch e Brangwyn per proseguire con i maestri italiani.

Adolfo Wildt, Sudario, 1929 litografia, 346×260 mm (impronta), 648×500 mm (foglio) Civica Raccolta delle Stampe “A. Bertarelli”, Milano

La seconda sezione mette in evidenza la straordinaria varietà dei lavori di Fontana, degli Spazialisti e dei Nucleari, di Afro e Burri fino alla Pop Art di Schifano e Adami, all’Arte Concettuale sino ad arrivare all’Arte Povera con Pistoletto, Merz, Paolini e Boetti.

Roberto Crippa, Composizione, 1954 tempera e olio su cartone, 483×647 mm Museo del Novecento, Collezione Boschi Di Stefano, Milano
Foto Luca Postini

La Soprintendenza Castello, in collaborazione con l’Area Biblioteche, organizza il 12 e 13 maggio Milano Graphic Art, due giorni di eventi dedicati alla grafica d’arte. Il progetto intende coinvolgere incisori professionisti e giovani artisti presenti sul territorio milanese per sensibilizzare il pubblico alle tecniche incisorie e al mondo dell’illustrazione e del fumetto. Sono previste laboratori didattici, incontri e percorsi con visite guidate nelle stamperie e in numerosi altri spazi della città.

Finalmente l’arte del disegno torna ad essere protagonista.

Francesca Bellola

About Francesca Bellola

Vive a Milano. Giornalista e direttore del portale OkArte.it, scrive per varie testate tra le quali: Il Giorno (quotidiano), Alpi Fashion Magazine, Ok Arte di cui ha diretto per sette anni il freepress cartaceo. E' curatore di mostre d'arte in sedi Istituzionali, private e gallerie in Italia. E' Art-Promoter di artisti affermati ed emergenti, organizzatrice ed ideatrice di eventi culturali. L'esperienza, acquisita nel corso degli anni per l'arte in tutte le sue forme, l'ha portata a coltivare ottime relazioni esterne con il suo staff. Adora i felini nella fattispecie i gatti perché hanno delle caratteristiche simili al suo carattere. Infatti è istintiva, indipendente, tenace e non ama le persone opportuniste e calcolatrici. Nel tempo libero gioca a tennis, nuota e fa shopping.

Check Also

Cattolica

Vacanza in Romagna? Cattolica è una delle mete più gettonate

Qualcuno si chiederà il perché. Per rispondere basta visitare il sito di Cattolica e si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.