La storia si rivive mangiando: questa è l’idea di fondo di “EATSTORY – da noi il cibo ha una storia”, il progetto realizzato dalla Coldiretti che verrà inaugurato il 5 Novembre a Pompei.

L’appuntamento porterà, o meglio riporterà, l’antica cucina romana nel sito Pompei, con lo scopo di mostrare, attraverso un viaggio nel tempo, i sapori del passato e lo stretto legame tra la storia del nostro paese e il suo patrimonio enogastronomico.

quadriportico-teatri-pompi-mappa-sito-alpi-fashion-magazineAl Quadriportico dei Teatri di Pompei l’evento EATSTORY

L’inaugurazione avrà luogo nello scenografico Quadriportico dei Teatri* (REGIO VIII,7,16-17),  nei pressi di Porta Stabia,  alle 9:30 alla presenza del ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini,  di Luigi Curatoli, direttore generale “Grande Progetto Pompei”, Massimo Osanna, soprintendente speciale per i beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia, e Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti.

Nel corso dell’evento verrà proposto un tipico pasto romano, cucinato secondo le modalità conservate dalla letteratura latina, composto da gustum (l’antipasto, solitamente a base di uova e ortaggi), primae mensae e secundae mensae, il momento del dessert.

pane-legumi-cucina-romana-eatstory-coldiretti-enogastronomia-alpi-fashion-magazine

I piatti del passato non saranno solo degustate in loco e acquistabili, infatti “EATSTORY” darà l’opportunità di conoscere e prendere parte attivamente ad attività legate al cibo: coltivazione, trasformazione e conservazione delle materie prime e dei prodotti.

Dal garum passando per il vino dolce e speziato, la cucina romana era molto particolare, agrodolce, e ricca. EATSTORY sarà un viaggio verso gusti inconsueti, quando il pomodoro non era ancora approdato sulle nostre coste.

Valentina Chirico

 

 

*Nella foto di copertina (Ph. Valentina Chirico): il cortile centrale del Quadriportico dei Teatri con l’installazione di Igor Mitoraj (fino a Gennaio 2017)
Per maggiori informazioni sugli prezzi e orari d’ingresso al Parco Archeologico di Pompei
Per scaricare la mappa completa del Parco Archeologico

Articolo precedenteLa ragazza del treno: coinvolgente psicodramma
Articolo successivoJack O’Connell nei panni di Mc Queen
Nata in una cittadina in provincia di Salerno, "Si è appena laureata in Archeologia e Storia delle Arti presso l’università “Federico II” di Napoli con una tesi in storia greca e non vede già l'ora d'intraprendere nuove avventure accademiche, lavorative e di vita. Lettrice onnivora, ama trascorrere le sue giornate seguendo corsi, viaggiando su un mezzo pubblico o lasciandosi trascinare da una grande curiosità verso lidi ignoti. Storia e arte sono solo l’inizio, perché crede che le meraviglie si nascondano ovunque e che ci sia tanto da scoprire intorno a lei. Tante passioni, forse troppe, ma non può e non vuole smettere di imparare: adora le lingue e le culture straniere, le ultime tendenze in fatto di moda e bellezza, il design moderno e la creatività applicata. E’ cresciuta tra profumi e rossetti e gestisce un blog, eppure non soffre di manie di grandezza e non è una IT girl; vuole solo divertirsi ed essere utile con le sue opinioni."

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.