Home Gourmet Gusto Corrado Fasolato …. La chiamano nostalgia

Corrado Fasolato …. La chiamano nostalgia

Per i nati nelle isole la chiamano “il mal dell’isola” ma per Corrado Fasolato era vera nostalgia, ed è’ tornato a casa, lo chef Fasolato, ha ritrovato i suoi silenzi, le vette imbiancate, l’aria frizzante, ma principalmente ha ritrovato casa sua, le sue origini, un sogno che sembrava impossibile ma diventato reale, dopo 25 anni di lavoro lontano da casa e dopo avere conquistato tre forchette del Gambero Rosso e due stelle Michelin ha ricominciato da zero, ma a casa sua!

Il mondo dei sogni di Corrado Fasolato si chiama Spinechile Resort e per arrivarci bisogna inerpicarsi sulle colline che circondano il comune di Schio, in provincia di Vicenza: un tornante dopo l’altro ci si immerge nei boschi e, giunti in Contrà Pacche, si può ammirare il sogno fatto realtà.

_O6C4807

Lo incontriamo prima di una colta e stupefacente lezione di showcooking, durante la seconda edizione della fiera veneta organizzata da Magnacook lo “Slurp Expo 2015”, a Schio, nell’Area Shed del restaurato Lanificio Conte e ci parla del suo affascinante viaggio nella cultura alimentare del territorio delle sue origini.

Il Veneto è la prima regione turistica d’Italia e per una buona parte dei suoi ospiti (il 33%) la spinta propulsiva verso il Veneto viene dall’enogastronomia e dalla ristorazione che ha saputo esaltare le straordinarie caratteristiche dei tradizionali prodotti agroalimentari del territorio.

Il mio sogno era quello di creare un posto, un luogo, un insieme fatto da tante cose, ospitalità, silenzio, panorama, prati e neve, viottoli e alberi, cibo e prodotti coltivati da me, rilanciando il ruolo del “ristorante” come canale di promozione e valorizzazione della cultura alimentare del territorio locale, delle produzioni tipiche e della qualità dei prodotti e dei servizi.

E in questo sogno fatto di prati innevati che circondano il casale, io non sono solo, ho creato “gruppo”, mia moglie e i figli, coinvolti nel coltivare e allevare tutto quanto poi viene portato in tavola: i miei prati e le mie colline, i viottoli nei boschi, i profumi e il canto degli uccelli, le albe e i tramonti…è tutto questo il mio mondo che porto in tavola!

Plumecake di stocafisso

La mia è stata una sfida, dopo anni di città fatte di caos, rumore e inquinamento, corse affannose con l’occhio all’orologio, agli appuntamenti, ho voluto coronare un mio progetto, penso innovativo, volevo far conoscere la grande cultura enogastronomica veneta che si ritrova anche nei piccoli centri, in cima ad una collina, in montagna, fra la neve, e i prodotti di qualità, la loro storia e le loro caratteristiche, coniugando quindi il piacere del buon cibo con la conoscenza del territorio, in pratica “vivere il territorio” in tutte le sue declinazioni. E per me la mia realtà sono i luoghi di casa mia, magici, dove ho trascorso la mia infanzia, luoghi che ho sempre custodito nel cuore, sulle colline appena sopra Schio, circondati da una natura ancora incontaminata, dal silenzio….luoghi sospesi nel tempo….e qui ritrovo il mio tempo.

PER INFO:

Tutte le informazioni sull’evento, tra cui orari, programmi e tutte le notizie utili, sono presenti sul sito internet ufficiale della manifestazione

Slurp Expo 2015 – 28 – 29 Marzo – Lanificio Conte, via Pasubio 99 Schio (Vi) ingresso gratuito, orario: 10 – 19.30

www.slurp.magnacook.it

e.mail: info@magnacook.it

press: Cristina Vannuzzi Landini – cristina.vannuzzi@gmail.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.