Home Moda Donna Abbigliamento Donna Balossa, la camicia bianca

Balossa, la camicia bianca

Balossa, la camicia bianca….a volte tutto questo candore sgomenta….

Parole leggere ma contenuti importanti, la sensazione unica e sensuale data dal bianco, il non colore, morbido e unico nella sua concezione glamour, incontri di culture diverse per un progetto di estrosa fantasia, pensata e non banale, e su tutto il concetto stesso del progetto espresso nel marchio, un capo che sembra un battito d’ali rubato al vento, il non colore che emoziona, leggero e iconico, il presente che narra il passato, la fantasia che ruba suggestioni ad un mondo fatto di civiltà a cui guardare, confrontarsi, apprendere.

_MG_2300

Indra Kaffemanaite, nata e cresciuta in Lituania negli anni dell’Unione Sovietica, con un’idea chiara nella mente, creare moda, concepire un suo brand e Indra si trasferisce in Italia con la volontà di emergere nel mondo della moda.

Nel 2005 frequenta una delle scuole più prestigiose, quella di Carlo Secoli, a Milano, il più noto istituto per modellisti. Poi un anno di Fashion Service, sviluppando campionari per i grandi nomi della moda, come Iceberg, Maurizio Pecoraro, Giambattista Valli e molti altri, ed infine, il grande salto, nel 2014 nasce Balossa,
una intera collezione di camicie, la camicia bianca, una intuizione.

MG_2661

La sua idea non è nuova, tantissimi stilisti hanno amato e interpretato “la camicia bianca” a cominciare dall’indimenticato Ferrè, e poi Armani nel suo rigore, Dolce e Gabbana, flash bianchi per la loro capsule collection nella contaminazione sicula del tutto nero, ma è nuovo il concetto di camicia bianca, trattata come un quadro, su una donna con la quale la stilista crea immediata una sorta di gioco di trasfigurazione ispirata dalla fantasia, un capo non banale dove Indra domina il tessuto, la materia che si fa leggerissima, esalta la linea, le pieghe, gli orli asimmetrici, i tagli, crea emozioni nel far parlare le immagini, la sua donna, nell’infinito candore, trova una nuova sensualità, mostrando particolari, braccia, collo, spalle, un ricciolo ribelle, attraverso tagli e pieghe, e dal gioco di chiaroscuro creato dalla luce del bianco emerge finalmente il volto di una nuova donna, moderna, contemporanea, esaltante, il prodigio della stilista Indra Kaffemanaite, stilista di Balossa.

 Cristina Vannuzzi Landini

www.balossashirt.com
biondi.communication.manager@gmail.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.