Andrea Sartore ritorna con un altro editoriale difficile da spiegare. È difficile perchè la fotografia parla per sè, mi è sempre piaciuta per questo motivo. Ogni foto racchiude ore di lavoro e una forza di imparare eccezionale, e come sempre Andrea ha realizzato un grande lavoro.

Questa volta Andrea, nella realizzazione del servizio ha collaborato con la modella Susan Veltman, dell’agenzia The One Models Management, la make-up e hairstylist Federica Lopiano e la stilista Giselle Sesi.

È facile percepire dalle foto il mood che ha spinto alla realizzazione del servizio. Look che mischiano lo stile femminile e quello maschile, un ritorno continuo all’unisex, dei look androgini, adatti a qualunque donna non abbia paura di far valere il proprio essere.

Nella semplicità dei look, la donna si mette in risalto con un trucco quasi naturale, che sottolinea i punti forti del suo viso. I colori predominanti nei tailleur sono il bianco e il nero, i colori definiti non colori. Le fantasie sono inesistenti, se non un pied-de-poule; come gli accessori, una coppola e degli orecchini dorati.

Sono coppie di opposti che si attragono, bianco e nero – uomo e donna. Un editoriale che indaga dei mondi opposti ma affini tra loro, che convivono nel bene e nel male e continuano ad evolversi. Forme morbide adagiate o strette per evidenziare e una prevalenza di pantaloni, perché ormai anche le donne “portano i pantaloni” e sono fiere di farlo.

Marina Greggio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.