Home / Attualità / Al via Agrisociabilis: il progetto formativo per giovani disabili contro la marginalità sociale
agrisociabilis

Al via Agrisociabilis: il progetto formativo per giovani disabili contro la marginalità sociale

C’è tempo fino al 21 settembre per poter partecipare al progetto formativo Agrisociabilis: l’agricoltura per l’autonomia di persone disabili, cioè alla selezione di quindici allievi con disabilità e disoccupati, residenti in Lucania. Con il cofinanziamento del Fondo sociale europeo, infatti, la Regione Basilicata ha affidato l’attuazione del progetto, che rientra nell’ambito dell’avviso pubblico “Interventi di sostegno alla qualificazione e all’occupabilità di cittadini diversamente abili, in campo agricolo”, all’ente di formazione e ricerca Enfor. La mission è quella di favorire l’inserimento nel mercato del lavoro di persone con disabilità; a tal fine, il progetto prevede un percorso teorico-pratico  che si propone di  soddisfare le esigenze dei giovani  interessati a svolgere attività agricole. «L’iniziativa – si legge nel bando – vuole anche sensibilizzare l’opinione pubblica sia sull’importanza del settore agricolo e, quindi, della sana alimentazione, sia sul tema della marginalità sociale, in linea con le direttive regionali in materia di inclusione». Si auspica anche una autonoma replicabilità dell’idea progettuale attraverso il network istituzionale che è stato costituito ad hoc.

Agrisociabilis è un Progetto formativo per i residenti della Basilicata

I beneficiari dell’iniziativa di formazione sono giovani con disabilità, disoccupati, ai sensi del D.lgs n. 150/2015 e s.m.i., residenti in uno dei comuni della Basilicata, e iscritti nelle liste del collocamento mirato, di cui all’art. 1 della legge  68 del 1999, di età compresa tra i 18 ed i 35 anni, con diploma di scuola media superiore, o in possesso dell’attestato dei crediti formativi raggiunti ai sensi del d.p.r. 323 del 23 luglio del 1998, al termine della scuola media superiore. In totale, il percorso formativo consta di cinquecento ore, di cui 200 previste per la formazione che si svolgerà presso le aule dell’ente Enfor, sito a Policoro, in via F. Fellini, altre cento ore di laboratori tematici, e, infine, le restanti duecento di stage. È prevista un’indennità di frequenza per ora che sarà corrisposta all’allievo insieme ad eventuali spese di rimborso viaggio.

Chiunque volesse partecipare potrà inviare, o presentare a mano, la domanda di partecipazione debitamente firmata, redatta in carta semplice secondo il modulo scaricabile sul sito web Enfor.it, corredata di una copia di un documento di riconoscimento valido; dovrà contenere tutte le informazioni richieste ed essere presentata a mano, o spedita a mezzo raccomandata A/R all’indirizzo: ENFOR-Ente di Formazione e Ricerca, Via F. Fellini, snc 75025 Policoro (MT), entro il  21 settembre del 2017. Farà fede il timbro postale di spedizione, e tutte le domande fuori tempo saranno dichiarate irricevibili.

Test a risposta multipla su elementi di biologia

I candidati saranno sottoposti ad un test con domande a risposta multipla riguardanti elementi di biologia (in particolare, atomi e molecole, la struttura e gli organi di una cellula, la fotosintesi,  i batteri,  le varietà biologiche e la linea evolutiva delle piante, la biosfera; ecosistema e habitat). Nel bando è fornita una utilissima bibliografia. Successivamente è  previsto un colloquio motivazionale e attitudinale «per valutare – sottolinea Enfor – le esperienze professionali dell’allievo finora maturate in riferimento alla figura professionale, l’interesse per le materie, gli argomenti e i contenuti inerenti al percorso formativo e le capacità relazionali e di adattamento al contesto dell’allievo».

La graduatoria finale degli ammessi all’attività formativa sarà redatta dalla commissione, in base alla somma dei punteggi conseguiti, con una valutazione espressa in centesimi.  A parità di punteggio sarà data precedenza al candidato più giovane di età. L’elenco sarà pubblicato sempre sul sito internet dell’ente di formazione, e affisso presso la stessa sede di Policoro entro il 26 settembre. «I candidati – si precisa ancora nell’avviso pubblico –  saranno convocati per le prove di selezione tramite telegramma o raccomandata e dovranno presentarsi, pena esclusione, muniti di un valido documento di identità».

www.enfor.it

Valeria Gennaro

About Valeria Gennaro

Giornalista, redattore di moda e beauty, cinema editor. Cultrice della materia in storia del cinema con la passione per la moda, i bijoux e la social communication. Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche.

Check Also

“Bomba”, il nuovo videoclip antimafia di Carlo di Vita

Quando la musica non è solo una semplice manifestazione di emozioni. Ma un vero e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.