Cancelleria, gadget, accessori e tantissimo altro: d’ora in poi sarà sempre più difficile fare a meno del design di Flying Tiger…

Flying TigerOgni negozio Flying Tiger è una sorpresa. Colorato, accogliente, alcuni potrebbero pensare che si rivolga quasi principalmente ad un pubblico molto giovane. E, in parte, è proprio così. Ma il bello è che il design di Flying Tiger piace a grandi e piccini in tutto il mondo, da Copenhagen al Giappone, forse per via di quello stile un po’ vintage, un po’ hipster e un po’ giocoso che contraddistingue ogni prodotto, dalle caramelle gommose (inclusi i marshmallow con simpaticissimi packaging) ai giocattoli retrò, dagli articoli di cancelleria alle decorazioni per le feste.

Flying Tiger Copenhagen è nata nel 1995 in Danimarca, dove inizialmente era un piccolo negozio che, nel tempo, si è evoluto in una catena da oltre 700 punti vendita, concentrati prevalentemente in Europa, Stati Uniti e Giappone. Alla loro prima apparizione, i negozi Flying Tiger Copenhagen provocarono una rivoluzione in ambito commerciale, dimostrando al pubblico che i buoni prezzi, la qualità e il design dei materiali possono essere parte dello stesso prodotto. Ora la catena si sta espandendo anche in Italia (compresa la Sardegna).

Flying Tiger
Il primo negozio italiano è stato inaugurato a Torino, nel 2011, ma oggi tanti nuovi punti vendita stanno comparendo nel cuore delle principali città italiane.

Flying TigerAl di là dell’atmosfera è divertente e giocosa, con musica e colori, il layout degli spazi espositivi è estremamente curato – una vera gioia per gli occhi! – e ogni mese c’è una novità da scoprire, per fare un tuffo nel passato e trovare nuovi spunti (ad esempio, potreste stupirvi nel constatare che certi oggetti ormai spariti dalla circolazione siano ancora in vendita!).

Il nome originale, “Tiger”, si è trasformato in “Flying Tiger Copenhagen” l’estate scorsa: infatti la denominazione ideata in Danimarca non poteva essere utilizzata anche nel resto del mondo. In Europa l’azienda veniva già chiamata “Tiger”, “TGR” e “Flying Tiger”, mentre in Giappone e negli Stati Uniti il nome è sempre stato “Flying Tiger Copenhagen”.

Un’altra simpatica idea è stata quella di creare il giornalino “Halløj”, che da aprile 2017 verrà distribuito ogni mese in tutti i negozi, ma anche su Facebook e sul sito web ufficiale: un piccolo spazio dove trovare ispirazione, risolvere puzzle, avere informazioni sui contest organizzati da Flying Tiger e scoprire in anteprima le sorprese del mese successivo.

Flying TigerAnche dopo il passaggio alla nuova denominazione, l’azienda si definisce sempre “la stessa giocosa, creativa e curiosa creatura. Desideriamo farvi scoprire cose nuove e utili che vi facilitino la vita o siano fonte di ispirazione per divertirsi in famiglia o con gli amici”.

In definitiva, sia che voi siate inguaribili nostalgici delle “cose belle” di una volta, sia che intendiate sperimentare prodotti unici per stupire i vostri amici con una ventata di freschezza, Flying Tiger vi creerà dipendenza… ma senza prosciugarvi il portafogli. Un’immersione al mese? Estremamente consigliata!

Maria Cristina Folino

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
0
Amore
0
Non saprei
0
Divertente
0
Maria Cristina Folino
Laureata in Pubblicistica e Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Salerno, specializzata in programmazione e gestione d'interventi per gli archivi e le biblioteche digitali, dal 2008 collabora con stampa locale e giornali online. Già docente di scrittura creativa ed esperta di comunicazione digitale, lavora come giornalista e content creator. Impegnata con l'associazione Felix Cultura e altre no-profit, ha vinto numerose competizioni artistico-letterarie a livello nazionale. In passato ha pubblicato una raccolta di poesie con Aletti Editore ("Ali di Gabbiano", Roma 2008) e due ebook, una fiaba e un saggio, con Edizioni Il Pavone ("Liberami da questo libro!", 2010 - "Tim Burton e il Catalogo delle Meraviglie", 2013). Su Instagram ha un account dedicato a libri e moda: seguila su @fashionreaders_books

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:Notizie