Home Eventi Skira Editore ancora una volta al BookCity Milano 2018

Skira Editore ancora una volta al BookCity Milano 2018

BookCity

Ancora una volta Skira Editore parteciperà al BookCity 2018 che si terrà a Milano dal 15 novembre al 18 novembre, con degli appuntamenti da non perdere!

Il primo è la presentazione del libro Dylan, una raccolta di fotografie di Jerry Schatzberg.

Come soggetto fotografico, Dylan era il migliore. Bastava puntargli addosso l’obiettivo e le cose semplicemente accadevano. Abbiamo avuto un buon rapporto e lui era disposto a provare qualsiasi cosa.
 – Jerry Schatzberg

Il libro riunisce gli iconici scatti di Schatzberg fatti a Bob Dylan, all’apice della sua carriera: i ritratti di studio, le fotografie in sala di registrazione, le rarità, i concerti. Nel 1965 Schatzberg incontrò un giovane Bob Dylan che era all’apice della sua fama e che lo invitò nello studio dove stava registrando Highway 61 Revisited, che includeva Like a Rolling Stone.

Le fotografie di Schatzberg catturano Dylan durante uno dei momenti più cruciali della storia della musica e includono le riprese di quello che sarebbe probabilmente diventato il suo più grande album, Blonde on Blonde. Immagini essenziali e intramontabili, che non solo resistono alla prova del tempo, ma sono anche diventate visivamente sinonimi di uno degli artisti più importanti del XX secolo.

Il secondo è Incipit
 – 2001 modi per iniziare un romanzo di Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi e Antonio Stella.

Come si inizia un romanzo? Quali sono gli incipit più famosi della letteratura di tutti i tempi? Un libro da leggere, consultare, con cui giocare, che ci rivela particolari insospettabili sugli autori e i romanzi che più abbiamo amato. Sono stati raccolti gli inizi di oltre duemila celebri libri, classificati secondo generi, vizi, virtù, epoche e paesi. L’introduzione di Umberto Eco renderà il tutto ancora più imperdibile.

Il terzo appuntamento prevede Artisti in galera di Alberto Manfredi con le illustrazioni di Tom Porta e la postfazione di Ezio Guaitamacchi.

“Questo libro è solo un’esplorazione. Non intende assolvere né condannare nessuno. Documenta solo fatti realmente accaduti a tanti artisti che sono divenuti testimoni e protagonisti della cultura di intere generazioni. Non sono biografie di artisti comunemente definiti ‘maledetti’, sono solo persone che hanno scelto di percorrere strade diverse, percorsi estremi e pieni di insidie per sentirsi ‘disperatamente’ più vivi e dare un senso alle loro esistenze, molto spesso bruciate in un lampo”.

Il lato oscuro dello star system è sempre stato ignorato, nascosto, persino censurato. Molte stelle sono cadute, precipitate in abissi esistenziali, crimini e scandali che le hanno condotte in un mondo senza luce: il carcere! Il viaggio nel buio ha coinvolto tantissimi artisti della musica, dal jazz al rock.

Artisti in galera è un percorso nel “braccio” della musica e nel “braccio del cinema”, epoche e esperienze diverse, di artisti diversi, ma in qualche modo collegati tra loro: vite percorse su un filo di lana, molte volte in opposizione allo stesso sistema che li ha eletti a icone per intere generazioni. I fatti, i dati e le testimonianze raccolte sono il risultato di lunghe ricerche iconografiche dell’autore, Roberto Manfredi, appassionato biografo e autore televisivo.

Il quarto presenta Minimal Film
 – L’universo del cinema reinterpretato graficamente di Matteo Civaschi

L’intento di Minimal Film consiste nel rappresentare l’emozione del cinema attraverso la sintesi estrema e la semplicità delle forme tipiche di Shortology, un linguaggio immediato in grado di raccontare qualsiasi cosa attraverso i pittogrammi.

E poi c’è il colore o, meglio, gli abbinamenti di colore che, oltre a rendere ogni illustrazione visivamente impattante ed efficace, sottolineano la tensione narrativa generale del film.
 Ad esempio: un cerchio bianco appoggiato su una distesa di colore blu è sufficiente a raffigurare il pallone Wilson di Cast Away. Nelle pagine di Minimal Film troverete gran parte dei film che ne hanno fatto la storia: dall’immortale saga di Star Wars al cinema “d’autore”, passando per le serie tv, come Game of Thrones e Breaking Bad. Un libro sulle emozioni, sui solchi indelebili che il cinema ha lasciato nel nostro immaginario di spettatori e amanti della settima arte.

E infine ecco riproposto Ver Sacrum – La rivista della Secessione viennese
 1898-1903di Gustav Klimt, Koloman Moser, Otto Wagner, Alfred Roller, Max Kurzweil, Joseph M. Olbrich e Josef Hoffmann.

La rivista “Ver Sacrum” – di cui vi avevo parlato in un precedente articolo – fu l’organo di stampa della Secessione viennese e propose in modo originale nuove forme di progettazione e illustrazione. L’influenza di queste novità rappresenta uno dei capisaldi della modernità dell’arte europea.

Ideata da Gustav Klimt, Max Kurzweil e da Ludwig Hevesi, la rivista illustrata nacque nel 1898 ed ebbe una regolare tiratura periodica fino al 1903, racchiudendo tra le sue pagine, oltre ad importanti interventi sulla letteratura, la musica e le arti contemporanee, una ricchissima messe di incisioni e invenzioni decorative dei maestri della Secessione.

L’obiettivo perseguito da “Ver Sacrum” era educare il pubblico al gusto moderno e, allo stesso tempo, dar vita a un’opera d’arte totale, la cosiddetta Gesamtkunstwerk; proprio per questo ogni numero, nella fusione tra parole, immagini, note musicali e invenzioni grafiche era un’opera d’arte in sé, una perfetta rappresentazione degli ideali secessionisti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.