Oggi vi portiamo per mano come spettatori di un evento meraviglioso in una location che si affaccia sul mare pugliese, per assistere ad una lezione di stile, allestita con il metodo dei tableau vivant, fra gli olivi, fatta di arte, cultura, danza, musica, artigianato e moda, il Gala Art d’Or a Villa Erada.

Villa Erada a Bari,  di sera, al tramonto, dove le luci e i suoni  rendono la città come fatata; di giorno resa frenetica dal traffico e dalle temperature torride, la notte nel giardino incantato fatto di abbracci di olivi Marina Corazziari, artista stilista di gioielli e coreografa, ha riunito una kermesse di stelle che hanno reso indimenticabile una notte, dove si sono indossati sogni e pensieri rappresentati da tableau vivant disseminati nel parco, si è assistito ad una lezione di alta sartoria e artigianato che ha dato la misura di immagini esibite, come confessioni di anime leggere, eclettiche, piene di fantasia dove arte e musica sono riuscite a creare un trend, come un romanzo, per far leggere un sogno, dove non sono bastate le parole a descrive la magia di una notte, senza codici, facendo parlare solo la bellezza.

“Ago e filo” ci dice Marina Corazziari, “essere stilisti non vuol dire gestire la moda ma essere il tramite tra l’abito e la persona che lo andrà ad indossare, essere l’artefice della propria eleganza in modo che quello che si indossa diventi unico, tornare al “fatto a mano”, tornare al capo finito come un prodotto esaltando i valori reali del nostro mondo che sono principalmente le persone e poi ago e filo, sapienza e manualità, materiali e lavorazioni, tessuti, abiti che raccontano storie, le persone che “vivono” l’abito e sono gli autori dei loro capolavori.

Ho voluto dare, nel gioco di questa notte piena di stelle, all’imbrunire della mia città, una risposta ponderata alla frenesia della moda, intesa come sistema del tempo, la moda che brucia se stessa, linea dopo linea, relegata in capsule collection, il tempo che brucia tutto, dopo i mesi terribili della pandemia, ho voluto fare una riflessione, dove la società è pronta a cambiare, ritrovare la qualità, come dicevano prima comprare meno e meglio, capi che durano, che si ritrovano negli armadi perché fatti di bellezza, di cura e sacrificio e di tanto talento. Ritornare all’origine di tante cose, ritrovare, nel vestirsi, l’identità personale, non per assomigliare ad altri, ma essere unici”.

La serata, che ha avuto come madrina la splendida attrice Ottavia Fusco Squitieri e come fotografo ufficiale Checco Di Tullio, è stata  presentata da una bella e spumeggiante Erika Gottardi,  sullo sfondo il contributo di arte, moda e suono nella creazione delle immagini e della musica del  DJeM, abbinata ai colori ironici e spudorati degli acrilici di Guido Corazziari, che generosamente ne ha donato uno per devolverlo in solidarietà, gli abiti di un maestro del glamour come Massimo Crivelli, gli abiti scintillanti di Arianna Laterza e la creatività di Filippo Laterza, le torte fashion di tessuto e seta di Dominique Dellisanti, ed infine i gioielli meravigliosi della padrona di casa,  Marina Corazziari Jewels, flash di suoni, luci e colore, nell’anima live degli olivi del Parco di Villa Erada, dove, per una notte, Marina Corazziari ha riunito tante stelle della moda dove ognuno, per suo conto, ha dato una vera lezione di stile.

E dunque via ai contrasti, su tutto e il contrario di tutto, sull’individualità e l’esaltazione della creatività, poi i viaggi nel mondo attraverso gli abiti esibiti, immobili nei tableau vivant per farsi ammirare, pronti a prendere il volo come farfalle leggere, come scorribande senza tempo, colori suoni e immagini di paesi lontani trasportati dalla fantasia, come se fossero accessori per perdersi e poi ritrovarsi, la  donna nel suo giorno più bello presentata come una musa moderna, una amazzone metropolitana fuggita verso nuove avventure.

Accessori in linea alla filosofia dell’organizzazione, il fatto a mano, l’artigianato per donne speciali, colori e tessuti per un caleidoscopio di colori, impossibile non notarle e dimenticarle, oggetti senza tempo, opere d’arte espressione dell’estro e del virtuosismo tecnico dell’artista.

L’evento, culminato in una cena estiva, firmata da un fuoriclasse della cucina d’autore, accompagnata dai vini delle cantine più rappresentative della Puglia, ha avuto ampia visibilità su testate nazionali e locali ed è stato ripreso da diverse emittenti radio-televisive, tra cui Rai e Mediterranea TV.

Premio Eccellenze:

La serata è proseguita  con la consegna dei Premi, a cura di altrettanti nomi prestigiosi alle Eccellenze prescelte:  Ottavia Fusco Squitieri – Premio alla memoria del regista Pasquale Squitieri,  Mary Marabini – Professioni della Moda,  Filippo Laterza – Moda, Tarshito – Arte, Cristina Caiulo – Architettura, Alessandro Loprieno – Cinema,  Prof. Francesco Schittulli– Medicina, Dott. Elio Costantino – Solidarietà, Dott. Francesco Longobardi – Volontariato/Formazione, Prof. Matteo Gelardi – Scienza, Avv. Eufemia Ippolito – Finanza, Enrica Simonetti – Giornalismo, Maurizio Galliani– Comunicazione, Walter D’Errico – Media, Grazia Pitorri – Giornalismo , Mirna Diliddo – Promesse Young, Cav. Luciano Pio Papagna – Imprenditoria Wedding, Nicola Mecca – Imprenditoria Food, Mirko Guglielmi – Art Director Wedding e Spettacolo.

Staff Organizzativo e Direzione artistica “Spazio Art d’Or”:
Marina e Guido Corazziari
Gian Piero Cozza
Giuseppe Cardarola – Patrizia Dibari

Un grazie ai MediaPartner

DITUTTO settimanale

Mediterranea TV che ha ripreso in diretta la serata

Grazie a MIXMUSICLIVE

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
0
Amore
0
Non saprei
0
Divertente
0
Marina Greggio
Innamorata delle lingue e colleziono instancabilmente viaggi. Nel tempo libero scrivo, leggo, corro e mangio. Milano e Londra sono le mie due case, i due posti in cui il mio cuore si divide.

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in:Eventi